I migliori dischi del Decennio Zero (2000-2009)






CLASSIFICA DELLA REDAZIONE DI ONDA ROCK

Anni Duemila, Anni Zero, Noughties: neanche sul nome si riesce a raggiungere una linea comune. Nella babele di questo decennio, che senso puó avere una classifica dei dischi "migliori"?
Come tale, nessuno. Se dieci anni di community e micro-climi internettiani hanno insegnato qualcosa, è che termini come "migliore", "oggettività", "imparzialità" sono inadatti alla musica. Non ci sono paradigmi universali, né gerarchie onnicomprensive; non ci sono "critici" illuminati che non siano prima di tutto anche fan con le loro fisse e i loro (pre)giudizi irrazionali.
La "grande corrente" che creava un'illusione di fondatezza per questi concetti si è ripartita oggi in mille rivoli soggettivi: tonnellate di produzioni, generi che nascono e muoiono nell'arco di pochi mesi, e soprattutto tantissime sensibilità diverse. Chiavi di lettura trasversali ma inconciliabili, che rifuggono ogni ortodossia critica. Eppure, nel loro piccolo incisive; perfino necessarie per comprendere i fenomeni. Al fiume in piena del rock del secolo scorso si è sostituito un labirinto di pozze intercomunicanti, ognuna con le sue logiche, ognuna con le sue dinamiche irriducibilmente parziali. Sottoporle alla stessa ottica gerarchizzante dei decenni passati non renderebbe conto della diversità del panorama.
E allora, perché una classifica? Perché nonostante tutto, elencare le proprie preferenze e trarne un bilancio complessivo ha ancora un senso. Non quello di spiegare che cos' è stata la musica di questi dieci anni, ma di rivelare chi siamo noi. Ondarock, una pozza tra le tante che hanno attraversato questo decennio complicato. Una tribù di opinioni che nonostante la varietà interna mostrano ancora qualche convergenza.
Più un modo per scoprire le nostre radici comuni, dunque, che uno sterile elenco di "migliori". Una foto di famiglia. Con un po' di narcisismo, la regaliamo ai lettori, sperando che riconoscano qualche volto e si facciano incuriosire dagli altri. E che un pezzettino della nostra storia possa diventare parte delle loro.
 
DAFT PUNK - Discovery (2001)
131
RADIOHEAD - Kid A (2000)
125
ARCADE FIRE - Funeral (2004)
115
4
WILCO - Yankee Hotel Foxtrot (2002)
105
5
NOTWIST - Neon Golden (2002)
99
6
cLOUDDEAD – Clouddead (2001)
97
7
SUFJAN STEVENS – Illinois (2005)
95
8
SIGUR ROS - () (2002)
85
9
INTERPOL - Turn On The Bright Lights (2002)
76
10
JOANNA NEWSOM – Ys (2006)
64
11
SUPERSILENT - 6 (2003)
62
12
BLACK DICE - Beaches & Canyons (2002)
60
 
MICROPHONES - Mount Eerie (2003)
60
14
COLLEEN - Golden Morning Breaks (2005)
59
15
PAN SONIC - Kesto (2004)
57
16
DIRTY THREE - Whatever You Love, You Are (2000)
52
 
MICROPHONES - The Glow Pt 2 (2003)
52
 
NATURAL SNOW BUILDINGS - The Dance of the Moon and the Sun (2006)
52
 
TOOL – Lateralus (2001)
52
20
STORM AND STRESS - Under Thunder and Fluorescent Lights (2000)
51
21
RADIOHEAD - Amnesiac (2001)
49
22
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR - Lift Yr. Skinny Fists Like Antennas to Heaven! (2000)
48
23
LCD Soundsystem - LCD Soundsystem (2005)
47
24
AA.VV. - DFA Compilation #2 (2004)
46
AT THE DRIVE-IN - Relationship Of Command (2000)
46
26
DALEK - Absence (2005)
45
27
KEITH FULLERTON WHITMAN - Lisbon (2006)
43
28
FENNESZ - Endless Summer (2001)
42
29
OKKERVIL RIVER - Black Sheep Boy (2005)
40
Il giorno che la house ritornò bambina con i suoi sogni pop e le sue speranze di avventure sterminate. I Daft Punk di "Discovery" conquistano il trono del decennio nella classifica della redazione di OndaRock. A seguire, sul podio, Radiohead e Arcade Fire. Ma nella "top 51" non mancano outsider a sorpresa, dai Natural Snow Buildings agli Indian Jewelry.  Ecco la classifica completa.
30
SHIT AND SHINE – Ladybird (2005)
38
31
WON JAMES WON - Theorist Attack (2006)
37
32
ANTONY AND THE JOHNSONS - Antony and the Johnsons (2000)
36
 
CAT POWER - You Are Free (2003)
36
 
MARS VOLTA - Frances The Mute (2005)
36
 
WILCO - A Ghost Is Born (2004)
36
36
FOUR TET - Rounds (2003)
35
 
INDIAN JEWELRY - Free Gold! (2008)
35
 
VOLCANO THE BEAR - Classic Erasmus Fusion (2006)
35
39
ANIMAL COLLECTIVE - Here Comes The Indian (2003)
34
40
BLOC PARTY - Silent Alarm (2005)
33
 
BURIAL – Untrue (2007)
33
 
INFIDEL?/CASTRO! - Bioentropic Damage Fractal (2005)
33
 
J DILLA – Donuts (2006)
33
44
THROBBING GRISTLE - Part Two: The Endless Not (2007)
32
45
COIL - The Ape Of Naples (2005)
31
 
EL GUAPO - Fake French (2003)
31
 
ELLIOTT SMITH - From The Basement On The Hill (2004)
31
48
16 HORSEPOWER - Secret South (2000)
30
49
BOOKS - Thought For Food (2002)
29
 
MATT ELLIOTT - Drinking Songs (2005)
29
51
LIARS – Drum’s Not Dead (2006)
28


CLASSIFICA DI CLAUDIO FABRETTI
.
MATT ELLIOTT - Drinking Songs (2005, Uk) [songwriter]
AIR - The Virgin Suicides (2000, Francia) [soundtrack, elettronica]  
INDIAN JEWELRY - Free Gold! (2008, Usa) [psych-rock]
4
FIERY FURNACES - Ep (2005, Usa) [indie-pop]
5
BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL - The Scavenger Bride (2002, Usa) [gothic]
6
INTERPOL - Turn On The Bright Lights (2002, Usa) [new new wave]
7
MICROPHONES - Mount Eerie (2003, Usa) [avantgarde]
8
SIGUR ROS - () (2002, Islanda) [dream-post-rock]
9
BLACK DICE - Beaches & Canyons (2002, Usa) [ambient-noise]
10
MARISSA NADLER - The Saga Of Mayflower May (2005, Usa) [folk]
11
PORTISHEAD - Third (2008, Uk) [trip-hop]
12
ONEIDA - Each One Teach One (2002, Usa) [psych-rock]
13
RADIOHEAD - Amnesiac (2001, Uk) [electro]
14
DIRTY THREE - Whatever You Love You Are (2000, Australia) [post-rock]
15
cLOUDDEAD - cLOUDDEAD (2001, Usa) [hip-hop]
16
VINICIO CAPOSSELA - Canzoni a manovella (2000, Italia) [songwriter]
17
ROYKSOPP - Melody A.M. (2001, Norvegia) [electro-dance]
18
COLLEEN - The Golden Morning Breaks (2005, Francia) [folktronica, avantgarde]
19
DAFT PUNK - Discovery (2001, Francia) [house-techno, pop]
20
TWO LONE SWORDSMEN - From The Double Gone Chapel (2004, Uk) [electro-wave]
21
NOTWIST - Neon Golden (2002, Germania) [indietronica, ambient-pop]
22
RACHEL'S - System/Layers (2003, Usa) [post-rock]
23
CAT POWER - You Are Free (2003, Usa) [songwriter]
24
ANTONY & THE JOHNSONS - I Am A Bird Now (2005, Uk) [folk-pop, songwriter]
25
PIANO MAGIC - Disaffected (2005, Uk) [indie-pop, wave]
26
BOOKS - The Lemon Of Pink (2003, Usa) [folktronica]
27
GOLDFRAPP - Felt Mountain (2001, Uk) [trip-hop, dream-pop]
28
COLDER - Heat (2005, Francia) [electro-wave]
29
LIARS - Drum's Not Dead (2006, Usa) [no wave, avant-rock]
30
JOANNA NEWSOM - Ys (2006, Usa) [alt-folk]
31
BOARDS OF CANADA - Geogaddi (2002, Uk) [elettronica, idm]
32
TENHI - Maaäet (2006, Finlandia) [neo-folk]
33
GALA DROP - Gala Drop (2009, Portogallo) [ethno-world, elettronica]
34
ELLIOTT SMITH - From A Basement On The Hill (2004, Usa) [songwriter]
35
HAVE A NICE LIFE - Deathconsciousness (2008, Usa) [gothic]
36
FLAMING LIPS - Embryonic (2009, Usa) [psych-rock]
37
WILCO - A Ghost Is Born (2004, Usa) [alt-folk-rock]
38
ELUVIUM - Copia (2007, Usa) [ambient]
39
CARLA BOZULICH - Evangelista (2006, Usa) [blues-folk]
40
THROBBING GRISTLE - Part Two - The Endless Not (2007, Uk) [industrial]
41
YANN TIERSEN & SHANNON WRIGHT - Yann Tiersen & Shannon Wright (2005, Usa/Francia) [alt-folk, songwriter]
42
CHARALAMBIDES - Joy Shapes (2004, Usa) [psych-folk, avantgarde]
43
ANDREW BIRD - Andrew Bird & The Mysterious Production Of Eggs (2005, Usa) [songwriter, indie-pop]
44
DJ SPRINKLES - Midtown 120 Blues (2008, Usa) [deep-house]
45
PAN SONIC - Kesto (2004, Finlandia) [elettronica, ambient-noise, industrial]
46
ARCADE FIRE - Funeral (2004, Usa) [indie-pop]
47
MURCOF - Remembranza (2005, Messico) [minimal classical, ambient]
48
ORGAN - Grab That Gun (2006, Canada) [new new wave]
49
QUEENS OF THE STONE AGE - Songs For The Deaf (2002, Usa) [stoner-rock]
50
FRANZ FERDINAND - Franz Ferdinand (2004, Uk) [pop-rock, new new wave]
MATT ELLIOTT - Drinking Songs
Un'opera dai toni magnificamente foschi e decadenti. Elliott pone in musica la propria visione fatalista del mondo, del quale non può far altro che constatare il tragico destino, segnato dalla follia della guerra e della corsa agli armamenti. La colonna sonora ideale per un decennio depresso e angosciato, marchiato a fuoco da una data: 11 settembre.

AIR - The Virgin Suicides
La memorabile colonna sonora del film di Sophia Coppola firmata dai due spaceboy francesi, mai così cupi e struggenti

INDIAN JEWELRY - Free Gold!
Il Texas stroboscopico della "gioielleria indiana", il collettivo a espansione continua che sta cambiando faccia alla scena psych-rock contemporanea
 
__ALTRE PLAYLIST DEL DECENNIO "ZERO"
 

Top 10 Italia
1. Vinicio Capossela
- Canzoni a manovella (200)
2. Ardecore - Ardecore (2005)
3. Ianva - Disobbedisco! (2006)
4. Offlaga Disco Pax - Socialismo tascabile (2005)
5. Bachi da Pietra - Non io (2007)
6. Port-Royal - Afraid To Dance (2007)
7. Spiritual Front - Armageddon Gigolo (2006)
8. Zu - Carboniferous (2009)
9. Paolo Conte - Razmataz (2001)
10. Baustelle - Sussidiario illustrato della giovinezza (2000)

Voci femminili:
1. Marissa Nadler
2. Elizabeth Anka Vajagic
3. Tara Burke
(Fursaxa)
4. Eleanor Friedberger
(Fiery Furnaces)
5. Beth Gibbons
6. Cat Power
7. Carla Bozulich 
8. Shannon Wright

Voci maschili:
1. Antony
2. Bill Callahan
3. David Sylvian
4. Jamie Stewart
(Xiu Xiu)
5. Mark Lanegan

Singoli brani (in ordine sparso):
Elizabeth Anka Vajagic - With Hopes Lost
Indian Jewelry - Swans
Sigur Ròs - Track 3
Black Tape - Bastille, 1961
Interpol - Obstacle 1

Portishead - The Rip
Organ - A Sudden Death
Sufjan Stevens - John Wayne Gacy Jr.
Elliott Smith - Pretty (Ugly Before)
Goldfrapp - Lovely Head
Fiery Furnaces - Here Comes The Summer
Fiery Furnaces - Straight Street
Shivaree - Goodnight Moon
Air - Dirty Trip
Dirty Three - Some Summers They Drop Like Flys
Dan Auerbach – When I Left The Room
M83 - Kim & Jessie
Microphones - Universe
The Duckworth Lewis Method - Gentlemen And Players
Franz Ferdinand - Take Me Out

The Knife - Silent Shout
Brisa Roch è - Whistle
Wilco - Hell Is Chrome
Destroyer - Looters' Follies
V. Capossela - S.S. dei naufragati
Cat Power - The Greatest
Cat Power - I Dont' Blame You
Joanna Newsom - Emily
Scott Walker - Clara
Carla Bozulich - Evangelista I
White Stripes
– 7 Nation Army
Beth Gibbons & Rustin Man - Mysteries
Liars - The Other Side of Mt. Heart Attack
Eluvium - Prelude For Time...
Jens Lekman - Friday Night At The Drive-In Bingo
Andrew Bird – Sovay
Cyann & Ben - Sunny Morning
Tenhi - Varpuspäivä
Loscil - Charlie
David Maranha - Infinite March
Fursaxa - Velada
Jesu - Walk On Water
Bat For Lashes - What's A Girl To Do?
Marissa Nadler - Famous Song
Murcof - Recuerdos
Two Lone Swordsmen - The Lurch
Mark Lanegan & Isobel Campbell - Who Built The Road
CocoRosie - Terrible Angels
Dresden Dolls - Coin-Operated Boy
Radiohead - Pyramid Song
Smog - Vessel In Vain
Notwist - Pick Up The Phone
Royksopp - Eple
Madonna – Hung Up
Antony - You Are My Sister
A Taste Of Ra - Lovearth Song
Tiersen/Wright - Dragon Fly
Patrick Wolf - The Libertine
Colleen - Everything Lay Still
Matt Elliott - The Kursk
Flaming Lips – Powerless
Piano Magic - Night Of The Hunter
Gala Drop
– Holy Heads
Autumn Shade - Home
Daft Punk - Harder, Better, Faster, Stronger
Arcade Fire - Neighborhood #2
Johann Johannsson
- Fordlândia
Mi And L’Au - Bingo
Hercules & Love Affair
- Blind
Queens Of The Stone Age - No One Knows
Throbbing Gristle - Endless Not
Jesu
- Your Path To Divinity
Colder - Losing Myself
Coldplay - Yellow
Patrick Wolf – Hard Times
Neon Indian
– DeadBeat Summer
Cold Cave
– Life Magazine
Fuck Buttons - Olympians

 

CLASSIFICHE DEI REDATTORI DI ONDA ROCK
.
MARCO BERCELLA

1


2

3

4

5

6

7


8


9


10


11

12

13

14

15

16


17

18


19

20


21

22

23

24

25



26

27


28


29

 

30
 

31

32


33

34

35

36

37


38

39

40

41

42

43


44

45


46

47


48

49

50

INTERPOL - Turn On The Bright Lights (2002)

Arcade Fire - Funeral (2004)

Daft Punk - Discovery (2001)

Books - The Lemon Of Pink (2003)

Junior Boys - Last Exit (2004)

Air - 10 000 Hz Legend (2001)

Patrick Wolf - Wind In The Wires
(2005)

Two Lone Swordsmen - From The Double Gone Chapel (2004)

Lcd Soundsystem - Lcd Soundsystem (2005)

Divine Comedy - Absent Friends
(2004)

Notwist - Neon Golden (2002)

Coldplay - Parachutes (2000)

Rachel's - System/Layers (2003)

El Guapo - Fake French (2003)

Fennesz - Endless Summer (2001)

Felix Da Housecat -  Kittenz and Thee Glitz (2002)

Primal Scream - XTMNTR (2000)

Johnny Cash - American IV The Man Comes Around (2002)

Khonnor - Handwriting (2004)

Colleen - The Golden Morning Breaks
(2005)

Stateless - Stateless (2007)

Bobby Conn - King For A Day (2007)

Portishead - Third (2008)

David Sylvian - Blemish (2003)

John Foxx-Robyn Guthrie - Mirrorball (2009)

Postal Service - Give Up (2003)

Tarwater - Dwellers On The Threshold (2002)

Radio Dept - Lesser Matters (2003)

The Duckworth Lewis Method - The Duckworth Lewis Method (2009)

Lali Puna - Scary Word Theory
(2001)

Ladytron - 604 (2001)

Liars - They Were Wrong So We Drowned (2004)

Mercury Rev - All Is Dream (2001)

Royksopp - Melody A.M. (2001)

Eels - Daisies Of The Galaxy (2000)

Boards Of Canada - Geogaddi (2002)

Franz Ferdinand – Franz Ferdinand
(2004)

Goldfrapp - Felt Mountain (2001)

Four Tet - Rounds (2003)

Smog - Dong Of Sevotion (2000)

Xiu Xiu - Knife Play (2002)

Å - Å (2006)

B Fleischmann - Welcome Tourist
(2003)

Velma - Ludwig (2003)

Sylvain Chauveau - Le Livre Noir Du Capitalisme (2000)

Zero 7 - Simple Things (2001)

M83 - Dead Cities, Red Seas & Lost Ghosts (2003)

Hot Chip - Coming On Strong (2004)

Trans Am - The Red Line (2000)

Clinic - Walking With Thee (2002)

    
ANTONIO CIARLETTA

1


2


3

4



5


6

7


8


9


10


11

 

12



13

14



15



16


 

17


18
 


19



20

WILLIAM BASINSKI - The Disintegration Loops (2001, 2062)

Volcano The Bear - Classic Erasmus Fusion (2006, Beta Lactam Ring)

Mike Pathos
- People (2004, Tzadik)

Avey Tare & Panda Bear
- Spirit They're Gone, Spirit They've Vanished (2000, Animal)

Stars Of The Lid
- The Tired Sounds Of (2001, Kranky)

Dalek
- Absence (2005, Ipepac)

Keith Fullerton Whitman
- Lisbon (2006, Kranky)

Sightings
- Through The Panama (2007, Load)

Black Dice
- Beaches And Canyons (2002, Dfa)

Books
- Thought For Food   (2002, Tomlab)

Sufjan Stevens
- Illinois (2005, Asthmatic Kitty)

Natural Snow Buildings
- The Dance Of The Moon And The Sun (2006, Self Released)

Burial
- Untrue (2007, Hyperdub)

Peeesseye
- Mayhem In The Mansion, Shivers In The Shack (2007, Evolving Ear)

Dopplereffekt
- Linear Accelerator (2003, International Deejay Gigolo Records)

Omar Souleyman
- Highway To Hassake (Folk And Pop Sounds Of Syria) (2007, Sublime Frequencies)

Fennesz
- Endless Summer (2001, Mego)

Gala Drop
- Gala Drop (2009, Gala Drop Records)

Birchville Cat Motel
- Gunpowder Temple Of Heaven (2008, Pica Disc)

Supersilent
- 6 (2003, Rune Grammofon)


MICHELE SARAN

1

2

3

4
 


5
 

6

7
 

8

9

10
 

11

12
 

13
 

14

15
 

16

17
 

18
 

19
 

20


21

22


23

24

25


26

27

28



29

30

31

32

33


34

35

36

37

38

39

40

 

41

42

43


44

45


46

47

48


49


50





1

2

3


4
 

5

6


7
 

8

9

10
 

11


12

 

13
 

14

15
 

16


17
 

18
 

19

20

21

22

23

24

25


26

27

28


29

30

JOANNA NEWSOM - Ys

Spring Heel Jack
- Disappeared

Shit And Shine - Ladybird

Dirty Three - Whatever You Love You Are

Mars Volta - Frances The Mute

Vladislav Delay - Anima

Solex - Low Kick And Hard Bop

Everlovely Lightningheart - Cusp

Colleen - Golden Morning Breaks

Scott Tuma - Hard Again

Carla Bozulich - Evangelista

Pan Sonic - Kesto

Orthrelm - OV

Aun - Motorsleep

Supersilent - 6

Charalambides - Joy Shapes

Hella - Church Gone Wild/Chirpin Hard

Black Dice - Beaches & Canyons

Xiu Xiu - La Foret

To Kill A Petty Bourgeoisie - The Patron

Khanate - Things Viral

TV On The Radio - Return To Cookie Mountain

Eluvium - Talk Amongst The Trees

Panda Bear - Person Pitch

Pelt - Ayahuasca

Cerberus Shoal - Mr Boy Dog

Wilco - Yankee Hotel Foxtrot

M83 - Dead Cities Red Seas & Lost Ghosts

Lofty Pillars - Amsterdam

Xiu Xiu - A Promise

Shit And Shine - Jealous Of

Sufjan Stevens - Illinois

Comets On Fire -  Field Recordings From The Sun

Keith Fullerton Whitman - Lisbon

Shannon Wright - Honeybee Girls

Tool - Lateralus

Apse - Climb Up

Fiery Furnaces - Blueberry Boat

Juana Molina - Un Dia

Amon Tobin - Out From Out Where

Arcade Fire - Funeral

Dan Deacon - Bromst

Animal Collective - Spirits They’re Gone

cLOUDDEAD - cLOUDDEAD

Antlers - Hospice

Battles - Mirrored

Jessica Bailiff - Jessica Bailiff

Fuck Buttons - Street Horrrsing

Today Is The Day - Sadness Will Prevail

Books - Lemon Of Pink


Italiani:

WITH LOVE - A Great Circle

Zu - Igneo

My Cat Is An Alien - The Cosmological Eye Trilogy

Giardini Di Mirò - Rise and Fall

Weltraum - Sy

Jennifer Gentle - Funny Creatures
Lane

Testadeporcu - Acciaiu

Beatrice Antolini - A Due

Ronin - Ronin

Petrina - In Doma

Sense Of Akasha - People Do Not Know Who Rules

Julie’s Haircut - Our Secret
Ceremony

Gerda - Gerda

Forbici Di Manitu - L’Infanzia di M

Mariposa - Profitti Now

To The Ansaphone - To The
Ansaphone

Larsen - Play

Caboto - Hidden Or Just Gone

Duozero - No Programma

Ephel Duath - Phormula

XP Devices - Starrust & Ballast

Clark Nova - So Young

Maisie - Do You Still Remember

Deus Ex Machina - Cinque

Humanoira - L’Arte di Sciogliere La Neve

Uzeda - Stella

Faccions - Faccions

Franklin Delano - Like a Smoking Gun in Front of me

Dadamatto - Ti Tolgo La Vita

Bron Y Aur - Bron Y Aur


 

GABRIELE BENZING

1


2

3


4


5


6

7

8


9


10


11
 

12


13

14


15


16

17
 


18


19


20

21


22


23


24


25
 

26


27

28


29



30

OKKERVIL RIVER – Down The River Of Golden Dreams (2003)

Wilco
– A Ghost Is Born (2004)

Andrew Bird – The Mysterious Production Of Eggs (2005)

Joseph Arthur – Come To Where I’m From (2000)

The Mountain Goats – The Sunset Tree (2005)

Arcade Fire – Funeral (2004)

Radiohead – Kid A (2000)

Eels – Blinking Lights And Other Revelations (2005)

M. Ward – Transfiguration Of Vincent (2003)

The Decemberists – Castaways And Cutouts (2002)

Bright Eyes – Fevers & Mirrors (2000)

Califone – Quicksand/Cradlesnakes (2003)

Sufjan Stevens – Illinois (2005)

Bonnie “Prince” Billy – Ease Down The Road (2001)

Jon Foreman – Fall, Winter, Spring, Summer (2008)

Shearwater – Palo Santo (2006)

Micah P. Hinson – Micah P. Hinson And The Red Empire Orchestra (2008)

Chris Bathgate – A Cork Tale Wake (2007)

Mojave 3 – Excuses For Travellers (2000)

Beck – Sea Change (2002)

Giant Sand – Chore Of Enchantment (2000)

Iron & Wine – Our Endless Numbered Days (2004)

Damien Jurado – Ghost Of David
(2000)

Bon Iver – For Emma, Forever Ago (2007)

Devendra Banhart – Niño Rojo (2004)

Elvis Perkins In Dearland – Elvis Perkins In Dearland (2009)

Vic Chesnutt – At The Cut (2009)

Silver Jews – Bright Flight (2001)

Belle & Sebastian – Fold Your Hands Child, You Walk Like A Peasant
(2000)

John Vanderslice – Pixel Revolt (2005)


GIULIANO DELLI PAOLI

1








2









3





4











5






 

6











 

7











8







 

9










 

10











11

12

13
 

14
 

15

16

17

 

18
 

19

 

20

21

22

23


24


25

26

27


28

29

30

AA.VV. - DFA Compilation #2
E’ il suono della jungla di New York. E’ l’apoteosi del ritmo funkizzato e scremato con eleganza. James Murphy mette tutti in riga e stampa il manifesto elettronico degli anni Duemila. Ciò che resta del passato e ciò che sarà il futuro.

Daft Punk - Discovery
Dal reparto elettronico della Fnac ai mega party elettronici di tutto il pianeta: se sei un genio ai bassi e un maestro della pop art applicata al ritmo, nulla è impossibile. Una discarica di passione, voglia di vivere e tanta, ma proprio tanta luce. “Discovery” non è un disco, è una necessità.

Notwist - Neon Golden
Inserite la vostra commozione in una spina e accendetevi di passione. Le conseguenze? Un fascio di luce dorata, per l’appunto.

Storm and Stress - Under Thunder and Fluorescent Lights
Disintegriamo da bravi fighettini e scolaretti di Upper East Side qualsiasi cosa possa chiamarsi ancora rock. Chiediamo aiuto a zio jazz e sguazziamo come maiali. Dieci anni e ancora nessuno è riuscito a montare e smontare con cotanta perfezione matematica cinquant'anni di storia. Seminale.

Wilco - Yankee Hotel Foxtrot
Jeff Tweedy è l’anima calda, depressa e ubriaca della Grande Mela. Un albergo come rifugio delle proprie ispirazioni, accordi strappati all’anima e del sano sperimentalismo applicato alla forma canzone targato O’Rourke. Vi basta?

Burial - Burial
Siete dinanzi ad ammassi industriali spostati dal soffio di woofer impazziti. E’ in atto una vera e propria tempesta siderurgica di bassi che definire cavernosi è un eufemismo. Burial non è la next big thing da consumare in fretta, ma è colui che incarna più di ogni altro il suono attuale della periferia di Londra. E’ l’anima nera di un prediletto bianco capace di spostare un elefante con la forza del gain. Chapeau.

Fridge - Happiness
Se Adem Ilhan, Kieran Hebden e Sam Jeffers iniziassero a giocare come dei bimbi all’asilo con i sintetizzatori, i bassi e le chitarre, di preciso cosa vi aspettereste? Nulla, o più semplicemente il capolavoro dell’astrazione elettro folcloristica del decennio. Una meraviglia. Seguiranno emuli incalliti e caterve di lavori fotocopia.

Xiu Xiu - Knife Play
Il quartetto di San Diego capitanato da sua maestà Jamie Stewart ha letteralmente ridato vita a quella cosa chiamata new wave. “Knife Play” è pura follia, è il crollo della nevrosi e dell‘ossessività rock. Nulla sarà mai più come prima.

Cat Power - You Are Free
La gatta del rock. Lo spirito libero al femminile. La depressione che diventa poesia acustica e incanto vocale. Se gli angeli avessero delle crepe comportamentali, ascolterebbero “Maybe Not” ogni santo giorno. Divina. Inimitabile. Chan Mashall è la musa ispiratrice di questi cupi anni duemila. Un inno al malessere e all’eleganza più profonda.

The Microphones - Mount Eerie
Se dovessimo scegliere il Genio del decennio, la scelta cadrebbe senza esitazione alcuna su Phil Elvrum. Contorsioni metalliche e percussioni laviche rinchiuse in uno scrigno di impalpabili rumorismi. E' la vetta più alta del suono targato K Records. Qualcosa di tremendamente destabilizzante e sognante al tempo stesso. 

Sufjan Stevens - Illinois

Radiohead - Amnesiac

Robert Owens - Night-Time Stories

Olivia Block - Heave To

El Guapo - Fake French

Black Eyes - Cough

AA.VV. Not Not Fun - Tapeworms Eat Bookworms

Prefuse 73 - Surronded By Silence

Natural Snow Buildings - The Dance of the Moon and the Sun

The Knife - Silent Shout

Madlib - Shades Of Blue

Fiery Furnaces - Blueberry Boat

Two Lone Swordsmen - From the Double Gone Chapel

Antony and the Johnsons - I Am a Bird Now

Colleen - The Golden Morning Breaks

J Dilla - Donuts

Marissa Nadler - The Saga of Mayflower May

Human Eye - Human Eye

Liars - Drum’s Not Dead

Helios - Eingya


ALESSANDRO BIANCALANA

1

2

3

4

5

6


7


8


9


10

11


12

13

14

15

16

17

18


19


20

21

22

23


24

25


26

27


28

29

30


31


32


33


34

35

36

37

38

39


40

 

41

42

43

44


45


46

47

48


49


50

HOOD - Outside Closer

Notwist - Neon Golden

El Guapo - Fake French

Daft Punk - Discorvery

Piano Magic - Artists' Rifles

AGF - Westernization Completed

Micah P. Hinson - And The Gospel Of Progress

Aoki Takamasa + Tujiko Noriko - 28

The Microphones - "The Glow" Pt. 2

Nicola Hitchcock - Passive Aggressive

Tunng - Mother's Daughter And Other Songs

Holden - The Idiots Are Winning

The Gathering - Home

Basement Jaxx - Remedy

Leila - Courtesy Of Choice

Antenne - #2

Autour De Lucie - Faux Mouvement

Sneakster - Pseudo-Nouveau / Fifty-Fifty

Takagi Masakatsu - Journal Of
People

Kid606 - Down With The Scene

Antipop Consortium - Arrhythmia

Cornelius - Point

Nitrada - We Don't Know Why But We Do It

Lali Puna - Scary World Theory

raison d'être - Requiem For Abandoned Souls

Trespassers William - Having

Telefon Tel Aviv - Fahrenheit Fair Enough

Air - Talkie Walkie

Flunk - Morning Star

Her Space Holiday - The Young Machines

Kevin Blechdom - Bitches Without Britches

Arab Strap - Monday At The Hug
& Pint

M83 - Dead Cities, Red Seas & Lost Ghosts

Niobe - Voodooluba

Solex - Low Kick And Hard Bop

Pia Fraus - In Solarium

Pram - Dark Island

Kate Havnevik - Malenkton

Sasse - Made Within The Upper Stairs Of Heave

Sodastream - Reservations

Low - The Great Destroyer

Textile Ranch - Bird Heart In Wool

Vladislav Delay - Anima

Phon°noir - Putting Holes Into October Skies

Junior Boys - Last Exit

Murcof - Martes

Juana Molina - Segundo

Tactile Gemma - Tactile Gemma

Melodium - Music For Invisible
People

Architect - I Went Out Shopping To Get Some Noise

 
GIANNI CANDELLARI

1








2










3














4
 








5







6









 

7












8












9








10











11








12









 

13







14













15








16









17










18










19







20












RADIOHEAD - Kid A
Perfetto incontro tra sperimentazione e accessibilità, l’apice della carriera dei Radiohead è un suolo che probabilmente non si potrà calpestare mai più. Paesaggi sonori di un luogo indefinito che a ben vedere è il futuro che ci si prospetta davanti.

Antony and the Johnsons - Antony and the Johnsons
L’espressività e il pathos nell’interpretazione di una canzone così come non si sentiva da un bel pezzo. La voce di Antony è quella di un angelo mortale che in un teatro canta e recita i drammi e i sentimenti di un’umanità diversa e dilaniata. l'Artista del decennio. o del nuovo millennio?

Johnny Cash - American IV: The Man Comes Around
O dell’immortalità. L’uomo in nero non necessita fronzoli, attinge la materia di giovani lontani dal suo tempo e con poche cose la modella fino a renderla propria. E “Hurt” ne è il manifesto. Canto di un dolore che diventa il suo, manifesto di un addio dolce e brutale capace di commuovere una montagna. La voce e l’interpretazione di Johnny Cash sono state rivelate alle generazioni del nuovo millennio. Dovremmo solo ringraziare.

Portishead – Third
Il disco che ha sfatato tutte le leggende pessimistiche sulle reunion. I Portishead ritornano insieme e non dormono tra le coperte già calde ma si immergono in un fluire torbido assolutamente perfetto. Un album in cui non si trova una nota o una pausa fuori posto.

Tool – Lateralus
Con le sue linee contorte e i suoi tempi deviati “Lateralus” è la colonna sonora perfetta per la proiezione dei sogni di un folle e (insieme ai Today Is The Day) risveglia il decennio di un metal stanco e inerte iniettandogli nuova linfa.

Wilco - Yankee Hotel Foxtrot
Meno sperimentale del successivo “A Ghost Is Born”, ma di una bellezza stravolgente. Sulle ceneri di un’america colpita al cuore e all’orgoglio i Wilco senza ricorrere a stravolgimenti di chissà che tipo portano l’alternative folk alla sua vera maturità, scrivendo pezzi che pochissimi saranno in grado di replicare.
   
Solomon Burke - Don't Give Up on Me
Nel progressivo decadimento del soul e dell’R&B, tra miagolanti pulzelle in calore e mielosi dongiovanni col vestito buono, ci pensa il Vescovo a sistemare le cose. Con l’aiuto di penne illustri a creargli canzoni il magnifico, 150 chili per quasi settant’anni di puro soul, stilla sentimento, sangue, carne, sudore e lacrime. E dimostra come il soul sia morto solo nell’incapacità delle nuove generazioni. 

Elliott Smith – From a Basement On The Hill
Il canto finale di un’anima fragile e tormentata. Elliott Smith ci ha lasciato troppo presto ad affrontare un nuovo secolo in cui poteva sicuramente regalarci nuove emozioni e canzoni splendide. Come “Between The Bars”, “Walz #2” o “Pretty (Ugly Before)”. Purtroppo potremo solo ringraziarlo per quelle che ci ha lasciato. E mai abbastanza.

cLOUDDEAD – cLOUDDEAD
Che sia arrivato un nuovo secolo lo si capisce anche da piccole grandi cose. Tipo che a rivoluzionare l’hip-hop arrivino tre ragazzi bianchi. Un approccio radicale e innovativo che segna un punto di svolta fondamentale nel genere.

Sigur Rós - ( )
Il paesaggio islandese si dice sia quasi alieno e a cantarlo nel modo più adatto sono arrivati i Sigur Ros. Un nuovo linguaggio, non solo per quanto riguarda la pura espressione vocale ma anche per quell’eterea miscela di psichedelia, dream-pop e post-rock che difficilmente sarà ripetibile. Indefinibile, come giustamente sottolineato da titoli dell'album e delle canzoni. 

Jens Lekman - Night Falls Over Kortedala
Un disco per tirarsi su l’umore, per divertirsi e cantare. Il miglior pop del nuovo decennio arriva dalla Svezia ed è giocosamente malinconico, riscaldato da orchestrazioni dolcemente retrò e illustrato da testi a tratti geniali.

Matt Elliott - Drinking Songs
Lo spleen esistenziale delle canzoni da bevuta di Matt Elliott è una delle migliori prove di songwriting del decennio. Visionario e di dolcissima rassegnazione, “Drinking Songs” trasporta in bettole malfamate da maudit poetici e ubriachi con storie di tragedie e amori, nella lenta danza di una sbornia triste.

Arcade Fire – Funeral
Forse non sarà estremamente innovativo e/o originale, ma il pop ibrido di “Funeral” è, insieme a quello retrò di Lekman, il migliore del decennio. Fresco e divertente, non cede di una virgola anche dopo centinaia di ascolti.   

Won James Won - Theorist Attack
Un mucchio di ragazzi russi si trovano a concepire un disco. Hanno poche idee o ne hanno troppe? Sono drogati? Allucinati? Geniali? Lo metti su e lo ascolti distrattamente. Dopo un po’  guardi il lettore per capire se stai ascoltando sempre loro o per sbaglio sei passato a qualche altro album. Un caleidoscopio musicale manovrato da un vecchio col Parkinson, scrolli e c’ è un rap, muovi ancora e trovi metal, poi avanguadia, rock e melodia. E poi?

Liars - Drum's Not Dead
Creature tra le più bizzarre e oblique del nuovo millennio, i Liars sfornano con il loro “Drum’s Not Dead” un album che non ha riferimento. Un tribalismo wave impazzito con cui lo stregone Angus ci trasporta in uno dei viaggi più allucinati del decennio.

Bonnie 'Prince' Billy - The Letting Go
Continuare una tradizione musicale e preservarla, rinnovarla e mantenerne intatto lo spirito. Tutto questo è nel genio di Will Oldham, Bonnie 'Prince' Billy, Palace o come diavolo si vuol far chiamare. La purezza e la dolcezza del folk che solo i grandi hanno saputo regalare.
 
Vinicio Capossela - Canzoni A
Manovella
Il nostro portabandiera non poteva essere che il bizzarro Vinicio. Nel suo percorso waitsiano questo album è l’apice. Raffinate ballate per piano, la tradizione della canzone italiana e lo zingaresco folk balcanico si mischiano in un album che rinnova il mondo cantautorale di casa nostra. 

Songs: Ohia - The Lioness
Lo scheletro del folk. Jason Molina, chissà perché, me lo immagino sempre che canta nel buio. o che canta del buio. Salmodie blues folk che squarciano la notte e si stagliano come lamenti di un uomo che stornella dalla sua veranda affacciata sul deserto. Forse il miglior cantore della solitudine, o la migliore solitudine in musica, del decennio.

At the Drive-In - Relationship of Command
Un assalto di suoni, ritmi spezzati, cambi di tempo. Non una pietra miliare ma un disco che si ascolta tutto d’un fiato, che non ha cedimenti, divertente e rabbioso.

The Books - Thought For Food
Uno dei dischi più pazzi e belli del decennio. Un’accozzaglia di suoni incollati senza logica ma che poi, come in certi giochi visivi, se lo ascolti in alcuni momenti ci trovi dentro un senso, ci senti dentro una melodia che ti si rivela come una piacevole folgorazione. Molti ci provano, pochi ci riescono.

Altre perle del decennio:

Andrew Bird - Andrew Bird & the Mysterious Production of Eggs
Antipop Consortium – Arrhythmia
Architecture in Helsinki - In Case We Die
Ardecore – Ardecore
Bachi da seta – Non io
Barzin - My Life in Rooms
Battles – Mirrored
Clark Nova – So Young
Clogs – Lantern
Colder – Heat
Colleen - The Golden Morning Breaks
Damien Rice – O
Daniel Johnston – Fear Yourself
D'Angelo – Voodoo
Dusk + Blackdown - Margins Music
Elizabeth Anka Vajagic - Stand With the Stillness of This Day
El-P - I'll Sleep When You're Dead
Fennesz - Endless Summer
Fleet Foxes - Fleet Foxes
Guillemots - Through the Windowpane
Have a Nice Life – Deathconsciousness
Interpol - Turn On the Bright Lights
J Dilla – Donuts
Joanna Newsom – Ys
José James - The Dreamer
Kill the Vultures - Kill the Vultures
Modest Mouse - The Moon & Antarctica
My Latest Novel – Wolves
Offlaga Disco Pax - Socialismo tascabile (Prove tecniche di trasmissione)
Okkervil River - Down the River of Golden Dreams
Oxbow - The Narcotic Story
Panda Bear - Person Pitch
Patrick Wolf - The Bachelor
Patrick Wolf - Wind in the Wires
Piano Magic – Disaffected
Rachel's - Systems/Layers
Runhild Gammelseater - Amplicon
Scott Matthew - Scott Matthew
Scott Walker - The Drift
Stars Of The Lid – And Their Refinement Of The Decline
Storm and Stress - Under Thunder and Fluorescent Lights
Super_Collider - Raw Digits
TBA – Annulé
Tenhi – Maaäet
The Avalanches - Since I Left You
The Bug - London Zoo
The Fiery Furnaces - Blueberry Boat
The Notwist - Neon Golden
Tinariwen – Amassakoul
Today Is the Day - Sadness Will Prevail
Toumani Diabaté - The Mandé Variations
Tunng - Comments of the Inner Chorus
TV on the Radio - Return to Cookie Mountain
Two Lone Swordsmen - From the Double Gone Chapel
Ulver - Shadows of the Sun
Vic Chesnutt - North Star Deserter
Victor Dem è – Victor Dem è


ALBERTO GUIDETTI

1
 











2













3












4













5








6











7










8









9










10









11


12
 

13


14


15

16

17


18

 

19

 

20

21

22

23

24

25

26

27


28

29

30

DAFT PUNK - Discovery
Il giorno che la house ritornò bambina con i suoi sogni pop e le sue speranze di avventure sterminate, di storie da immaginare e raccontare a chiunque. Un disco stellare e potente, visceralmente legato a due capi lontani troppe volte: elettronica e canzoni da mandare a memoria, in mezzo c' è il cuore di due geni rivoluzionari.

Dilla aka Jay Dee - Donuts
Cosa sarebbe stato l'hip-hop degli ultimi 15 anni senza Jay Dee? Sarebbe stato peggio, di sicuro, senza paura di sbagliare. "Donuts" è il testamento del produttore più sorridente e colorato che il mondo asfittico della doppia H abbia incontrato nella storia, un disco dove troviamo black music, sangue, sudore, mestiere e passione. Abbozzi di canzoni, loop, sample lasciati cadere dall'alto di una malattia che ce l'ha portato via. J Dilla changed my life.

Four Tet - Rounds
Kieran Hebden è un animo gentile, i lavori prima di Rounds ce lo avevano presentato anche come genietto di quel tipo di suono che per un periodo si è chiamata indietronica, ma "Rounds" scombina le carte in tavola e stacca ancora di più Hebden dalla schiera di produttori che tentavano quella via creandone di fatto una alternativa che nessuno ha saputo percorrere.

Burial - Untrue
Uk-garage e hardcore continuum, belle parole, bei suoni, bei concetti. Lontani. "Untrue" è soprattutto il suono del qui ed ora delle metropoli senza centro, delle periferie dopo le periferie e dentro le periferie, del quotidiano che tira avanti solamente con l'inerzia. "Untrue" è il lavoro sulle voci, le ritmiche serrate e circolari, la grana produttiva di un giovanotto che ha messo il proprio marchio sul non-genere di questo decennio.

LCD Soundsytem - LCD Soundsystem
Punk-funk-disco-rock'n'roll-house e avanti tutta. Signorine e signorini: James Murphy, il tritatutto che ha spaccato il mondo. Ritornelli appiccicosi, groove irresistibili, pose scazzate e mi raccomando il secondo cd, soprattutto il secondo cd.

Flying Lotus - Reset
Dopo 1983, prima di Los Angeles. Dentro "Reset" c' è il Flying Lotus che muove il proprio percorso, che si avvicina sempre di più alla tensione dubstep mantenendo il fragore del proprio suono, sono ritmiche che inciampano e si ricompongono ogni volta apparentemente diverse, ma sopra ogni cosa c' è "Tea Leaf Dancer": La Canzone, il soul del 2000.

James Holden - The Idiots Are Winning
Solo l'uomo in accappatoio poteva prendersi gioco della scena minimal techno con un disco minimal incarognito, na lezione di stile e visionarietà a tutti i predicatori del verbo. "The Idiots Are Winning" chiude definitivamente la stagione del suono senza anima portandolo direttamente all'inferno.

Dälek - Absence
Violenza, bestialità, lotta e resistenza. "Absence" consacra definitivamente Dälek e Oktopus nell'olimpo del rap, un passo avanti verso la distruzione del suono dentro un'apocalisse noise affiancata dalla rivoluzione della struttura del flow hardcore del gigantico MC. Il risultato è acido puro.

Rhythm & Sound - Rhythm & Sound
Moritz und Mark, citofonare Basic Channel. Il pachiderma R&S sonda le profondità del dub, delle radici jamaicane dentro le spirali elettroniche, un suono immenso che non solo riconferma il genio dei due ma apre una nuova stagione per la techno infiltrandone la tensione e l'oscurità del dub.

Antipop Consortium - Arrhythmia
Il Consorzio lascia partire questa bomba di hip-hop isterico e divertito. Dentro ci sono basi troppo veloci, campionamenti di palline da ping pong e un rappato che davvero non si capisce come da dove sia venuto fuori. La summa dell'estetica nerd dentro il mondo black.

Felix Da Housecat - Kittenz and Thee Glitz

Primal Scream - XTRMNTR

At The Drive -In - Relationship Of Command

Hymie's Basement - Hymie's Basement

N.E.R.D. - In Search Of…

Apparat - Duplex

Outkast - Speakerboxxx/The Love Below

Notwist - Neon Golden

Shackleton - Three EPs

Swayzak - Dirty Dancing

Kid606 - Down With The Scene

Fatboy Slim - Live On Brighton Beach

The Rapture - Echoes

Cassius - The Sound Of Violence

Tool - Lateralus

Books - Thought For Food

Dimitri From Paris - After The Playboy Mansion

Dizzee Rascal - Boy In Da Corner

El-P - I'll Sleep When You're Dead

Tiefschwarz - A Little Help For Your Friends

 
PIER EUGENIO TORRI

1

2

3


4

5

6

7


8

9

 

10


11


12

13


14

15



16


17

18


19

 

20


21


22

23

24

25
 

26

27


28


29


30

ARCADE FIRE - Funeral (2004)

Radiohead - Kid A (2000)

Elliott Smith - From The Basement On The Hill (2004)

Wilco - Yankee Foxtrot Hotel (2002)

Roots - Phrenology (2002)

Notwist - Neon Golden (2002)

Animal Collective - Here Comes The Indian (2003)

Bright Eyes - Fevers & Mirrors (2000)

Hymie’s Basement - Hymie’s Basement (2003)

OutKast - Speakerboxx / The Love Below (2003)

LCD Soundsystem - LCD Soundsystem (2005)

Bloc Party - Silent Alarm (2005)

Broken Social Scene - You Forgot It In People (2001)

Low - The Great Destroyer (2005)

Liars - They Threw Us All in a Trench and Stuck a Monument on Top
(2001)

TV On The Radio - Return To Cookie Mountain (2006)

Cat Power - You Are Free (2003)

Fiery Furnaces - Gallowsbird's Bark (2003)

Kanye West - Late Registration (2005)

Interpol - Turn On the Bright Lights (2002)

Okkervil River - Black Sheep Boy (2005)

Death Cab For Cutie - Plans (2005)

Microphones - The Glow Pt. 2 (2003)

Sufjan Stevens - Illinoise (2005)

Sigur Ros - () (2002)

Dalek - Absence (2005)

...And You Will Know Us by the Trail of Dead - Source Tags & Codes (2002)

National - Boxer (2007)

Daniel Johnston - Fear Yourself
(2003)

Queens of The Stone Age - Songs For The Deaf (2002)

  
GAETANO LAMONTAGNA

1












2
 









3


















4









5










6







7









8












9












10







 

11











 

12








13










14







15







16











17








18







19











20








21








22









23







24









25











26







27





28





29









30
 









31

32

33

34


35


36

37

38

39


40

41

42

43


44

45


46


47


48


49

50

SHIT & SHINE - Ladybird [England/Usa, 2005]
Un fiume in piena, una corsa folle senza né capo né coda, Ladybird è un'esperienza desolutoria, un frullato di tutte le esperienze del rock psichedelico degli ultimi 40 anni (Velvet e Stooges, innanzitutto), compresso e lanciato verso il futuro. Se mai qualcuno ricorderà musicalmente questo primo decennio di rock, sarà grazie a dischi come questo.

Keith Fullerton Whitman - Lisbon [Usa, 2006]
Un altro disco a traccia unica; le variazioni microtonali derivanti dai processi meta-compositivi di Withman riescono a produrre un universo sonoro quasi-statico che fa tabula rasa delle esperienze elettroniche in musica e lo fa con una grazia che ha del miracoloso.

Ambrose Field & John Potter - Being Dufay [England, 2009]
Altro miracolo elettronico, Being Dufay è un disco che ha pochi (forse nessun) precedente. Non è la solita musica new age che cerca autorevolezza accostandosi semplicemente a qualche capolavoro del passato; Field (compositore di musique concrete e landscape) e Potter (tenore dell'Hilliard Ensemble) "creano" paesaggi sonori commoventi e mozzafiato mediante l'ausilio e l'elaborazione di frammenti melodici di Guillaume Dufay, il più grande dei compositori fiamminghi. Un esperimento che rimarrà negli annali, suffragato da un tour mondiale applauditissimo ovunque.

Sleep - Dopesmoker [Usa, 2003]
Un capolavoro ritrovato, Dopesmoker è un disco che può a ragione definirsi seminale. Il magma sonoro della title track, tanto viscoso quanto incandescente, segna l'ascolto in maniera indelebile, Il doom e lo stoner metal che oggi conosciamo devono probabilmente tutto a questo disco.

Eluvium - Talk Amongst The Trees [Usa, 2004]
E' certamente Matthew Cooper, aka Eluvium, a raccogliere lo scettro di Eno; la melodia entra in punta di piedi nell'ambient sonoro di Eluvium e conferisce un'anima alle composizioni elettroniche come raramente è accaduto. Un disco per ritrovare se stessi e la propria anima.

Panda Bear - Person Pitch [Usa, 2007]
Nel bene e nel male Noah Lennox segna un decennio di musica indie con Person Pitch; il recupero della tradizione musicale pop americana è soltanto lo strumento per conferire alle sue texture una pienezza sonora d'altri tempi.

Far Corner - Endangered [Usa, 2007]
A loro agio sia con la musica composta sia con quella totalmente improvvisata, i Far Corner dal Wisconsin danno nuova linfa a un genere che ha raggiunto vette artistiche con Henry Cow, Keith Emerson e i Colosseum. Suonano con la precisione dei musicisti classici e hanno un sound spigoloso, a tratti vergine.

Joanna Newsom - Ys [Usa, 2006]
Il piccolo elfo di Nevada City, con l'aiuto preziosissimo di tre "mostri sacri" del rock (Van Dyke Parks agli arrangiamenti, Jim O'Rourke alla produzione e Steve Albini in studio), confeziona un capolavoro assoluto dell'indie-folk. Con l'arpa a farle compagnia, suonata in maniera leggiadrissima ma intensa, espone il suo eloquio da fiaba sorretta da una musica celestiale.

Roy Montgomery - The Allegory Of Hearing [N. Zeland, 2000]
Dopo aver marchiato a fuoco l'ultimo scorcio di secolo e prima di abbandonare prematuramente le scene, Montgomery regala al nuovo millennio un disco tanto poetico quanto intelligente, per non dire geniale. La sua chitarra, declinata nei modi più vari, riesce da sola a regalare emozioni a pala che sanno toccare tanto il cuore quanto il cervello.

Ghost - Hypnotic Underworld [Japan, 2004]
Probabilmente il capolavoro della band; un disco capace di rapire estaticamente per tutta la sua durata e che dopo hai voglia solo di riascoltare. Quando è ispirato, Masaki Batoh è un genio psichedelico inarrestabile.

Keith Fullerton Withman - Playthroughs [Usa, 2002]
Abbandonato il suo tradizionale moniker, Hrvåtski, e il suo drill'n'bass passato alla storia, Withman inaugura la stagione gloriosa del process-generated che porterà a Lisbon. In "Playthroughs" compaiono in nuce già tutti gli elementi salienti del suo nuovo stile, confezionato in 5 brani che vivono in equilibrio tra il baratro profondo e l'elevazione dell'estasi.

Dirty Three - Whatever You Love, You Are [Australia, 2000]
Prima di imboccare l'inevitabile sunset boulevard, Ellis & co. ci regalano questa perla musicale dal valore immenso; le generazioni immediatamente successive ne faranno tesoro dalla prima all'ultima nota.

Spring Heel Jack - Amassed [England, 2002]
Se un precedente di tipo concettuale dev'essere cercato per "Being Dufay" di Flied & Potter, "Amassed" è certamente il più accreditato. Il lavoro svolto da Coxon e Wales ha un valore musicale enorme, oltre a rendere giustizia a un'intera generazione di jazzisti contemporanei.

Maudlin Of The Well - Part The Second [Usa, 2009]
Richiamato a furor di popolo, Driver resuscita il suo primo progetto e lo fa regalando a fan un capolavoro prog-metal immane. Ottima musica, come una volta.

Rachel's - Systems/Layers [Usa, 2003]
Un disco meraviglioso, dove l'armonia regna sovrana. Il canto del cigno di una delle band più significative (e ingiustamente sottovalutate) degli anni 90, tra le più alte espressioni del cosiddetto post-rock.

Jon Hassell - Last Night The Moon Came Dropping Its Clothes In The Street [Usa, 2009]
Dopo aver smarrito la bussola, tra comparsate e calo di ispirazione, Hassel sul finire del primo decennio ritrova se stesso in un disco eccezionale, dove le 4 tracce live e le altre in studio riportano la sua commovente ethnic fusion ai livelli raggiunti negli anni 80. Che dio lo benedica!

Sufjan Stevens - Illinois [Usa, 2005]
Il disco che forse più di tutti ha segnato l'indie-pop di questo decennio, caratterizzato da una freschezza d'ispirazione che ha ben pochi eguali nella storia del genere. Nel corso degli anni successivi è stato praticamente saccheggiato un po' da tutti.

Lofty Pillars - Amsterdam [Usa, 2001]
Lo slowcore nella sua massima espressione. Krassner ci regala un disco intenso, caldo e melanconico nello stesso tempo, con canzoni sorrette da una scrittura cantautorale di primissimo ordine.

Mastodon - Crack The Skye [Usa, 2009]
L'apoteosi del prog-metal; un disco ambizioso, magniloquente e contraddittorio ma proprio per questo appassionante dall'inizio alla fine; come appassionante e contraddittoria è la vicenda del monaco Rasputin che prende a spunto. "Crack The Skye", in pratica, ammazza il prog-metal e lo consegna alla storia del rock.

Andrew Bird - The Mysterious Production Of Eggs [Usa, 2005]
Uno dei grandi capolavori dell'indie-pop e certamente uno dei dischi più importanti del decennio. La leggerezza del discorso melodico di Bird, sia che canti, sia che suoni il violino, sia che fischietti è piacevolissima.

Electric Wizard - Dopethrone [England, 2000]
La "band più pesante dell'universo" all'apice della forma. Dopethrone è il disco che segna lo stoner metal per sempre e fa compiere al genere un salto di qualità insperato. Seminale, nel vero senso del termine.

Bersarin Quartett - Bersarin Quartett [Germany, 2008]
Erede della grande tradizione elettronica tedesca, Thomas Bücker produce un disco ambient di notevole spessore e di grande profondità, con un suono caldo e pastoso che richiama l'elettronica analogica che fu dei Tangerine e degli Schulze.

DJ Spooky - Optometry [Usa, 2002]
Con questo lavoro, duale ad Amassed di SHJ, la Thirsty Ear inaugura un nuovo genere. Disco "composto" dalle mani esperte di Paul Miller e che sa regalare un sound potente e poliedrico; assolutamente geniale!

Black Mountain - In The Future [Canada, 2008]
Avete nostalgia dei Led Zeppelin? E dei Pink Floyd? E del mellotron dei King Crimson? "In The Future" è un disco che riesce, senza risultare tronfio, ad assetare coloro che sono a secco del rock psichedelico "vecchio stampo". Un disco godibilissimo.

Jonny Trunk - Scrapbook [England, 2009]
"La musica di domani suonata ieri". Trunk, l'uomo che sta dietro una delle etichette indipendenti più intelligenti degli ultimi anni, la Trunk Records appunto, mette in mostra tutto il suo collage retro-futurista, degno erede dei mosaici folli che furono di Frank Zappa. Un disco intelligente come pochi; da rivalutare.

Isis - Panopticon [Usa, 2004]
Un must assoluto per tutti gli appassionati del metal. Il tentativo, riuscito, di far convivere il minimalismo metal di Earth e Melvins con la sperimentazione di Godflesh e Neurosis; una vera mission impossible.

Supersilent - 6 [Norway, 2003]
Il capolavoro assoluto della band norvegese e un disco che non finisce mai di stupire ed elargire segreti. Esoterico.

Khanate - Things Viral [Usa, 2003]
Il disco che meglio rappresenta lo stile del doom metal, con un paio di brani (Dead e Fields) entrati nella leggenda del metal.

The Books - The Lemon Of Pink [Usa, 2003]
Pochi dischi di indie electronic suonano così autenticamente indie! E nell'accezione migliore del termine. La delicatezza degli acquerelli sonori imbastiti dal duo newyorkese è lo specchio di un equilibrio formale ineccepibile.

Final Fantasy - He Poos Clouds [Usa, 2006]
Disco eclettico, per non dire curioso, ma capace di raccogliere e capitalizzare i numerosi guizzi di ingegno melodico del suo autore, Owen Pallett. Distante (per fortuna) dalla sterile magniloquenza del pop barocco, "He Poos Clouds" è un disco che non ci si stanca mai di ascoltare.

Mastodon - Leviathan

Fleet Foxes
- Fleet Foxes

Porcupine Tree
- In Absentia

Les Joyaux De La Princesse
- Aux Volontaires De La Croix de Sang

Acid Mothers Temple & The Melting Paraiso U.F.O.
- La Nòvia

Arcade Fire
- Funeral

Mars Volta
- Frances The Mute

Paik
- Orson Fader

Today Is The Day
- Sadness Will
Prevail

Damien Rice
- O

Spring Heel Jack
- Disappeared

Kopernik
- Kopernik

Piano Magic
- The Troubled Sleep Of Piano Magic

Loscil
- Submers

Infidel?/Castro!
- Bioentropic Fractal Damage

Stars of the Lid
- The Tired Sounds Of Stars of the Lid6

Bark Psychosis
- Codename:
Dustsucker

Sir Richard Bishop
- Polytheistic Fragments

Toby Dammit
- Top Dollar

Explosions in the Sky
- All of a Sudden I Miss Everyone


MICHELE PALOZZO

1



2

3

4


5


6


7


8


9

10
 

11


12


13


14


15

16

17

18

19


20


21

22

23

24

25
 

26

27

28



29


30
 
31

32

33

34

GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR - Lift Yr. Skinny Fists Like Antennas to Heaven! (2000)

Sigur Rós - ( ) (2002)

Radiohead - Kid A (2000)

Antony and the Johnsons - Antony and the Johnsons (2000)

Eluvium - An Accidental Memory in the Case of Death (2004)

Toby Driver - In the L..L..Library Loft (2005)

Infidel?/Castro! - Bioentropic Damage Fractal (2005)

Natural Snow Buildings - The Dance of the Moon and the Sun (2006)

Agalloch - The White EP (2008)

Animal Hospital - Memory (2009)

Colleen - The Golden Morning Breaks (2005)

Boards Of Canada - Geogaddi
(2002)

Balmorhea - All Is Wild, All Is Silent (2009)

Sunn O))) - Monoliths & Dimensions (2009)

Battles - Mirrored (2007)

Liars - Drum's Not Dead (2006)

Microphones - The Glow pt. 2

Uochi Toki - Libro audio (2009)

Have a Nice Life - Deathconsciousness (2008)

The Fiery Furnaces - Blueberry Boat (2004)

Mogwai - Mr. Beast (2006)

Converge - Jane Doe (2001)

Kayo Dot - Choirs of the Eye (2003)

Vàli - Forlatt (2004)

Tenhi - Maaäet (2006)

Mountains - Choral (2009)

Vex'd - Degenerate (2005)

Volcano the Bear - Classic Erasmus Fusion (2006)

John Zorn - Six Litanies for Heliogabalus (2007)

Boris - Flood

Supersilent - 6

Joanna Newsom - Ys

Pyramids - Pyramids (2008)

Godspeed You! Black Emperor - Yanqui U.X.O. (2002)


 
ANDREA DE PELLEGRIN

1

2

3


4


5

6

7

8


9

10


11

12

13


14


15

16


17

18


19

20


21

22

23

24

25


26

27

28

29

30
 
31


32

33

34

35

36

37

38


39


40


41

42


43


44


45

46

47

48



49

50

MICROPHONES - Mount Eerie (2003)

Lightning Bolt
- Ride the Skies (2001)

Black Dice
- Beaches and Canyons (2002)

Storm and Stress
- Under Thunder and Fluorescent Lights (2000)

Hospitals
- The Hospitals (2003)

Nobunny
- Love Visions (2008)

Sic Alps - U.S. EZ
(2008)

San Agustin
- The Expanding Sea (2003)

Mount Eerie
- Singers (2005)

X-Mary
- A Tavola Con Il Principe (2006)

Fennesz
- Endless Summer (2001)

Shackleton - Three EPs
(2009)

Sightings
- Through the Panama (2007)

Skaters
- Pavilionous Miracles of Circular Facet Dice (2005)

Uochi Toki
- Uochi Toki (2004)

Yellow Swans
- Psychic Secession (2006)

Pan Sonic
- Kesto (234.48:4) (2004)

Cherry Blossoms
- Cherry Blossoms (2007)

Å
- Å (2006)

V.A.
- Improvised Music From Japan (2001)

Okmoniks
- Party Fever!!! (2008)

Low
- Trust (2002)

Gowns
- Red State (2007)

Jandek
- Glasgow Monday (2006)

Go! Team
- Thunder, Lightning, Strike (2004)

Avarus
- Ruskeatimantti (2005)

Vivian Girls
- Vivian Girls (2008)

Boris
- Pink (2005)

Warmer Milks
- Radish on Light (2006)

Johnny Cash
- Unearthed (2003)

Jackie-O Motherfucker
- Flags of the Sacred Harp (2005)

Audacity
- Power Drowning (2008)

Wolf Eyes
- Burned Mind (2004)

Books
- The Lemon of Pink (2003)

V.A.
- California (2006)

Air Conditioning
- Weakness (2004)

Afrirampo
- Urusa in Japan (2005)

Wooden Wand and the Vanishing Voice -
XIAO (2004)

Burkhard Stangl / Christof Kurzmann
- Schnee_Live (2005)

Asa-Chang & Jun Ray
- Jun Ray Song Chang (2002)

Jay Reatard
- Blood Visions (2006)

Kemialliset Ystävät
- Kellari juniversumi (2002)

Raccoo-oo-oon
- Behold Secret Kingdom (2007)

Sunburned Hand of the Man
- Jaybird (2001)

Witcyst
- Roslyn (2006)

Double Leopards
- Halve Maen (2003)

Sword Heaven
- Entrance (2007)

No Neck Blues Band
- Sticks and Stones May Break My Bones but Names Will Never Hurt Me (2001)

cLOUDDEAD
- Ten (2004)

kid606
- Down With The Scene (2000)

 

MAURO ROMA

1










2












3










4

 






5











6










7
 
















8
















9












10

 

M83 - Dead Cities, Red Seas & Lost Ghosts (2003, Mute)
L'ostinata ricerca del sublime da parte di due ragazzi di Antibes il cui sguardo è costantemente rivolto verso il cielo. Un universo di colori esplode tra bruciante intensità shoegaze, recuperi di elettronica vintage, la leggiadria del french-touch e una panica, maestosa grandeur.

Piano Magic - Disaffected (2005, Talitres)
In stato di grazia la versatile band capitanata da Glen Johnson dice la sua sul revival di suoni e modi della new wave, vero cliché di questi anni. Sotto un costante velo di incantata malinconia, è facile riconoscersi in ognuna delle storie narrate in "Disaffected", lungo un percorso di immacolato splendore e raro impatto emotivo.

Ulver - Perdition City (2000, Jester Records)
All'alba del terzo millennio i lupi di Oslo emergono con un documentario sul "subconscio" sonoro dell'epoca. Spettrali e avvolgenti divagazioni trip-hop che prendono forma dalla realtà quotidiana di città senza centro, una vita intera fotografata nel suo eterno girare a vuoto.

Pan Sonic - Kesto (2004, Blast First)
Enciclopedia dell'elettronica sperimentale in 4 corposi volumi a firma del duo Vainio/Vasanen, più che mai poliglotti esploratori di tutto lo spazio che separa il rumore dal silenzio, il movimento dalla stasi.

Jesu - Conqueror (2007, Hydra Head)
Al top dell'ispirazione, il genio di Justin Broadrick trasloca in paradiso la sua pluriennale esperienza nei più infernali gironi dell'avanguardia metal. In "Conqueror" vive l'anima greve del doom che si sublima in melodie di pura luce, il manifesto di quella corrente musicale che continua a contaminare, confondere ed espandere i confini del metal.

Sigur Rós - Takk... (2005, Emi)
Se gli straordinari album precedenti hanno creato uno standard produttivo e compositivo, "Takk.." è la presa di coscienza da parte della band islandese del proprio potere incantatorio sposato a più accessibili strutture pop, con la capacità unica di rendere meravigliose anche le cose più scontate.

Snowdrift - Snowdrift (2007, Paradigms)
Misconosciute meteore dell'indie-rock americano, gli Snowdrift di Seattle fanno in tempo appena a dar vita a questo album d'esordio raro e inestimabile, prima di sparire nuovamente nell'oblio. Canzoni che viaggiano notturne e cullanti lungo l'innevata main street di qualche tranquilla e desolata cittadina di provincia, l'ipnosi slowcore delle chitarre di Justin McCormick e la voce cristallina di Kat Terran spingono incantate melodie nel limbo senza tempo che appartiene solo ai classici.

Have A Nice Life - Deathconsciousness (2008, Enemieslist Home Recordings)
Abili cavalcatori della nuova era dell'autodistribuzione online, due giovanotti del Connecticut si fanno in casa con quattro soldi l'opera che irrompe a insegnare finalmente al vecchio post-punk il linguaggio degli anni 2000. Dna darkwave ibridato da scorie e discendenze shoegaze, drone-black-metal, emo e quant'altro. Gusto per lo sberleffo, ambizione e consapevolezza sorreggono l'articolato concept che il duo costruisce attorno a ogni suo gesto.

Throbbing Gristle - Part Two: The Endless Not (2007, Mute)
I quattro pionieri della rivoluzione industriale riuniti per un pulsante trip che riassume il loro vangelo e tutti i 26 anni passati dal loro primo scioglimento, anni di fondamentali esperienze soliste e collettive, una intera cultura si rinnova e si rinforza in questo disco attraverso il linguaggio di una elettronica lunare e pervasiva che appartiene a solo a loro.

Grouper - Dragging A Dead Deer Up A Hill (2008, Type)
Incantesimi acustici celati dietro la densa foschia di un sound avvinghiato alla bassa fedeltà della registrazione, la voce di una sirena che sussurra melodie di totale bellezza nelle onde di un suono sporco e nebuloso, come fosse la stampa in negativo del Victorialand dei Cocteau Twins. Liz Harris, da Portland, la più rappresentativa esteta del lo-fi emersa nell'ultima parte del decennio, nel documento più completo ed emozionante della sua arte onirica.

EXTREME

Yellow Swans - Psychic Secession (2006, Load)

Hair Police
- Constantly Terrified (2005, Troubleman Unlimited)

Skin Area
- Journal Noir/Lithium Path (2006, Cold Meat Industry)

Prurient
- And Still, Wanting (2008, No Fun)

METAL

Negura Bunget - Om (2006, code666)

Velvet Cacoon
- Genevieve (2004, Southern Lord)

Dornenreich
- Her Von Welken Nachten (2001, Prophecy)

Enslaved
- Isa (2004, Tabu)

SELECTED AMBIENT WORKS

Thomas Köner - Nuuk (2004, Mille Plateaux)

Beyond Sensory Experience
- Pursuit Of Pleasure (2005, Cold Meat Industry)

Shuttle358
- Frame (2002, 12k)

Tim Hecker
- Harmony In Ultraviolet (2004, Kranky)

Deathprod
- Morals and Dogma (2004, Rune Grammofon)


FRANCESCO NUNZIATA

1












2












3








4











5
















 

6









7








8













9










 

10









 

11







 

12











13










14










 

15








16













17











 

18











 

19









 

20









21






22








23





24











25













26










27












28










29







30









31

32


33


34


35

36


37

38

39


40


41

42


43


44


45



46


47


48


49


50





 

TODAY IS THE DAY - Sadness Will Prevail  (2002; Usa - 2xcd)
Il più devastante viaggio al termine della notte dell’ultimo decennio. Terror noise-metal dall’animo progressivo in quello che è l’apice assoluto di una delle band più grandi e sottovalutate degli ultimi venti anni. “Sadness Will Prevail" è vera pazzia, vera psicosi” (Steve Austin”). Basterebbero solo il buco terminale di "Never Answer The Phone" per confermarlo.

Infidel?/Castro! - Bioentropic Damage Fractal  (2005; Usa - 2xcd)
George Korein e Colin Marston si cimentano in una incredibile sintesi “futuribile” di ambient, collage elettroacustici, elettronica, avant-metal, classica contemporanea, art-rock, IDM e quant’altro ancora. Cacofonico, alieno, distruttivo e musicalmente blasfemo, ma, anche, poetico, commovente e sincero, “Bioentropic Damage Fractal” è il requiem per la cyber-generation.

cLOUDDEAD – s/t (2001; Usa)
Surrealismo hip-hop. Un’opera aliena, che scompone la grammatica di un genere per (non-)ricomporla sotto forma di tessiture sparse, assenze proteiformi e atmosfere inquietanti. Una trasfigurazione fenomenale. Un disco fondamentale.

Won James Won - Theorist Attack (2006; Russia)
La grande madre Russia ci regala questo collettivo di pazzi scatenati, capaci di un intreccio “assoluto” di generi e di stili che scivolano uno dentro l’altro, come in una matrioska sonica, sulle orme di Mr. Bungle e Frank Zappa. Un disco che non smette di stupire, ascolto dopo ascolto. Citazionista e sperimentale: un demoniaco montaggio delle attrazioni. 

Natural Snow Buildings - Shadow Kingdom (2009; Francia - 2xcd)
Disco smisurato, in tutti i sensi. Probabilmente, l’apice delle esperienze free-folk del decennio. Il duo francese si muove con terribile libertà attraverso muraglie sonore che si ergono come cattedrali, arrivando a fondere, nell’incommensurabile "Chthonian Odyssey" - "Hells Foundations" - "A Birth Mark Like a Scar” (uno dei massimi capolavori degli ultimi anni),  le visioni metafisiche dei Charalambides con le suggestioni abissali di Fursaxa, le vibrazioni infinite del raga e le maestose interrogazioni sul divino di Constance Demby. Ultraterreno.

Li Jianhong - 三生石 (San Sheng Shi) (2008; Cina)
Un uomo, una chitarra elettrica, una visione. La trasfigurazione della musica cosmica in una magniloquente, erratica post-psichedelia rumorista. Jimi Hendrix che amoreggia con i Tangerine Dream? Mizutani che inventa lo shoegaze? Non per tutti. E lui ne è sicuramente fiero.

Orthrelm – Ov (2005; Usa)
L’assurdo “gesto artistico” di Mick Barr (chitarra) e Josh Blair (batteria), due semi-sconosciuti nerd cresciuti a video-game, birra e heavy-metal.  Come se Steve Reich si fosse improvvisamente dato al metal. Un disco unico, irripetibile, rivoluzionario.

Paik – Satin Black (2004; Usa)
Nonostante tutto, quella dei Paik è una storia misconosciuta. Eppure, questi tre ragazzi del Michigan, hanno segnato, con questo disco, il momento più alto dello space-rock dell’ultimo decennio. Un vortice incandescente di emozioni colossali, in un alternarsi continuo di estasi e tormento, orrore ed euforia. Musica da camera per extraterrestri; o il rumore dell'Universo quando, giunta la sua ora, imploderà, morente, su se stesso.

Colleen - The Golden Morning Breaks (2005; Francia)
Un disco che sa di poesia antica. Una superficie laminata di cristalli e un fondo di dolente malinconia. Superando in magia gli esperimenti folk-tronici del primo disco, Cecile Schott ci regala un capolavoro fatto di piccoli accenti e di tessiture meticolose lasciate vibrare con l'ardore di improvvisazioni estemporanee. Magico.

Arcade Fire – Funeral (2004; Usa)
L’esordio della band canadese è un tripudio di ballate pop-rock che, tra grumi wave e sontuosità vagamente barocche, compongono un affresco insieme potente,  emozionante, euforico.  Guardare al passato, restare attaccati al presente e immaginare il futuro.

Fursaxa – Kobold Moon (2008; Usa)
Con questo disco, successivo al già eccellente “Lepidoptera”, Tara Burke si stacca definitivamente dal carrozzone del free-folk, immergendosi in una terra arcana e misteriosa, fatta di derelitti vascelli di voci-senza-corpo. Un disco letteralmente “sospeso nel vuoto”.

Nile - In Their Darkened Shrines (2002; Usa)
I maestri del brutal death-metal scrivono in una delle tappe più altre del metal tutto. Mastodontiche muraglie di ferocia, riff devastanti, fughe strumentali al cardiopalma, una sezione ritmica spaccaossa, il tutto calato dentro atmosfere dal nitido sapore egizio. Un must assoluto dell’ultimo decennio.

Stars of the Lid - The Tired Sounds Of…  (2001; Usa - 2xcd)
Disco austero e formalmente raffinato, maestosa sintesi di ambient, cosmica e neoclassica, questo è il punto di non ritorno nella tensione del duo americano verso la sublimazione del “suono stanco” in un tappeto indefinito di micro-variazioni melodiche. Musica per il crepuscolo dell’anima.

Runhild Gammelsæter - Amplicon (2008; Norvegia)
L’inferno secondo la bella Runhild. Un esercizio di stregoneria, un massacro d’avanguardia rock. Alterando e deformando minuscoli brandelli di suono-rumore e strazi vocali, l’artista norvegese crea prodigiose scenografie al confine tra dark-ambient, industrial degradato e luciferino vocalismo creativo. Satanico.

Toby Driver - In the L..L..Library Loft (2005; Usa)
Disco struggente,  oscuro e terrificante, “In the L..L..Library Loft” è la vetta della ricerca musicale del leader di Kayo Dot e Maudlin of the Well. Tra incanto e sconforto: come mostrare il “magico” in un fremito d’inquietudine.

Ambrose Field & John Potter - Being Dufay (2009; Uk)
Da una contrapposizione apparentemente insanabile (quella tra la preziosa vocalità fiamminga di Guillaume Dufay (XV secolo) e le enormi possibilità creative dell’elettronica), nasce uno dei dischi più “fuori dal tempo” dell’ultimo decennio.  Una musica che spira come una brezza arcana e ha la potenza devastante di un epos sacro. Quadrifonia dell’anima in cammino verso la redenzione. 

Human Eye – s/t (2005; Usa)
Nell’ambito della rilettura-riproposizione-trasfigurazione di sonorità garage/punk, gli Human Eye non hanno avuto rivali nel decennio appena trascorso, soprattutto perché capaci di avvicinare il suono della coppia Edge/Creed  (Chrome) e di rinvigorirlo a dovere. Un viaggio nei recessi più radicali e creativi del rock (ma non era morto una ventina di anni fa?)

Mars Volta – Frances The Mute (2005; Usa)
C’ è chi li osanna e chi li odia a morte. C’ è chi preferisce il precedente “De-Loused in the Comatorium” e chi i lavori più recenti. Ma è con questo sfarzoso, decadente disco che Omar Rodriguez-Lopez e Cedric Bixler raggiungono la vetta di un (anti-)prog per la generazione postcore che nella suite "Cassandra Gemini" tocca vette assolutamente sublimi. Vibrante.

Dälek – Absence (2005; Usa)
Un incrocio caterpillar, omaggiante Public Enemy e My Bloody Valentine. Una colossale apoteosi di guizzanti fiamme noise in polpa old-skool, tra beats & rhymes maledette. La faccia post-moderna e assassina di un giradischi che gracchia un party tossico dentro un albeggiare di ruggine.

Jasun Martz - The Pillory/The Battle (2005; Usa - 2xcd)
Il capolavoro del  compositore americano è una maestosa sintesi di stili e generi, nel solco della musica totale di Frank Zappa. Una sintesi che, nell’ultimo, colossale movimento, si trasforma in una grandiosa odissea sonora.

Wildildlife – Six (2007; Usa)
Psichedelia, doom, stoner, noise, tracce di free-folk liquefatto: il tutto miscelato con una vena artistoide molto, molto pazzoide. “Six” è un’allucinazione in divenire.

Panda Bear – Person Pitch (2007; Usa)
Il trionfo di una psichedelia d’altri tempi. Stratificazione di echi che si rincorrono in una stanza piena di specchi. Mille colori, mille melodie “possibili”. Poi, arriva "Bro’s" ed è come se i Beach Boys rifacessero "Sister Ray". Fuori dal tempo.

Supersilent – 6 (2003; Norvegia)
Sfuggenti, enigmatiche improvvisazioni al confine tra jazz, ambient, elettronica e rock. Un disco dove il mistero trionfa, ascolto dopo ascolto.

Volcano the Bear - Classic Erasmus Fusion (2006; UK - 2xCd)
Il vertice assoluto del trio inglese. Quello di “Classic Erasmus Fusion” è un sound eclettico, variopinto, in bilico tra free-weird-folk e avant-jazz, ma con gli occhi e le orecchie ben puntate su molte delle esperienze Canterbury-iane, del Rock in Opposition e del kraut-rock. Un manifesto di surrealismo applicato in musica.

Khanate – s/t (2001; Usa)
Fragoroso e temibile, mastodontico e snervante. Un'apocalisse in slow-motion. Radicalizzando alcune intuizioni degli Harvey Milk, i Khanate portano il doom-metal alle estreme conseguenze, attraverso un uso drammatizzato di dettagli minimi sparsi in un vuoto abissale, atrofizzato, disperatamente insondabile. Come discendere all’inferno: lentamente, lentamente, lentamente…

Fiery Furnaces – Blueberry Boat (2004; Usa)
L’avant-pop intriso di rimandi blues, effervescenze cabarettistiche e digressioni d’ascendenza progressive dei fratelli Friedberger (Eleanor e Matthew) giunge al culmine nell’opera rock di “Blueberry Boat”. La creatività al potere, con il sorriso stampato sulle labbra. Esuberante e imprevedibile.

Xiu Xiu – A Promise (2003; Usa)
La tortura sonora di James Stewart raggiunge qui il suo apice. Un suono in bianco e nero: il bianco di una voce straziata e straziante e il nero di strutture musicali ispide, ammalianti, fragili. Musica che si frantuma, si ricompone, si frantuma di nuovo, agonizza e muore. E, quando il synth prende il volo alla fine di "Ian Curtis Wishlist", il cuore perde colpi e anche noi moriamo per qualche attimo.

Sufjan Stevens - Illinois (2005; Usa)
Il punto più alto dell’eclettico “cantautore” americano. Una girandola di grandi intuizioni melodiche, con arrangiamenti che si fanno orchestrali, bandistici, intimisti etc. Ventidue episodi per altrettante storie che ci mettono dinanzi agli occhi tanti piccoli, grandi personaggi immaginari. Pop!

Tobias Lilja - Time Is On My Side (2007; Svezia)
Cercando scorciatoie tra le stelle, lo “starsailor” svedese finisce per rintanarsi tra i labirinti dell’anima. Un cantautorato smisurato e solenne. Oscure, sibilline elegie dell’immenso.

Keith Fullerton Whitman - Lisbon (2006; Usa)
Sulla scorta di quanto già sperimentato in "Playthroughs", Whitman utilizza il laptop per trasfigurare le parti di chitarra, trasformandole in un amalgama sonoro in cui è impossibile non sprofondare. “Lisbon” è un’epica, potentissima allegoria astrale.

DJ Spooky – Optometry (2002; Usa)

Solex - Low Kick and Hard Bop (2001; Olanda)

TV on the Radio
- Return to Cookie Mountain (2006; Usa)

Spring Heel Jack - Disappeared (2000; Uk)

Microphones
- Mount Eerie (2003; Usa)

Black Dice – Beaches & Canyons (2002; Usa)

Extra Life
- Secular Works (2008; Usa)

Low – Trust (2002; Usa)

Carla Bozulich - Evangelista (2006; Usa)

Liars
- Drum's Not Dead (2006; Usa)

Pelt - Ayahuasca (2001; Usa - 2xcd)

Shit and Shine - Jealous of Shit and Shine (2006; Uk/Usa)

Lydia Lunch - Smoke in the Shadows (2004; Usa)

The Czars
- The Ugly People vs. the Beautiful People (2001; Usa)

Entropic Advance - Red Yellow Noise (2002; Usa - 2xcd)

Hexlove
- Pija z Bogiem (2009; Usa - 2xcd)

Mew - No More Stories/ Are Told Today/ I'm Sorry... (2009; Usa)

Lofty Pillars - Amsterdam (2001; Usa)

Sunn O))) - Monoliths & Dimensions (2009; Usa)

Scott Walker
– The Drift (2006; Usa)
Charalambides
– Joy Shapes (2004; Usa)
Dj Logic
– The Anomaly (2001; Usa)
Dirty Three - Whatever You Love, You Are (2000; Australia)
Khlyst
- Chaos Is My Name (2006; Usa/Norvegia)


ITALIA (ordine cronologico)

Zu – Igneo (2002)

Larsen Lombriki - Free From Deceit Or Cunnings (2005)

With Love
- A Great Circle (2006)

Å
– s/t (2006)

Vonneumann
- Switch Parmenide (2006)

Vinicio Capossela
- Ovunque proteggi (2006)

Valerio Cosi
- Heavy Electronic Pacific Rock (2008)

L'Enfance Rouge
- Trapani - Halq Al Waady (2008)

Sinenomine
- Spartenza (2009)


 

MARCO SGRIGNOLI

1
























2











3










4














5










6










7











8











9












10










11











12







13








14












15













16


17


18


19


20


21



22


23

24


25

26

27


28


29


30

SUFJAN STEVENS - Illinois (2005)
Disarmante. A chi si illude che la bellezza pura e semplice non abbia più diritto di cittadinanza, "Illinois" porge l'altra guancia. Un disco schivo, estetizzante? Tutto il contrario. E' la gioia della creazione ad animare questa girandola di canzoni, in un frullio di rimandi fantasiosi, melodie indelebili e divertissement orchestrali. Tutto molto postmoderno, tutto molto leggero. Un caleidoscopio. Anzi: vetrate, grandi e colorate. Canzoni che si rincorrono come personaggi di una storia, temi che si sovrappongono, e voci e strumenti tutte unite in un disegno che sono mille assieme.
E poi la luce. Filtra nell'esile superficie di vetro e la inonda di vitalità. Accende i colori e arriva a noi. Ci rapisce, ci riunisce: la voce sottile di Sufjan Stevens, l'orchestra, gli echi di minimalismo, in un'estasi che ridà senso a una parola: spiritualità.

At the Drive-in - Relationship Of Command (2000)
Irruento, impulsivo. Eppure intricato. Millimetrico. "Relationship of Command" spinge il post-hardcore a un punto di non ritorno. Da lì in poi, potrà essere solo progressive. Ma questi dodici brani sono in perenne bilico, sul filo del rasoio: tra carica e ambizione, impeto e organizzazione, rabbia, passione, immaginazione.

Tool - Lateralus (2001)
Quod est inferius, est sicut quod est superius, et quod est superius, est sicut quod est inferius. La complessità di "Lateralus" è quella del mondo, è quella del cosmo.
Un labirinto iniziatico in cui l'anima si dissolve e riappare come fantasma. Spirito latente tra enigmi e simmetrie. Più che metal, esoterismo.

Tortoise - Standards (2001)
E infine fu il manierismo. Ci vuole classe, tantissima classe per gestirlo, e i Tortoise ce l'hanno. Con lucidità e minuzia, cesellano il manifesto del nuovo post-: Smonta E Rimonta, e tanti saluti alla sostanza. Ritmi scomposti, dubberie, luoghi comuni decontestualizzati e ricombinati. Mondi in minatura, paradisi della pura forma.
Nessuno spazio per le emozioni, ma tanto è perfetto il gioco che non se ne sente la mancanza.

Radiohead - Amnesiac (2001)
Astratto, forse cubista, "Amnesiac" è il post-rock che si impossessa del pop. Canzoni svuotate, emozioni evaporate lasciando scoperte gelide ossature elettroniche. Screziate solo da un pulviscolo irriducibile: virus, batteri, microorganismi jazz che, anarchicamente, ricolonizzano la desolazione.

My Latest Novel - Wolves (2006)
Folk: musica della comunità. Quello di un tempo è estinto o non è più tale, ma il bisogno di musica che parli al plurale è ancora vivo. Con le note, se non con le parole: i pezzi di "Wolves" sono allora timidi, delicati ma anche epici e avvolgenti. Tra crescendo acustici e legami tradizionali, emerge lo spirito di una nuova coralità.

Godspeed You Black Emperor! - Lift Your Skinny Fists Like Antennas to Heaven (2000)
Soft/loud è sinonimo della deriva più emotiva della galassia post-. Quest'album ne è il testo sacro: suono amplissimo, aperto ad archi e fiati; poi sovrapposizioni minimali, cambiamenti climatici, tempeste, schiarite inattese. Abbandonarsi in balia del suo flusso toglie il respiro.

Vampire Weekend - Vampire Weekend (2008)
Spensierato, estroso ma in fondo un po' malinconico, quest'album rivitalizza quel che sembrava morto e spolto. La sgangheratezza dei Feelies e la meraviglia world di "Graceland", ma soprattutto un modo entusiasta di guardare alla multiculturalità. Senza perdere la propria identità, senza forzare quella altrui.

Explosions In The Sky - The Earth Is Not A Cold Dead Place (2003)
Volare. Una breve corsa a terra, qualche battito d'ali, poi salire e salire, trasportati da una corrente ascensionale. Traversare le nuvole e, d'un tratto, vedere il sole. E il mondo sotto è un oceano bianco, e planare dolcemente ha il suono dell'essere liberi. Suono di chitarre: nitide, cristalline, un'estasi di intrecci e giravolte.

Daft Punk - Alive 2007 (2007)
Ce ne ricorderemo tra un secolo, con nostalgia e ammirazione. Come oggi ricordiamo il Futurismo.
(Perché un live? Perché qui il genio cubista dei due caschi più famosi di Francia gioca con sé stesso come non mai. Perché in quest'album 2+2 fa 6, e "Around the World" + "Harder Better Faster Stronger" dà infinito.)

Uochi Toki - Libro Audio (2009)
Miglior disco hip-hop italiano di sempre? Con cinismo, puntigliosità e una certa dose di terrorismo sonico, musica e testi danno a capire che solo un idiota potrebbe ragionare così ("migliore"? "hip-hop"? "di sempre"?)
E poi questo è un libro-disco. Ovvero, essenzialmente, un album che fa sentire l'ascoltatore un idiota. Ad avercene.

Four Tet - Rounds (2003)
C'era una volta la folktronica. E Four Tet, già allora, era il migliore. "Rounds" è sospensione e meraviglia, fantasia e circolarità. Hip-hop, glitch e tepore acustico. Leggerezza, brezza sottile, spiritualità.

Radiohead - Kid A (2000)
Il gemello di "Amnesiac" è forse (forse!) un po' meno claustrofobico. Sognante, etereo, non per questo ottimista: anzi, il suo ibrido post-punk/elettronica è quanto di più alienante abbia partorito il pop in tempi recenti.

2 Many DJ's - As Heard on Radio Soulwax Part 2 (2002)
La palma di album più spassoso del decennio spetta alla magna opus del bastard-pop. Pop, rock, dance di ogni genere ed era frullate in un flusso irresistibile di mostri Taglia E Cuci. La testa di una canzone, la coda di un'altra, la base di un'altra ancora. Irriverenza: molta. Snobismo: zero. Una fotografia perfetta dello spirito dei tempi.

Circle Take the Square - As the Roots Undo (2004)
Frenesia, enfasi, convulsione: questo è lo screamo, la frangia più sanguigna del post-hardcore. Ma "As the Roots Undo" è il suo approdo più evoluto, un caos ordinato che ha fatto sue le diagonali del math-rock e i crescendo celestiali del soft/loud. Uno spirito folk del tutto inaspettato fa di questo disco intensissimo lo specchio nascosto di una generazione, dei suoi malesseri, dei suoi sogni.

Isis - Panopticon (2004)
[post-sludge]

The Shins - Chutes Too Narrow (2003)
[indie-pop]

múm - Finally We Are No One (2000) [folktronica]

Bloc Party - Silent Alarm (2005) [new new wave]

Tim Berne - Science Friction (2002) [avantgarde jazz]

Modest Mouse - We Were Dead Before the Ship Even Sank (2007) [indie-rock]

Amon Tobin - Supermodified (2000) [IDM]

Port-Royal - Flares (2005) [soft/loud]

Anathallo - Floating World (2006) [progressive pop]

Hood - Cold House (2001) [post-rock]

Supersilent - 6 (2003) [improvvisata]

Arcade Fire - Funeral (2004) [indie-rock]

Subtle - A New White (2004) [post-hop]

Gravenhurst - The Western Lands (2007) [indie-folk/rock]

Wilco - A Ghost Is Born (2004) [indie-country]



FEDERICO SAVINI

1














2








3









4









5



6








7









8





9






 

10









11












12






13










14







15











16







17









18





19





 

20

cLOUDDEAD - cLOUDDEAD (Big Dada)
Potrebbe venire ricordato come il “Velvet Underground & Nico” dell’hip-hop, ma se anche non fosse, l’esordio dei cLOUDDEAD rimane semplicemente il disco più sorprendente (e certamente anche tra i più belli) dell’intero decennio. C’ è tutto: ambient, fuliggine, logorrea freak, aria di provincia metropolitana, tramonti rosati, videogame, bassa fedeltà e idee a burrasca. A lavorarci quasi tutto il collettivo Anticon: una miriade di voci e di mondi. Impareggiabile.

Daft Punk - Discovery (Virgin)
Il passato che si trasforma in futuro. Tra tutte le infinite riletture operate nel decennio sul mastodonte anni ’80, questa è proiettata verso l’eterno con una disinvoltura inumana e artificiale, senza nemmeno correre il rischio che  il concetto prevarichi il divertimento.

Storm&Stress - Under Thunder And Fluorescent Light (Touch & Go)
La rivoluzione free (per finta) del post-rock, ossia ciò che poteva essere e non è stato. Anello di congiunzione tra i mondi musicali sotterranei dei due decenni, destinato e negare il passato e a non fare scuola. E a brillare di luce ermetica.
 
Volcano The Bear - Classic Erasmus Fusion (Beta Lactam Ring)
Il disco che annichilisce, per compiutezza, cura del dettaglio e slancio sperimentale, un intero decennio di peregrinazioni freak-folk. Arriva a fenomeno già parzialmente scemato, se ne discosta in quasi tutto e punta farsi ricordare.

Black Dice - Repo (Paw Tracks)
Il riassunto perfetto del decennio. Beffardo e mostruoso.

Animal Collective - Here Comes The Indian (Paw Tracks)
Forse in assoluto il disco più influente sugli universi underground degli anni 00. Il moaning elettronico eletto a sintassi vitalistica che nasconde e tortura le pulsioni riproduttive lasciando defluire le ansie infantili.

Asa Chang & Junray - Jun Ray Song Chang (Leaf)
Fusione perfetta di ironia solare e malinconia senza fondo, esplosione cromatica ed etno-exotica dell’effimero idioma glitch-pop. Educativo e imperdibile. Sullo stesso livello il recente, meno volatile, “Kage No Nai Hito”.

Dirty Projectors - Bitte Orca (Domino)
Approdo “vendibile” di un percorso tra i più personali del decennio, è la scommessa su una musica pop che potrebbe essere.

Vinicio Capossela - Ovunque Proteggi (Warner/Cgd)
Disco dalle ambizioni ridicolmente grandi e benissimo riposte. Essere al di fuori di qualsiasi attualità in casi del genere significa averlo scelto ed è un grande merito.

Jeffrey Lewis - It's the Ones Who've Cracked That the Light Shines Through (Rough Trade)
Lo stato dell’arte del cantautorato metropolitano: logorroico, sincero e divertito. Senza velleità parricide e men che meno pose depressive. Un monumento bisognerebbe fargli, altroché.

The Hospitals - The Hospitals (In The Red)
Il disco che ha rilanciato e incattivito il garage-noise negli anni 00. Parossistico, disperato e devastato. Non poteva avere seguiti all’altezza e infatti non li ha avuti, ma il fatto che Adam Stonehouse anziché raschiare il barile abbia preferito gettarsi in esperimenti per i quali è tagliato il giusto, non è che la riprova della brutale follia alla base dell’operazione.

Aa Vv - Pisspounder (Deathbomb Arc)
Una raccolta di pesci piccoli per il noise anni 00. E’ stata una grande ramificazione e un gorgogliante rumore di fondo per tutti questi anni. E ci siamo divertiti.

The Microphones - The Glow Pt. 2 (K Records)
Quel che resta degli anni 90: il migliore riassunto possibile delle migliori espressioni dell’indie-rock americano di allora, coagulato nell’immaginario privatissimo di Phil Elvrum. Preferito a "Mount Eerie", che gli è superiore sotto diversi aspetti, per ragioni squisitamente personali.

Sufjan Stevens - C’mon Feel The Illinoise (Ashtmatic Kitty)
Pur non totalmente coeso, nessuno ha scritto canzoni e arrangiamenti pop a questo livello, aria da respirare a pieni polmoni da uno che ha sempre fatto di testa sua.

Talibam! - Ordination Of The Globetrotting Conscripts (Azul Discografica)
Per ricordarci che la free-music indiavolata ha radici che possono (e anzi dovrebbero) prescindere da Dead C e Throbbing Gristle (per qualche anno pareva che gli allievi disobbedienti fossero diventati per forza la nuova accademia). Una forza della natura e un sacco di risate.

Peeesseye - Mayhem in the Mansion, Shivers in the Shack (Evolving Ear)
O della sintesi di buona parte dei linguaggi underground più abbietti in circolazione in una musica che arriva ultima e fa meglio dei primi. Perché ne succhia il sangue.

The Books - The Lemon Of Pink (TomLab)
I grilli parlanti delle fughe pop più insolite, tra minimalismo elettronico e scampoli di abbecedario folk. Fortunatamente illesi dopo le sbornie che son seguite e scampati per merito al flagello folktronico. Inetichettabili con intelligenza.

Gowns - Red State (Cardboard)
Un disco depressivo e giovanile, che non si capisce quanto sia bello e quanto sia originale. Probabilmente parecchio ambo le cose.

Anti Pop Consortium - Arrhythmia  (Warp)
Il lato black della faccenda del nuovo hip-hop. Che in quanto a idee ha poco da invidiare agli sbilenchi intellettualismi bianchi di cui sopra.

Bill Orcutt – A New Way To Pay Old Debts (Palilalia)
Soli per chitarra che ti mandano al tappeto. L’unico a misurarsi con la sei corde che abbia parlato un linguaggio totalmente attuale.


 
ALBERTO ASQUINI

1

2

3

4

5

6

7


 

8

9

10

11
 

12

13

14

15


16
 

17


18

19

 

20
 
21

22


23

24

25


26

27

28



29


30

31

32

33

34

35


36

37


38

39


40

 

41

42

43

44


45


46

47

48



49

50

SIGUR ROS - ()

port-royal
- Flares

Troum - Shutun

Radiohead - Kid A

Notwist - Neon Golden

Royksopp - Melody Am

Godspeed You! Black Emperor - Lift Yr. Skinny Fists Like Antennas to
Heaven!

mum - Finally We Are No One

Supersilent - 6

Pan Sonic - Kesto

Interpol - Turn On The Bright Lights

Microphones - Mount Eerie

Black Dice - Beaches & Canyons

Patrick Wolf - The Bachelor

Animal Collective - Here Comes The Indian

Arcade Fire - Funeral

Offlaga Disco Pax - Socialismo Tascabile

Joanna Newsom - YS

Have A Nice Life -
Deathconsciousness

Piano Magic - Disaffected

July Skies - The Weather Clock

Deerhunter - Microcastle / Weird Era Cont.

Radiohead - Amnesiac

San Agustin - The Expanding Sea

The White Birch - Star Is Just a Sun

Gas - Pop

The For Carnation - The For Carnation

Beth Gibbons & Rustin Man - Out of Season

M83 - Dead Cities, Red Seas & Lost Ghosts

Å - Å

Franz Ferdinand - Franz Ferdinand

Air - Talkie Walkie

Daft Punk - Discovery

port-royal - Afraid To Dance

Natural Snow Buildings - Shadow Kingdom

Boards Of Canada - Geodaddi

A Silver Mt. Zion - This Is Our Punk Rock

Matt Elliott - The Mess We Made

Bark Psychosis - Codename: Dustsucker

Khonnor - Handwriting

Pan American - Quiet City

Patrick Wolf - Wind In The Wires

Murcof - Remembranza

Marissa Nadler - The Saga of Mayflower May

Daft Punk - Human After All

Dalek - Absence

Tenhi - Maaäet

Stars Of The Lid - And Their Refinement of the Decline

Cold Cave - Love Comes Close

Luomo - Vocalcity


FILIPPO NERI

1

2


3

4

5

6

7
 

8



9


10

11

12


13

14

15

16

17

18

19

20

SUPERSILENT - Supersilent 6

Throbbing Gristle – Part Two: The Endless Not

Coil – The Ape of Naples

Microphones – Mount Eerie

Pan Sonic – Kesto

Indian Jewelry – Free Gold!

Cold Cave – Love Comes Close

No Neck Blues Band – Sticks and Stones May Break My Bones But Names Will Never Hurt Me

Burkhard Stangl, Christof Kurzmann – Schnee Live

Deathprod – Morals and Dogma

Double Leopards – Halve Maen

Man’s Recovery Project – Bolides Over Basra

Tool – Lateralus

Radiohead – Amnesiac

Rachel’s – Systems/Layers

Current 93 – Black Ships Ate the Sky

Black Dice – Beaches and Canyons

Arcade Fire – Funeral

Interpol
– Turn on the Bright Lights

Reeks And The Wrecks – Knife Hits

    
 
SALVATORE SETOLA

1

2

3

4

5

6

7

8

9


10


11
 

12

13

14

15

16


17

18

19
 
20

21


22


23

24


25
 
26

27


28


29

30


31

32

33

34

35

36



37

38


39

40

 

41


42

43

44

45


46

47

48


49

50

cLOUDDEAD – Ten

Radiohead – Kid A

Arcade Fire – Funeral

Mars Volta – Frances The Mute

Liars – We Were Wrong So We Drowned

Dalek – Absence

Human Eye – Human Eye

Won James Won – Theorist Attack

Outkast – Speakerboxx / The Love Below

Tv On The Radio – Return To Cookie Mountain

Dj Sprinkles – Midtown 120 Blues

Neurosis – The Eye Of Every Storm

Supersilent – Supersilent 6

Tinariwen - Amassakoul

Oneida – Each One Teach One

Today Is The Day – Sadness Will
Prevail

Okkervil River – Black Sheep Boy

Black Dice – Beaches & Canyons

Fiery Furnaces – Blueberry Boat

Wilco – Yankee Hotel Foxtrot

Comets On Fire – Field Recordings From The Sun

Elliott Smith – From A Basement On The Hill

Sigur Ros – ( )

Shape Of Broad Minds – Craft Of The Lost Art

Royksopp – Melody A.M.

Shit & Shine - Cherry

Matmos – A Chance To Cut Is A Chance To Cure

Interpol – Turn On The Bright Lights

Fuck Buttons – Tarot Sport

Animal Collective – Here Comes The  Indians

Runhild Gammelsaeter - Amplicon

Primal Scream – XTRMNTR

Notwist – Neon Golden

Vic Chesnutt – North Star Deserter

Joanna Newsom – Y

Godspeed You! Black Emperor – Lift Your Skinny Fists Like Antennas To
Heaven

Wildildlife - Six

Infidel?/Castro! – Biocentropic Damage Fractal

Evangelista – Hello, Voyager

Dusk & Blackdown – Margins Music

John Zorn  - Electric Masada: 50th Birthday Celebration Volume 4

Ghost – Hypnotic Underworld

Sightings – Arrived In Gold

Microphones – Mount Eerie

Christian Fennesz – Endless Summer

Sunn O))) – Monoliths & Dimensions

Jackie-O Motherfucker - Liberation

System Of A Down – Toxicity

Paik – Satin Black

Johnny Cash - The Man Comes Around


ALESSANDRO NALON

1

2

3


4


5

6


7

8


9


10

11

12

13

14

15

16

17


18


19
 

20

21

22

23

24


25
 

26

27


28



29

30

GRAVENHURST - The Weestern Lands

Unwound - Leaves Turn Inside You

Deerhunter - Microcastle / Weird Era Continued

At The Drive-in - Relationship of Command

16 Horsepower - Secret South

Bloc Party - Silent Alarm

J Dilla - Donuts

Coil - The Ape Of Naples

Converge - Jane Doe

Joanna Newsom - Ys

Cut Copy - In Ghost Colours

Patrick Wolf - The Bachelor

Boris - Pink

Gospel - The Moon Is A Dead World

Centenaire - Centenaire

Psychic Ills - Dins

Have A Nice Life -
Deathconsciousness

Six Organs Of Admittance - Dark Noontide

Indian Jewelry - Free Gold!

Parts & Labor - Mapmaker

Dalek - Absence

Xiu Xiu - Knife Play

Wilco - A Ghost Is Born

Late of the Pier - Fantasy Black Channel

Kill The Vultures - Kill The Vultures

The White Birch - Star Is Just A Sun

Richard Youngs - Beyond the Valley of Ultrahits

At Swim Two Birds - Returning to the Scene of Crime

Zukanikan - Horse Republic

...And You Will Know Us By The Trail Of Dead - Worlds Apart


FABIO RUSSO

1

2

3

4


5

6

7

8


9

10

11


12

13

14

 

15

ALAN LICHT - A New York Minute

Daniel Givens - Age

DJ Sprinkles - Midtown 120 Blues

Kemialliset Ystävät - Kellari Juniversumi

Spring Heel Jack - Amassed

Supersilent - 6

Colleen - The Golden Morning Breaks

The Caretaker - Persistent Repetition of Phrases

Wilco - Yankee Hotel Foxtrot

Flim - Ohne Titel, 1916

Ekkehard Ehlers/ Joseph Suchy/ Franz Hautzinger – Soundchambers

M. Gira/ D. Matz - What We Did

Junior Boys - Last Exit

Colleen - Everyone Alive Wants Answers

Fennesz - Endless Summer


VERONICA ROSI

1

2

3

4

5


6

7
 

8

9


10

11

12


13

14

15

16

17

18


19

20
 

21


22


23

24

25
 

26


27

28



29

30

KNIFE - Deep Cuts (2003)

Vive la Fête
- Nuit Blanche (2003)

Air - 10.000 Hz Legend (2001)

Daft Punk - Discovery (2001)

Interpol - Turn On The Bright Lights (2002)

Domotic - Ask For Tiger (2005)

Kelis - Tasty (2003)

DJ Hell - NY Muscle (2003)

Restiform Bodies - Restiform Bodies (2001)

HEALTH - HEALTH (2008)

Broadcast - Tender Buttons (2005)

Caribou - The Milk Of Human Kindness (2005)

Yeah Yeah Yeahs - It's Blitz! (2009)

Rapture - Echoes (2003)

AA.VV. - DFA Compilation #2 (2004)

Sufjan Stevens - Illinois (2005)

Low - The Great Destroyer (2005)

Divine Comedy - Victory For The Comic Muse (2006)

The White Stripes - Elephant (2003)

The Postal Service - Give Up (2003)

Broken Social Scene - You Forgot It In People (2002)

Kings Of Convenience - Quiet Is The New Loud (2001)

El Guapo - Fake French (2003)

Cold Cave - Love Comes Close (2009)

Desire - II (2009)

The Field - From Here We Go Sublime (2007)

Kanye West - 808 & Heartbeat (2008)

Paavoharju - Laulu Laakson Kukista (2008)

Tba - Annulé (2005)

Neon Neon - Stainless Style (2008)



ANGELO FRANZESE

1

2

3

4
 

5

6


7

8


9


10


11

12
 

13


14

15


16


17
 

18
 

19

 

20
 

21


22


23

24


25
 
26


27

28


29


30

AA.VV. - DFA Compilation #2 (2004)

Merz - Loveheart (2005)

No-Man - Returning Jesus (2001)

Notwist - Neon Golden (2002)

Jim Moray - Sweet England (2003)

Robert Owens - Night-Time Stories (2008)

David Kitt - The Big Romance (2001)

Matt Elliott - The Mess We Made (2003)

Natural Snow Buildings - The Dance of the Moon and the Sun (2006)

The Microphones - The Glow pt. 2 (2001)

Wilco - Yankee Hotel Foxtrot (2002)

Radiohead - Amnesiac (2001)

The Unicorns - Who Will Cut Our Hair When We're Gone? (2003)

Rufus Wainwright - Poses (2001)

Flotation Toy Warning - Bluffer's Guide to the Flight Deck (2004)

Bikeride - Summer Winners Summer Losers (2000)

Arnold - Bahama (2001)

Four Tet - Rounds (2003)

B. Fleischmann - Welcome Tourist (2003)

Matthew Jay - Draw (2001)
 

The Afternoons - The Days We Found in the Sun (2001)

Spring Heel Jack - Disappeared
(2000)

Coloma - Dovetail (2005)

Yo La Tengo - And Then Nothing Turned Itself Inside-Out (2000)

Daft Punk - Discovery (2001)

Storm&Stress - Under Thunder and Fluorescent Lights (2000)

Sufjan Stevens - Illinois (2005)

Arcade Fire - Funeral (2004)

Raising the Fawn - The North Sea (2004)

Patrick Wolf - Wind in the Wires (2005)


NICOLA MINUCCI

1


2

3

4

5

6

7


8


9

10

11

12


13

14

15

16

17

18


19


20

21


22


23

24


25
 
26


27


28


29


30

SUFJAN STEVENS - Come On Feel The Illinoise (2005)

Daft Punk - Discovery (2001)

Wilco
- Yankee Hotel Foxtrot (2002)

Liars
- Drum's Not Dead (2006)

Fennesz
- Endless Summer (2001)

Xiu Xiu
- Knife Play (2002)

Madlib
- The Beat Konducta Vol.1-2: Movie Scenes (2006)

Animal Collective
- Merriweather Post Pavilion (2009)

Oneida
- Each One Teach One (2002)

Low
- Trust (2002)

Radiohead - Kid A (2000)

LCD Soundsystem - LCD Soundsystem (2005)

Burial - Untrue (2007)

cLOUDDEAD - cLOUDDEAD (2001)

Microphones - Mount Eerie (2003)

Battles - Mirrored (2007)

Piano Magic - Disaffected (2005)

Have A Nice Life - Deathconsciousness (2008)

Two Lone Swordsmen - From The Double Gone Chapel (2004)

K-Space - Infinity (2008)

William Basinski - The Disintegration Loops (2002)

Interpol - Turn On The Bright Lights (2002)

J Dilla (Jay Dee) - Donuts (2006)

Matmos - A Chance To Cut Is A Chance To Cure (2001)

Four Tet - Rounds (2003)

Antipop Consortium - Arrhythmia (2002)

Prefuse 73 - Surrounded By Silence (2005)

Mira Calix - Eyes Set Against The Sun (2007)

Outkast - Speakerboxxx / The Love Below (2005)

Einstürzende Neubauten - Silence Is Sexy (2000)?


LORENZO RIGHETTO

1











2









3







4








5








6










7








8








9






10








 

11

12

13

14

15

16

17

18


19

20


21

22


23

24


25

26


27

28

29

30
 
31


32

33


34

35

36


37

38

39

40

41

42

43

44


45

46


47

48

49

50

MIDLAKE - The Trials Of Van Occupanther
Entrare nelle “prove” di questo misterioso protagonista è mettere piede nel mondo come se fosse il più vivido dei sogni. Qui tutto sembra iniziare e finire: nelle storie, enigmatiche, in cui la comprensione razionale non è necessaria, nella pulizia minuziosa e raffinata di un lavoro semplicemente fuori dal tempo.

Band Of Horses - Everything All The Time
La musica come forza naturale, un fiotto che sgorga con ineffabile purezza, come se non fosse che il prodotto spontaneo di un enorme organismo. Il lampo con cui Mat Brooke illumina il mondo per un attimo, prima di ritirarsi a più miti consigli.

Death Cab For Cutie – Transatlanticism
Forse l’unico vero disco generazionale del decennio, in cui Gibbard realizza una sorta di guida per viaggiatori solitari nelle magagne sentimentali che affliggono l’adolescenza. Una traversata colma di genio compositivo.

Wilco - A Ghost Is Born
Prima di tutto vengono le canzoni, e quelle di “A Ghost Is Born” spiccano su tutta la discografia della band di Chicago. Un disco a cui non manca niente, una dimostrazione di come si possa irretire con quegli stessi quattro strumenti.

Okkervil River - Black Sheep Boy
Un disco emozionante, dall’inizio alla fine, in cui le anime di Sheff e Meiburg si fondono al meglio. In quel momento gli Okkervil River erano davvero un supergruppo: i due sono forse i più grandi songwriter (in tutti i sensi) del decennio.

Destroyer – Destroyer’s Rubies
Pare di vederlo, Dan Behar, a sorseggiare vino rosso in un dehors di Montreal, con la sua chioma riccia: i suoi rubini  contengono in misura strabordante il suo carisma, la sua eleganza. Intanto, il primo sole di primavera che scalda il golfo di San Lorenzo accompagna Behar nelle sue ridenti scampagnate.

16 Horsepower - Secret South
La frontiera di McCarthy è lo stesso luogo dell’anima che agita il sonno di David Eugene Edwards: vero sciamano del deserto, la sua voce evoca spiriti che, poco alla volta, compongono un paesaggio feroce e al tempo stesso struggente.

The Mountain Goats – Tallahassee
Il suono dell’acustica di Darnielle è qualcosa che si imprime per sempre nella memoria: “Tallahassee” è un disco che scoppia di vita, con forza e semplicità. Ripercorrere la storia delle “Alpha Series” rimane un’esperienza delle più intense.

Interpol - Turn On The Bright Lights
La compostezza allucinata di una New York assalita dagli incubi. Un disco che pare nato per dettare legge nel marasma creativo della new new wave. Come a dire: adesso si fa sul serio.

Shearwater – Rook
Difficile prendere sul serio qualcuno che si è staccato da una band già “grande”. Invece Meiburg, oltre agli Okkervil River, ha cresciuto una propria creatura, fragile e immensamente potente al tempo stesso, in cui vive tutto il fascino naturalistico della sua ornitologia apocalittica.

The National – Alligator

Bonnie "Prince" Billy - The Letting Go

Wilco - Yankee Hotel Foxtrot

Bloc Party – Silent Alarm

Sigur Ros – ()

James Blackshaw – O True Believers

Current 93 - Black Ships Ate The Sky

Modest Mouse - The Moon And Antarctica

My Morning Jacket – Okonokos

Eels – Blinking Lights And Other Revelations

The Black Keys – Thickfreakness

Andrew Bird - The Mysterious Production Of Eggs

The National – Boxer

Eddie Vedder - Into The Wild - Original Soundtrack

Low – Things We Lost In The Fire

Iron & Wine - Our Endless Numbered Days

Sunset Rubdown – Dragonslayer

Carissa's Wierd - Songs About Leaving

Elbow - The Seldom Seen Kid

My Latest Novel – Wolves

Marissa Nadler – The Saga Of Mayflower May

Sharron Kraus - The Fox's Wedding

Broken Social Scene – You Forgot It In People

The Wrens – Meadowlands

The For Carnation - The For Carnation

Antony & The Johnsons – The Crying Light

Doves - Lost Souls

Owen - At Home With Owen

Sufjan Stevens – Illinoise

Bon Iver - For Emma, Forever Ago

Nada Surf – The Weight Is A Gift

Matt Elliott – Drinking Songs

The Antlers – Hospice

Yann Tiersen & Shannon Wright - Yann Tiersen & Shannon Wright

Smog – A River Ain’t Too Much To Love

Late Of The Pier – Fantasy Black Channel

M Ward – Transfiguration Of St. Vincent

Balmorhea – All Is Wild, All Is Silent

Loney Dear – Lonely, Noir

Beach House – Devotion

 
 
CLASSIFICA DEL FORUM DI ONDA ROCK
.
ARCADE FIRE - Funeral (2004)
675
SIGUR ROS - ( ) (2002)
551
RADIOHEAD - Kid A (2000)
517
4
DAFT PUNK - Discovery (2000)
411
5
INTERPOL - Turn On The Bright Lights (2002)
399
6
RADIOHEAD - Amnesiac (2000)
313
7
TOOL - Lateralus (2001)
312
8
MICROPHONES - Mount Eerie (2003)
291
9
cLOUDDEAD - cLOUDDEAD (2001)
264
10
SUFJAN STEVENS - Illinois (2005)
236
11
LOW - Trust (2002)
235
12
NOTWIST - Neon Golden (2002)
224
13
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR - Lift Yr. Skinny Fists Like Antennas to Heaven! (2000)
215
14
WILCO - Yankee Hotel Foxtrot (2002)
211
15
JOANNA NEWSOM - Ys (2006)
190
16
FENNESZ - Endless Summer (2001)
189
17
STROKES - Is This It (2001)
184
18
CAT POWER - You Are Free (2003)
182
19
SUPERSILENT - 6 (2003)
181
20
LIARS - Drum's Not Dead (2006)
175
21
PRIMAL SCREAM - Xtrmntr (2000)
172
22
PORTISHEAD - Third (2008)
170
23
ONEIDA - Each One Teach One (2002)
169
 
PANDA BEAR - Person Pitch (2007)
169
25
16 HORSEPOWER - Secret South (2000)
164
26
AT THE DRIVE-IN - Relationship Of Command (2000)
162
27
COIL - The Ape Of Naples (2005)
159
28
QUEENS OF THE STONE AGE - Songs For The Deaf (2002)
153
29
PAN SONIC - Kesto (2004)
149
 
  PIANO MAGIC - Disaffected (2005)

149

31
FOUR TET - Rounds (2003)
143
32
BLACK DICE - Beaches And Canyons (2002)
140
33
DALEK - Absence (2005)
135
34
HAVE A NICE LIFE - Deathconsciousness (2008)
134
35
PATRICK WOLF - The Bachelor (2009)
129
E' l'esordio dei canadesi Arcade Fire il disco più votato dai forumisti di OndaRock. Segue la "musica tra parentesi" dei Sigur Ros. Terzo gradino del podio per il disco della svolta elettronica dei Radiohead. Buoni piazzamenti anche per Daft Punk, Interpol, Tool e Microphones.
Un ringraziamento particolare all'utente gigiriva. Qui la classifica completa
. ..
36
ARCADE FIRE - Neon Bible (2007)
115
37
BURIAL - Untrue (2007)
110
 
INDIAN JEWELRY - Free Gold! (2008)
110
39
FIELD - From Here We Go Sublime (2007)
109
40
LIARS - They Were Wrong So We Drowned (2006)
107
41
ROYKSOPP - Melody A.M. (2001)
106
42
BATTLES - Mirrored (2007)
105
43
MATT ELLIOTT - Drinking Songs (2005)
102
44
ISIS - Panopticon (2004)
96
45
MICROPHONES - The Glow, Pt. 2 (2001)
93
46
TWO LONE SWORDSMEN - From The Double Gone Chapel (2004)
91
47
ANTONY & THE JOHNSONS - I Am A Bird Now (2005)
88
 
KNIFE - Silent Shout (2006)
88
49
SPRING HEEL JACK - Amassed (2002)
86
50
DIRTY THREE - Whatever You Love, You Are (2000)
85
 
VOLCANO THE BEAR - Classic Erasmus Fusion (2006)
85
52
ANTONY & THE JOHNSONS - Antony And The Johnsons (2004)
84
 
WILCO - A Ghost Is Born (2004)
84
54
DJ SPRINKLES - Midtown 120 Blues (2008)
83
55
BLOC PARTY - Silent Alarm (2005)
82
 
TV ON THE RADIO - Return To Cookie Mountain (2006)
82
57
OUTKAST - Speakerboxxx / The Love Below (2003)
80
58
COLDPLAY - Parachutes (2000)
79
 
UOCHI TOKI - Libro Audio (2009)
79
60
STORM AND STRESS - Under Thunder And Fluorescent Lights (2000)
78
61
MARS VOLTA - Frances The Mute (2005)
77
 
THROBBING GRISTLE - Part Two: The Endless Not (2007)
77
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.