Clock Dva

Clock Dva

Una saga cibernetica

di Fabiano Balinesi

Eredi della scuola dei Kraftwerk e antesignani di una estetica cibernetica della musica, i Clock Dva di Adi Newton sono nati nella fucina industrial di Sheffield, esordendo con uno stile personale e stratificato e diventando poi il nome più rappresentativo di un fronte elettronico dai contorni gotici e metafisici
La mente carismatica del progetto Clock Dva è stata Adi Newton, polistrumentista originario di Sheffield dalla vasta formazione culturale e dalle spiccate attitudini creative. Affascinato dai percorsi sperimentali e di contaminazione, Newton è rimasto il fulcro di una realtà che solo in parte è stata denominata Clock Dva, avendo dato vita anche ad altri progetti paralleli (tra cui The Anti Group) che hanno via via seguito varie direzioni. Clock Dva resta però, a tutt'oggi, il riferimento più importante e quello che ha sicuramente dato i frutti più significativi, avendo sposato ed elaborato l'estetica cyberpunk un attimo prima che diventasse di (abusato) dominio pubblico. Personaggio votato alla passione per l'espressione artistica oscura e criptica, agli enigmi, alle correnti culturali d'avanguardia di cui lui stesso è divenuto protagonista, Adi Newton è una figura dall'immagine ombrosa e futuribile, che ha dato identità alla contaminazione tra strumenti elettronici e iconografia cibernetica, portando avanti un discorso inziato con i Kraftwerk e maturato poi con l'evolversi del rapporto tra uomo e macchine nell'era del personal computer.

Gli esordi musicali dei Clock Dva, tuttavia, non fanno riferimento tanto alle formazioni di musica electro-industrial che all'epoca proliferavano - e a cui si ispiravano parzialmente - quanto a una sorta di deviazione del rock verso sovrapposizioni di free-jazz, psichedelia acida e rumorismo informale. Sheffield, a cavallo tra i 70 e gli 80, diede i natali a realtà storiche della nuova scena britannica, come Cabaret Voltaire e In The Nursery; il che spiega la fertile amplificazione degli interessi di Adi Newton verso una sperimentazione che non convergesse completamente sulle facili mode. Ma le sue intenzioni si sono concentrate su vari fronti e Clock Dva è diventata l'esperienza più intrigante ed emotiva, la più seminale e di conseguenza la più emblematica di tutto ciò che agli esordi della sua storia faceva bollire in pentola. Mentre sul lato opposto e parallelo il progetto The Anti Group ha rappresentato il laboratorio sonoro più programmatico e criptico (avendo condotto, ad esempio, ricerche musicali sull'interazione tra corpo e onde sonore).

Dopo aver suonato con vari altri musicisti, tra cui i futuri Human League Martyn Ware e Craig Marsh, Newton dà vita al progetto Clock Dva assieme a Stephen James "Judd" Turner, pubblicando alcuni nastri a tiratura limitata, distribuiti attraverso circuiti alternativi e da cui nel 1980 viene tratto un singolo ("Brigade"). Il nome del progetto prende ispirazione dal lessico del romanzo di Burgess "A Clockwork Orange" ("Arancia ad orologeria") e vede la luce nel periodo in cui a Sheffield si verifica un'escalation del sound industriale e delle performance multimediali fatte di musica, proiezioni e installazioni. Anche i Clock Dva, con una formazione tutto sommato tradizionale nella line-up (voce, chitarra, percussioni), organizzano il proprio stage con luci e atmosfere interattive. Le suite psichedeliche tipiche del rock anni 60 sono la spina dorsale delle performance live della band, che approda alla sua prima pubblicazione ufficiale nel 1980 grazie a Genesis P-Orridge, già figura di spicco del movimento industrial (Throbbing Gristle).
L'eredità psichedelica si arricchisce qui sia del recupero di altre tradizioni - dodecafonia, atonalismo - sia di proiezioni della filosofia industrial. La prima registrazione professionale delle loro jam ha titolo White Souls In Black Suits e presenta una commistione quasi dadaista di improvvisazioni rock dilatate, pennellate di jazz e sentori di sonorità acide, che seguono tessiture talvolta disorientanti, ma contengono in nuce l'aura di fascino deviato che caratterizzerà i successivi lavori.
La line-up accreditata, oltre ai due fondatori, include anche Roger Quail, Charlie Collins, David Hammond. Tra i brani da citare la funambolica e lunghissima "Anti-chance", con inserimenti di arditi arabeschi di fiati, la enigmatica "Still/Silent" e gli echi art-cosmici di "Non". Questo lavoro verrà poi ristampato più volte negli anni successivi.

Nel 1981 Newton e soci pubblicano l'album Thirst, opera sicuramente più cesellata e frutto di una migliore organizzazione produttiva, che sembra prendere ulteriori distanze dai diktat del trend industriale e consolidare un'autonomia propria. Il marchio Clock Dva riprende con maggior consapevolezza la strada aperta dall'album di esordio, elaborando un'accattivante serie di ballate espressioniste sempre in bilico tra il jazz-rock e le ombre malsane di una nuova era tecnologica, dove suoni e voci appaiono come il lamento (o il grido) di una conscia follia.
L'artwork dell'album è affidato a Neville Brody, giù curatore della grafica dei Cabaret Voltaire e della Fetish Records. Tra le tracce da segnalare "Piano Pain", "Sensorium", l'arcana "Impression Of African Winter" e infine l'apocalittica "4 Hours", che lascia presagire le iconografie dei futuri concept-album dall'impronta cyber-sintetica. A questo punto del percorso, i due co-fondatori del progetto, Newton e Turner, decidono di riconcentrare le energie e rifondare il collettivo Clock Dva, licenziando Quail e Collins.

Ma l'improvvisa morte di Turner rimette ogni cosa in discussione e dal tragico evento nasce la realizzazione dell'Ep Passion Still Aflame, dedicato alla sua memoria.

Dopo la morte di James Turner e successivi rimaneggiamenti della formazione che vedono soprattutto un cospicuo inserimento di strumenti a fiato, Adi Newton firma un contratto con la Polydor e dà inizio a una nuova fase creativa che consolida ancor più lo stile stratificato dei Clock Dva. Indefinibile il genere che vanno sviluppando - dunque personalissimo per l'approccio stilistico e timbrico - e che porta alla realizzazione di un terzo album, in cui si consolida la posizione collaborativa di Paul Browse, autentico braccio destro di Newton.

Advantage (1983) è un'opera concepita nell'ambiente parigino e registrata in varie sessioni con la produzione di Hugh Jones, che si caratterizza per una consistente atmosfera notturna e decadente e una veste musicale sicuramente più fruibile rispetto alle precedenti. Al punto che la sinergia tra una major come la Polydor e l'aggiustamento del "tiro stilistico" consente alla band di mettere all'attivo una John Peel Session e di organizzare una vera e propria tournée. "Tortured Heroine", "Resistance", "Breakdown", "Dark Encounters", "Eternity In Paris" sono i titoli trainanti di una tracklist che contiene una commistione di reminiscenze jazz-funk mescolate a intrecci ritmici vagamente tribali e ammiccamenti gotici, di spleen crepuscolari a echi new age e partiture classicheggianti ("Poem").
Il marchio di fabbrica di Adi Newton emerge, a cominciare dall'incisività abissale della sua voce e dagli enigmatici riferimenti contenuti nei testi.

Tra il 1984 e il 1987 Newton si trasferisce in Olanda, dove prende corpo il progetto The Anti Group Communication Project, che metterà in atto una filosofia musicale molto più esoterica e radicale, sviluppando ulteriormente l'integrazione suono-immagine e la componente ipnotica. Così soltanto nel 1989 i Clock Dva tornano a firmare la paternità di un album ufficiale: quel Buried Dreams, considerato a piano titolo uno dei loro capolavori e sicuramente quello più evidentemente legato a un nuovo corso di implicazioni metafisico-cibernetiche.
Balzano evidenti nei testi e nell'artwork riferimenti culturali stratificati, che pongono l'accento sui conflitti e sui compromessi che interessano l'uomo nell'era delle macchine, mostrando da una parte le iconografie più comuni e massificate di questa epoca, dall'altra suggerendo legami più complessi tra arte, politica, scienza nel corso dei secoli. La traccia di apertura si ispira alla sanguinaria "Bathory", con un variegato bagliore di classicità ed erotismo dai contorni inquietanti.
Quindi dalla seconda traccia ("Hide") il sound si fa metronomico, estremamente elettronico, costellato di interventi vocali carichi di ansie e di profetiche sentenze; ancora più marcate in "Sound Mirror" che con trame percussive e ossessive dipinge un presente già carico delle fobie del futuro. Spiccano poi "The Reign", con un pianoforte elettrico che umanizza la voce aliena di Newton, e "The Hacker", martellante conclusione colma di intrecci ritmici e percussioni orchestrali che annichiliscono l'ascoltatore. L'album sembra diventare una summa di tecnologie musicali e forgia una sorta di techno-pop colto e gotico di grande fascino descrittivo e narrativo.

Quasi contestualmente alla pubblicazione di Buried Dreams, viene dato alle stampe il live intitolato Transitional Voices.

Nel 1992 esce il concept-album Man-Amplified, che pare raccogliere l'eredità di Buried Dreams, ma si ispira più dichiaratamente alla letteratura sull'Intelligenza Artificiale e all'informatica moderna in genere. "Bitstream", "Final Program", "Fractalize", "Transitional Voices" e "Techno Geist" sono i principali brani che conducono a un perfezionamento della forma-canzone ormai tipica dei Clock Dva, dove la voce aliena di Adi Newton si snoda su intrecci ritmici e sequenze minimaliste sempre più elettroniche.
La band conosce l'apice del suo successo commerciale e anche grazie alla italiana Contempo Records - che ne cura la distribuzione con grande passione - partecipa a importanti eventi e sforna vari remix e ristampe, oltre a una raccolta di colonne sonore virtuali intitolata Digital Soundtracks.

A questo punto l'evidente massificazione della cultura cyberpunk - che dalla letteratura travaserà ai fumetti, al cinema e ovviamente alla musica - gioca un ruolo fondamentale e al tempo stesso letale per il progetto Clock Dva, che da antesignano finisce per omologarsi alle tendenze e mimetizzarsi nel flusso evolutivo del panorama electro-dance europeo.

Non a caso Sign (uscito per Contempo nel 1993) segna un ritorno ad atmosfere più decadenti e riflessive, meno esasperate nell'iconografia "hackeristica", più rivolte a spazi siderali e a forme di comunicazione mentali. Indubbiamente dotato di fascino, ma anche di qualche lungaggine, l'album rappresenta l'ultimo capitolo discografico ufficiale dei Clock Dva e dai rarefatti leit-motiv di tracce come "Return To Blue", "Two Souls", "Pool Of Reveries" sembra trapelare un senso di atavica malinconia, una specie di oblio tecnologico-onirico che mette fine alle accecanti inquietudini di Buried Dreams.

Collective del 1994 raccoglie i singoli del periodo 1988-1993. Nel 1996 Adi Newton registra Psychophysicist con Andrew McKenzie degli Hafler Trio.

Clock Dva

Una saga cibernetica

di Fabiano Balinesi

Eredi della scuola dei Kraftwerk e antesignani di una estetica cibernetica della musica, i Clock Dva di Adi Newton sono nati nella fucina industrial di Sheffield, esordendo con uno stile personale e stratificato e diventando poi il nome più rappresentativo di un fronte elettronico dai contorni gotici e metafisici
Clock Dva
Discografia
 White Souls In Black Suits (Industrial, 1980)

 

Thirst (Contempo, 1981)

 

Advantage (Wax Trax!, 1983) 
Buried Dreams (Wax Trax!, 1989)

 

 Man-Amplified (Ctp, 1992)

 

 Digital Soundtracks (Contempo, 1993)

 

 Sign (Contempo, 1993)

 

pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Clock Dva su OndaRock
Recensioni

CLOCK DVA

Advantage

(1983 - Polydor)
Le danze macabre della band di Sheffield, tra industrial, wave, funk e avantgarde

Speciali

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.