Interpol

L'onda lunga di New York

di Alberto Asquini

Mentre tanti compagni d'avventura si limitavano al copia-incolla dei maestri wave targati Ottanta, i newyorkesi Interpol riuscivano a ricreare maestose atmosfere, avvolte da chitarre tenebrose e da uno spleen decadente e malinconico. Dopo il botto dell'esordio e il controverso seguito, giungono ora all'opera terza, sospesa tra nostalgia e nuove suggestioni. Retrospettiva su una delle band più amate e controverse della prima decade del 2000

Interpol

Discografia
 INTERPOL   
   
Turn On The Bright Lights (Matador, 2002)

8

 Antics (Matador, 2004)

6

 Our Love To Admire (Capitol, 2007)

6,5

 Interpol (Matador, 2010)5,5
 Elpintor (Matador, 2014)6,5
   
 JULIAN PLENTI  
   
 Julian Plenti Is... Skyscraper (Matador, 2007)7
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

 

Interpol su OndaRock
Recensioni

INTERPOL

El Pintor

(2014 - Matador)
Il ritorno della band di New York ha il sapore forte delle origini con qualche ripetizione di troppo

INTERPOL

Interpol

(2010 - Matador)
La nuova veste del gruppo newyorkese in un ritorno alle origini, più dark ma meno ispirato

INTERPOL

Our Love To Admire

(2007 - Capitol Records)
L'atteso ritorno del quartetto newyorkese, al debutto per una major

INTERPOL

Antics

(2004 - Labels)

INTERPOL

Turn On The Bright Lights

(2002 - Matador)
L'album della band neyorkese che ha traghettato la new wave nel Duemila


Questo sito utilizza i cookies per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per finalità commerciali e di pubblicità.
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.
Continua