Bud Spencer Blues Explosion

Bud Spencer Blues Explosion

Anche l'Italia ha i suoi Blues Explosion

intervista di Carlo Bordone e Claudio Lancia

Un incontro a Torino per la presentazione di “BSB3”, Carlo Bordone che intervista Adriano Viterbini e Cesare Petulicchio, rispettivamente chitarra, voce e batteria dei Bud Spencer Blues Explosion. Qualche giorno prima Cesare di passaggio al Sottoscala Nove di Latina si incrocia con Claudio Lancia. Qualche domanda aggiunta via e-mail, perché la curiosità si autoalimenta quando ci si ritrova a fissare su carta il contenuto di un registratore digitale. Ne esce fuori una bella fotografia di cosa sono oggi i Bud Spencer, il duo romano ormai partito alla conquista della penisola, e non solo.

Per iniziare prendiamo un giro largo, parlando non di musica ma di immagini…
Adriano: Nell’immaginario coordinabile con quello del nostro nuovo disco, c’è anzitutto un film di Steven Spielberg, “Duel”. Fu il suo secondo lungometraggio, girato ad inizio anni 70, una storia dove ci sono solamente due personaggi, un’autocisterna e un deserto. Abbiamo voluto intitolare in questo modo il pezzo più grezzo di “BSB3”, quello più tagliente e muscolare. Questo per dire che il legame fra musica e immagini è da noi senz’altro ricercato.

A supporto di “Duel” c’è un videoclip girato dal regista Alex Infascelli…
Adriano: Quella con Alex Infascelli è stata una collaborazione naturale. A noi piace molto quello che ha fatto per l’arte italiana, con un taglio sempre piuttosto radicale. Da bambino mi piaceva un videoclip che girò per Luca Carboni, “Inno nazionale”, nel quale un cecchino pian piano uccideva tutti i membri della band. Siamo onorati di aver potuto collaborare con lui.
Il video di “Duel” è sicuramente impattante, sta dividendo molto il nostro pubblico, ma il risultato finale è proprio quello che volevamo. Scegliere di non piacere per forza a tutti è per noi un modo per restare sinceri.

Avete sempre suonato tantissimo dal vivo, il classico gruppo che è cresciuto sul palco. In questi anni la dimensione live quanto ha cambiato la vostra musica e quanto ha influito sulla genesi del nuovo disco?
Cesare: In realtà questo disco è il primo che abbiamo scritto in sala prove. Dopo un certo periodo di isolamento artistico, nel quale soltanto noi due avevamo ascoltato le nuove canzoni, ci serviva però il confronto con una platea. Quindi qualche mese fa abbiamo deciso di fare un tour di dieci date per testare la reazione del pubblico sulle nuove composizioni. Proprio perché per noi è fondamentale la dimensione live.
Cerchiamo sempre di portare l’energia dei nostri show dentro il supporto fisico. In molti ci definiscono una live band, anche perché amiamo improvvisare molto sul palco: spesso le nostre canzoni dal vivo si sa come iniziano ma nessuno può conoscere che tipo di evoluzione possano avere. Per noi questo approccio è fondamentale. Non so se col tempo diventeremo un gruppo focalizzato sui dischi, di quelli che magari poi fanno giusto poche date per promuoverli. Oggi sicuramente i dischi aiutano a fare i concerti, sono un mezzo per suonare di più.

Da cosa deriva la scelta della vostra ragione sociale?
Adriano: Il nostro nome nasce dall’intenzione di unire il mondo degli Stati Uniti, che ci ha sempre ispirato, e la radice italiana, rappresentata dagli spaghetti western e da certi film degli anni 70, che sono molto caratterizzanti. Il nostro nome all’inizia faceva sorridere, ma l’impatto lasciava trasparire le nostre intenzioni. Chi ha saputo coglierne l’ironia si è divertito assieme a noi.

Dentro il vostro nuovo album ci sono molte influenze, si passa da una canzone potente come “Mama” a “Camion”, il classico pezzo strumentale che dal vivo può allargarsi a dismisura. “Camion” manifesta possibili evoluzioni future del vostro sound, perché contiene aromi che richiamano l’Africa. E’ una direzione che vi affascina, che vi interessa?
Adriano: Ci sono molte novità musicali nel nuovo album. Le influenze africane sono molto vicine alle mie corde, al mio modo di intendere la musica. Si tratta di una musicalità molto semplice, senza troppi orpelli, immediata, anche un po’ romantica, con delle soluzioni armoniche interessanti.
Scrivere canzoni avvicinandoci a quello stile potrebbe risultare quasi grottesco perché non fa parte di quello che viene generalmente riconosciuto come il nostro immaginario, ma miscelare il tutto in un sound personale lo abbiamo fatto e lo continueremo a fare.

A proposito di Africa e di blues africano, ti abbiamo visto in televisione nella band di Bombino: come è nata questa collaborazione?
Adriano: Da fan di quel tipo di suoni ho cominciato a mostrare interesse verso artisti come lui. Mi è sembrato naturale rispondere a una sua richiesta di collaborazione, cosa che mi ha lusingato non poco. Poter entrare in quel tipo di approccio alla musica è stato bello, un approccio semplice, ma allo stesso tempo consapevole. Un’esperienza che spero possa ripetersi in futuro.

Siete abituati a collaborare anche separatamente con molti musicisti. Ci sono progetti in vista?
Adriano: Al momento siamo concentrati soltanto sulla promozione del nuovo album.

Siete soddisfatti di come è uscito “BSB3”?
Cesare: Io sono un po’ un perfezionista, e ogni volta che ascolto le nostre registrazioni trovo sempre qualcosa che rifarei o tenterei di migliorare, però a un certo punto devi tirare una linea, e mi sento di poter dire che “BSB3” rappresenta molto bene ciò che noi due siamo oggi. Si, possiamo ritenerci molto soddisfatti.

Facciamo un salto indietro: Come avete affrontato gli inizi del vostro percorso artistico? Avete avuto delle delusioni durante il vostro cammino?
Cesare: Delusioni non direi, come BSBE si è quasi sempre allineato tutto molto bene. Precedentemente ognuno di noi due aveva altri progetti, poi abbiamo deciso di condividere questa avventura per poter sviluppare un’idea tutta nostra. Abbiamo sfruttato la spinta dei social network che erano agli inizi e suscitavano interesse e curiosità. Fino a poco tempo prima per far conoscere la propria musica occorreva spedirla e sperare che qualcuno la ascoltasse. Poi attraverso i social improvvisamente era possibile caricare dei pezzi su una piattaforma, tipo MySpace, e diventavano immediatamente disponibili per tutti. E’ stata una rivoluzione che siamo riusciti a cogliere e velocemente il nostro nome iniziò a circolare. La cosa divertente è che all’inizio in molti pensavano fossimo una band revival dei film di Bud Spencer, quindi ci snobbavano, ritenendo che facessimo uno stile poco interessante.

La scelta del duo fu immediata?
Adriano: Ci sembrava un modo efficace di mostrare quello che siamo, senza perdersi troppo in chiacchiere sul come dev’essere arrangiata una canzone. In due non devi aggiungere molti ingredienti e tutto è più veloce. Abbiamo sempre lavorato su soluzioni ritmiche particolari o cambi di tempo più che su arrangiamenti troppo elaborati. E’ una formula dall’impatto immediato. Lavorandoci per un po’ di anni ne scopri tutti i limiti, ma non puoi evitare di apprezzarne i grandi vantaggi. E dà grandi soddisfazioni. Abbiamo intenzione di continuare lungo questa via.

Oggi possiamo dire che siete ormai affermati su scala nazionale. Come ci si sente a essere considerati unanimamente due fra i migliori giovani musicisti attualmente in circolazione sul territorio italiano? Sentite il peso di questa situazione? Ne siete consapevoli?
Cesare: Forse sembriamo giovani ma in realtà non lo siamo più (ride divertito, ndr). Personalmente mi piace giudicare una band sulla base di quello che riesce a comunicare attraverso un disco o durante un live. Giudico un musicista per la personalità che ha sviluppato. Se per "migliore" si intende questo, ne sono onorato! Se invece è solo una questione di tecnica, penso che ci siano musicisti molto più bravi di me in circolazione!

Quali consigli dareste alle giovani band che stanno iniziando?
Cesare: La chiave è interpretare il percorso musicale come fosse un lavoro, dedicando molto tempo all’attività del musicista. Le cose da fare sono molte: scrivere i pezzi, provarli, registrarli, ideare e far stampare le magliette, seguire i social network, si diventa una sorta di piccola azienda.
Ci sono anche molte attività che almeno nella fase iniziale vanno sostenute economicamente in proprio, come ad esempio creare un book fotografico che presenti la band in maniera credibile e caratterizzante. Se riesci a far tutto in proprio, in una sorta di “fai da te” artigianale, diventa ancor più affascinante.

Poi occorre suonare tanto in giro…
Cesare: Sì, occorre suonare tanto per farsi conoscere. Bisogna dare sempre tutto. Può capitare di fare un concerto davanti a dieci persone in un paesino della Sicilia. Ma se dai tutto, il pubblico lo capisce e lo apprezza. Ci ritorni dopo qualche mese e le dieci persone magari diventano cinquanta, e nel frattempo si sono anche procurati i tuoi dischi.

Siete comunque divenuti dei ricercatissimi sessionmen: quali sono gli artisti che vi piacerebbe facessero squillare il vostro telefono, quelli con i quali fareste carte false per poter collaborare?
Adriano: Mi piacerebbe lavorare con musicisti africani, ma anche con artisti legati alla musica elettronica, oppure con esponenti della nuova generazione di jazzisti. Questi sono i mondi che più mi attraggono.
In generale sono sempre aperto ad ogni tipo di collaborazione, mi è sempre piaciuto suonare la chitarra per altri, cercare di entrare nella testa di altri artisti e considerare strade nuove, diverse dalla mia, portare un tocco personale in progetti e mondi distanti dal mio.

Quali potrebbero essere invece i possibili scenari futuri della vostra musica? Vi piacerebbe sperimentare in qualche direzione particolare?
Cesare: Di solito non programmiamo mai un obiettivo, un punto preciso da raggiungere. Jammiamo e aspettiamo che qualcosa che ci piace venga fuori. Abbiamo appena terminato il lungo (almeno per le nostre abitudini) percorso di scrittura che ha portato a “BSB3”. Poi vedremo, non ci precludiamo nulla.

Cosa vi è rimasto dell’esperienza del tour americano? E cosa ha colpito di più gli americani?
Adriano: Come primo impatto sorprendeva il fatto che cantavamo in italiano. Il pubblico americano ha sempre premiato la sincerità col quale ci siamo posti, senza troppe pose. Abbiamo suonato ovunque fosse possibile. I nostri suoni agli americani piacciono e abbiamo trovato sempre grande entusiasmo.
Cesare: Il pubblico americano è portato ad apprezzare le sperimentazioni. Hanno un tipo di approccio curioso, lo stesso approccio condiviso da noi: non seguire per forza una strada precostituita ma mischiare le carte e vedere cosa può succedere.

Un aneddoto particolare?
Adriano: Io mi son sentito davvero imbarazzato quando abbiamo suonato a Seattle. La città del grunge, dei Nirvana, dei Pearl Jam, un palco dove magari in passato hanno potuto suonare i Melvins. Poco distante c’era anche il museo dedicato a Jimi Hendrix. Una situazione da far tremare le gambe.

Ci siamo conosciuti qualche anno fa, voi eravate una band emergente che apriva concerti per nomi più importanti. Oggi migliaia di nuove formazioni pagherebbero oro per poter aprire un vostro live. Siete passati un po’ dall’altra parte della barricata…
Adriano: Non mi sento dall'altra parte della barricata, cerchiamo di fare il nostro lavoro al meglio, cercando di migliorare sempre e di proporre musica di qualità. Abbiamo iniziato questo percorso per cercare di realizzare il sogno di vivere di musica, realizzando dischi e andando in tour. Ora lo stiamo facendo, questo è il nostro lavoro, possiamo ritenerci molto felici e fortunati.

Fra le nuove band che vi ritrovate a volte sul palco, c’è qualche nome che vi farebbe piacere segnalare ai nostri lettori? Qualcuno che vi abbia colpito per la personalità della proposta musicale.
Cesare: Dola J. Chaplin che ha aperto tutto il nostro tour dello scorso aprile.

Domanda finale: quali sono i dischi che negli ultimi mesi avete consumato?
Cesare: "Wise Up Ghost” di Elvis Costello & The Roots, “Everyday Robots” di Damon Albarn, “Shields” di Grizzly Bear.
Adriano: l’esordio degli Haden Triplets.

(giugno 2014)

***

Alla scoperta dei Bud Spencer Blues Explosion

di Claudio Lancia

I Bud Spencer Blues Explosion sono stati una delle rivelazioni musicali più acclamate del 2009, trascinati dal buon disco omonimo e da un'energetica esibizione al concerto romano del 1° maggio.

Una loro serata al Sottoscala Nove di Latina è l'occasione giusta per incontrare Adriano Viterbini (chitarra e voce) e Cesare Petulicchio (batteria e voce), i membri del promettente duo.


Iniziamo dal nome: quello che avete scelto è decisamente spiazzante, l'immagine di Bud Spencer e il fatto di voler parafrasare uno dei gruppi cardine della scena alt-rock degli ultimi vent'anni, fa pensare a una band di taglio demenziale. E invece ci si trova davanti un mondo inaspettato. Raccontateci i motivi della vostra scelta.

Il nome è nato un po' per caso. Volevamo un nome lungo come "Jon Spencer Blues Explosion" e da lì è nato il gioco di parole con "Bud". In questo modo, come nei film di Bud, anche noi abbiamo fuso l'Italia con l'America.


Il mondo inaspettato è basato su una forte matrice a base di vitaminico blues elettrico, una manciata di rassicuranti ballate acustiche, qualche riuscita virata elettronica ("Here I Am"), un occhio attento all'esperienza Verdena, insomma tanti begli ingredienti. Da dove vengono i BSBE? Attraverso quale percorso personale e artistico siete giunti a una sintesi del genere?

Adriano: Da ragazzino ascoltai la colonna sonora del film "Crossroad" di Ry Cooder (regalo di mio padre... dalla forte sensibilità artistica) e da li in poi e' cambiato tutto.

Ho cominciato a vivere in un mondo alternativo fatto di chitarre, blues, rock, pedali, amplificatori, slide. Nel frattempo al liceo ho conosciuto il punk, l'hardcore e il rap, e inevitabilmente mi sono innamorato anche del grunge.

Da lì le prime band, i primi concerti, poi intorno ai 20 anni ho iniziato a lavorare come session man e a suonare con molti artisti di diversa estrazione in tutta Italia.

Poi i tour con Raf e la sua band (da cui ho imparato tantissimo), i concerti con The Niro, le collaborazioni con Marina Rei e gli 8 Ohm, e un viaggio in America tre anni fa, che mi ha invogliato a creare una band, i BSBE, con l'intento di suonare live senza limiti, per sfogarsi e tirare fuori tutto.


Cesare: io sono cresciuto in Puglia, dove negli anni 90 c'erano due tipi di gruppi: le cover band anni 70 e, quelli più "alternativi" che attraverso cd comprati in qualche viaggio nel nord Italia, sperimentavano i nuovi suoni di Seattle.

Io fortunatamente ho avuto a che fare con entrambe le situazioni e questo mi ha sicuramente dato la possibilità di capire il mio strumento e l'importanza di creare uno stile personale.

Trasferitomi a Roma, ho iniziato a suonare con diversi cantautori come Enrico Pezza, Lorenzo Lambiase e attualmente con Valentina Lupi, grazie ai quali ho scoperto la magia del testo e la bellezza di poter comunicare attraverso una canzone.

Tutte queste mie esperienze si sono poi fuse nei BSBE.


Una delle prime cose che colpisce di voi è la formazione a due. Scelta obbligata o voluta?

Assolutamente voluta! Ispirati in particolar modo da formazioni come i Black Keys e da artisti blues dal sound minimale. Sul disco sono presenti anche il basso, alcune parti elettroniche e un'ospite femminile nella traccia conclusiva. Dal vivo continuiamo a preferire la soluzione a due, che ci permette fra le altre cose di improvvisare con maggiore facilità: sul palco basta un'occhiata e via...


Il progetto a due spesso funziona nel panorama "rock e dintorni": penso non solo agli ovvi White Stripes, ma anche ai Kills, coccolatissimi dalla critica in questi ultimi anni...

Si, ultimamente forse va un po' di moda. In realtà negli Stati Uniti c'è una lunga tradizione di gruppi chitarra e batteria. Ne abbiamo avuto conferma quando siamo stati negli Usa a suonare e ci è capitato di dividere il palco con altri gruppi di due elementi.

Lì è normale come per noi mettere in un gruppo un tastierista piuttosto che un violinista.


Dopo un primo lavoro autoprodotto, il disco di quest'anno possiamo considerarlo un vero e proprio battesimo del fuoco. Dentro ci sono riferimenti a mondi completamenti diversi, uno spettro musicale che parte dai Led Zeppelin e arriva sino ai Chemical Brothers. Eppure tutto convive in maniera naturale.

Il disco è molto spontaneo. Ci sono le cose che in quel momento ci piacevano di più, una fusione di diversi mondi.  Onestamente avevamo paura di non essere capiti con un disco così vario, siamo invece piacevolmente sorpresi dell'entusiasmo con il quale è stato accolto. Fra l'altro stiamo già lavorando al nuovo album, e stasera abbiamo intenzione di presentare al pubblico tre nuove composizioni, una specie di test.


A proposito dei Led Zeppelin: il riff che apre "Mi sento come se" è un omaggio voluto a "Celebration Day" oppure si tratta di un "plagio inconsapevole" causato da anni di amorevoli ascolti?

Adriano: Ahahahah! (ride a crepapelle) Più che altro pensavo a Johnny Winter quando scrivevo "Mi sento come se...". A proposito di omaggi, stasera oltre al pezzo dei Chemical Brothers faremo un altro paio di cover che rispecchiano un po' il nostro background: una di Lucio Battisti ed una di Jimi Hendrix, ovviamente affrontate secondo il nostro approccio.


Secondo il mio modesto parere, il vostro disco se la gioca con il Teatro degli Orrori, con gli Zu e con gli Zen Circus per diventare il disco di riferimento della scena alt-rock italiana del 2009. Come ci si sente in compagnia di questi signori?

Per noi è un onore poter essere nominati insieme a band di cui siamo fan!


Con quali band del circuito nazionale siete maggiormente in contatto?

Nessuna in particolare, almeno nel senso musicale. Poi logicamente capita di conoscersi in giro per locali o festival... Non ci è ancora mai capitato di "aprire" per band più importanti; è un'esperienza che ci piacerebbe fare, magari per i Verdena, prendo la palla al balzo visto che qualche minuto fa li hai citati (e ad Adriano brillano gli occhi, ndr)


In molti hanno scoperto la potenza del vostro suono e delle vostre idee soltanto dopo l'eccellente esibizione del 1° Maggio a Piazza San Giovanni. Che sensazione dà suonare davanti a così tante persone?

Quando sei sul palco e suoni, non ti accorgi di niente: il problema è prima e dopo l'esibizione, mai durante. La sensazione prevalente è un enorme flusso emozionale. Oltre alla gratificazione per tanti anni di lavoro.


Il lungo tour attualmente in corso vi sta portando in giro in lungo e in largo per lo stivale, da Biella alla Sicilia, dove vi siete fermati per ben sei date, in un'area tradizionalmente poco battuta dagli eventi musicali. Come reagiscono all'evento-concerto i giovani delle diverse regioni italiane?

Siamo davvero felici di poterci spostare a suonare ovunque e di poter portare la nostra musica in zone dove solitamente è difficile sentire musica dal vivo. Sinceramente siamo sorpresi e felicissimi del tanto entusiasmo che ci stanno esprimendo le persone che vengono ai nostri concerti, le quali non mancano di ringraziarci per esser andati a suonare nelle loro città.

A parte l'esperienza dal concerto del 1° maggio e la recente serata al Circolo degli Artisti di Roma, di solito suoniamo davanti a 150-200 persone, in locali che ci riservano una dimensione intima, la quale ci consente di respirare l'eccitazione che si sta creando intorno alla nostra proposta.

Tutto questo calore ci incoraggia e ci fa ben sperare per il futuro.


Cosa ascoltano in questo periodo i BSBE? Qual è la compilation ideale nel vostro I-Pod nei giorni del tour?

Adriano: Graham Coxon, Masterkraft, Blakroc, Son House, Queens Of The Stone Age.

Ho molto apprezzato anche il nuovo dei Sonic Youth, mentre la recente proposta dei Flaming Lips voglio ascoltarla con maggiore attenzione, non è un disco facile.

Cesare: per me in questi giorni in heavy rotation ci sono Black Crowes, Pearl Jam, Them Crooked Vultures, Zen Circus, Motorpsycho, Wilco.


Metto un po' di pepe: parliamo di altre band italiane, soffermandoci su nomi ormai affermati.

Cosa pensate della "svolta artistoide" dei Marlene Kuntz? E della "conversione" di Giovanni Lindo Ferretti? E degli Afterhours a Sanremo? E dei Giardini di Mirò che nel 2009 musicano un film attraverso sequenze musicali di una noia mortale?  

Ogni cambiamento è importante: se questi artisti hanno deciso di evolversi in qualsiasi direzione, ben venga!! 


Nel caso dei White Stripes la formazione a due ad un certo punto è diventata limitante per Jack White: il duo ha iniziato a ripetere sé stesso all'infinito e Jack ha messo in piedi una serie di progetti paralleli per dare pieno sfogo alle proprie idee. I BSBE come vedono il proprio futuro? Quali progetti ci sono in cantiere?

Suonare dal vivo finché non ci faranno male le braccia, portare a compimento il prossimo disco, migliorare nella scrittura, nella registrazione e nel taglio musicale, creare un sound che ci rappresenti, crescere e confrontarci.

Disponibili e diplomatici, molto più di quanto il loro sound possa lasciar immaginare, a tratti addirittura timidi, anche se sul  palco si trasformano in un micidiale generatore di energia. 
Sorseggiandoci un'ultima birra, non possiamo che augurare al duo le migliori fortune.

(Latina, 18 dicembre 2009)
Discografia
 BUD SPENCER BLUES EXPLOSION

 

   
 Happy (autoprodotto, 2007)

6

Bud Spencer Blues Explosion (Yorpikus/ Audioglobe, 2009)

7

 Fuoco Lento - Live EP (Yorpikus, 2011) 6,5

Do It (Yorpikus/ Audioglobe, 2011)

7,5

 BSB3 (42 Records, 2014)

  

 

   
 ADRIANO VITERBINI

 

   
 Goldfoil (Bomba Dischi, 2013) 

6,5 

 Film O Sound (Bomba Dischi, 2015)

6,5

pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Bud Spencer Blues Explosion su OndaRock
Recensioni

BUD SPENCER BLUES EXPLOSION

BSB3

(2014 - 42 Records)
Disco numero quattro per il duo romano

BUD SPENCER BLUES EXPLOSION

Fuoco Lento

(2011 - Yorpikus)
Il duo romano inganna l'attesa del terzo album con un fulminante Ep dal vivo

BUD SPENCER BLUES EXPLOSION

Do It

(2011 - Yorpikus)
Il terzo album in studio del duo romano è una nuova tempesta elettrica

BUD SPENCER BLUES EXPLOSION

Bud Spencer Blues Explosion

(2009 - Yorpikus)
Il battesimo del fuoco per il duo romano, fra seventies rock-blues e qualche ballata indie-pop ..

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.