Ed Laurie

Ed Laurie

Dimentica ci che ricordi, e ricorda ancora

intervista di Alessandra Reale
La fumosa Londra è ogni giorno una inesauribile fucina di nuovi artisti, e nel mare magnum delle tante proposte musicali provenienti dalla capitale inglese riuscire a emergere sembra quasi un miracolo, soprattutto quando si tratta di un cantautore folk schivo e poco incline alla intraprendenza senza scrupoli richiesta per vivere (felici?) nel music biz. E una specie di miracolo del web deve essere accaduto quando, diversi anni fa, Ed Laurie è stato contattato da "quelli di iTunes", talmente impressionati dai brani che il songwriter inglese aveva messo in rete, da decidere di proporgliene la pubblicazione nel loro negozio digitale. Così è nato "Meanwhile In The Park", un mini-album d'esordio che rivelava al mondo le straordinarie doti di questo talentuoso quanto modesto artista. Acclamato da pubblico e critica grazie a questo album e al successivo "Small Boat Big Sea...", pubblicato nel 2009, Laurie torna in scena a tre anni di distanza con il suo terzo lavoro, "Cathedral", uscito in Italia da pochissimi giorni. E mentre si trova proprio sul suolo italico per promuovere l'album con una serie di concerti, Ed ha ripercorso per OndaRock la sua storia artistica, dai primi timidi passi al pianoforte da bambino fino alle improvvisazioni a tutto tondo di "Cathedral".

Iniziamo con un classico. Com'è nato tutto? Quando hai capito che volevi essere un musicista? Come hai mosso i tuoi primi passi nella musica?
Sono entrato nella musica senza pensarci molto, forse più per caso all'inizio. C'era un pianoforte nella nostra casa, e quindi ho suonato un pochino. Ho iniziato a scrivere "canzoni" quando ero un teenager. Erano solo parole e voce. Poi è arrivata la chitarra.

Come descriveresti la tua musica?
Quando ascolto la "mia" musica non sento niente che io possa descrivere - sento solo dove voglio migliorare o cambiare!

Nei tuoi album fai un ampio utilizzo della chitarra acustica, e tra le tue influenze sono stati citati alcuni grandi chitarristi della musica folk sudamericana, come il brasiliano Baden-Powell e l'argentino Atahualpa Yupanqui. Come hai scoperto quel genere di musica? E come ha influito sul tuo songwriting?

Ho scoperto questi artisti in dei negozi di musica grazie alle cover dei loro dischi. Ho visto delle foto di questi personaggi, uomini più vecchi di me con facce vissute e chitarre alla mano. Quelle immagini mi affascinavano... e i loro stili alla chitarra sono unici. Questo influisce perché impari a conoscere l'artista meglio quando il suo "stile" gli appartiene.

Sin dai tuoi esordi, hai ricevuto ampi consensi per le tue canzoni e la pubblicazione della tua prima collezione di brani, il mini-album "Meanwhile In The Park", ha ricevuto numerosi feedback entusiastici. So che il release digitale di questo album era stato caldamente incoraggiato da iTunes, e che poi è arrivata la Dangerbird... Ci racconti come è successo? E quali sono state le tue sensazioni a riguardo?

È accaduto tutto attraverso degli executive discografici che hanno ascoltato queste canzoni su internet. Non avevo idea di come vi si fossero imbattuti, e ai tempi non sapevo neanche chi fossero... perciò ero entusiasta nello scoprire che, a dispetto del mio cinismo nei confronti dell'industria discografica, avevo una possibilità di costruire una carriera dal mio lavoro. Non è andata bene con la Dangerbird perché venivamo da posti parecchio differenti, ma sono loro molto grato per l'iniziale supporto che ho ricevuto.

Qualcuno ha recentemente definito la title-track di "Meanwhile In The Park" come "una delle migliori canzoni degli anni 00", e non posso fare a meno di essere d'accordo. Mi racconti com'è nata? E cosa rappresenta?
Beh, ciò è molto lusinghiero. Questo brano è nato nel corso di un po' di tempo... le parole e la musica sono arrivate presto, in una notte, ma ci è voluto tempo per trovare lo "stile" all'interno del quale incastonare la canzone, o l'armatura con cui rivestirla. Il testo del brano ne rappresenta l'argomento, non c'è alcun significato nascosto.

Ed LaurieUn'altra canzone nota di quell'album, "Albert", è ispirata e dedicata allo scrittore francese Albert Camus. In generale, quanta influenza ha la letteratura sui tuoi testi? Quali sono gli aspetti di una poesia o di un libro che ti colpiscono di più?
Mi influenzano molto i titoli dei libri o delle opere teatrali, come "The Heart Is A Lonely Hunter" o "Waiting For Godot": dove il titolo suggerisce, la narrazione deve condurre. Come cantautore, ho bisogno di un obiettivo, di un posto al quale giungere o dal quale partire. Altrimenti non avrei alcuna ragione per cantare!
Quali sono le tue letture preferite, i tuoi scrittori preferiti?
Beckett, Kafka, McCullers, Joyce... questo genere di letteratura.

Nel 2009 hai pubblicato il tuo primo full-length, "Small Boat Big Sea...". Quali erano le tue aspettative per quell'album? Hai ricevuto delle buone critiche per quel lavoro, ma quali sono state le tue sensazioni? Ti sei sentito soddisfatto del risultato?
È semplicemente tanto importante sentirsi abbastanza soddisfatti del proprio lavoro per proseguire, quanto lo è sentirsi insoddisfatti. La figlia di Albert Camus si è messa in contatto con me dopo aver ascoltato "Albert", e questa è stata una grande ricompensa - ho fatto l'edizione francese dell'album in ringraziamento per questo...

Hai co-prodotto molte delle canzoni di "Small Boat" con il batterista jazz e percussionista Andrea Polato, che ora ha anche la grande "responsabilità" di aver fornito il "panorama" per il tuo ultimo album, "Cathedral", registrato in buona parte a Bolzano, sua città natale. Come vi siete incontrati?
Ci siamo incontrati a Londra tramite amici comuni in un negozio di pane in cui lavoravo. Abbiamo suonato insieme in una band e abbiamo sperimentato molti differenti stili di musica prima di "arrivare" qui con quest'album.

Le registrazioni di sette dei dieci brani contenuti in "Cathedral" sono state fatte "on the go": nessuna prova precedente, nessuna click-track, nessuna idea definita di dove i fraseggi e i passaggi musicali potessero portarvi mentre registravate le canzoni. Addirittura alcuni dei testi li hai elaborati durante questa sessione di sei giorni a Bolzano. Perciò l'improvvisazione è uno degli aspetti più particolari di questo album. Perché hai deciso di fare una scelta così insolita e "fuori moda"?
"Astral Weeks" di Van Morrison è l'album che si è impadronito di me questa volta. Questo è un album ampiamente improvvisato... Stavo improvvisando sempre di più nei miei live da solista, per mantenermi attento. Perciò era arrivato il momento di provare a fare la stessa cosa in uno "studio".

Per molti aspetti, questo album è piuttosto lontano dalle tue precedenti produzioni. Quali sono le sue principali caratteristiche? Come descriveresti il suo suono?
Beh, le differenze sono quelle che hai detto poco sopra: niente click-track, niente prove, eccetera. Il suono dell'album è la registrazione di dove eravamo e di cosa sapevamo a quel tempo.

Il titolo dell'album, "Cathedral", deriva dalla cattedrale di Bolzano, che si trova vicino al teatro in cui registravate i brani. La sua presenza imponente ha avuto un qualche peso sull'atmosfera "mistica" che può essere percepita nell'album?
Non abbiamo sentito le campane della cattedrale attraverso i muri del nostro "studio" fino al nostro ultimo giorno di registrazioni dal vivo - cosa strana, visto che avevamo appena finito la title track "Cathedral". La ragione per cui non avevamo fatto caso alle campane prima di allora è un mistero - avrebbero dovuto essere state percepite dai microfoni nelle registrazioni, ma non è stato così! Immediatamente siamo usciti fuori e le abbiamo registrate su un mini disc. Poi le abbiamo inserite nel brano, in maniera casuale, alla fine, solo per sentire se erano alla giusta altezza eccetera... e le abbiamo lasciate lì, senza alcuna modifica, solo così come sono.  

In questo album suonano il violinista svizzero Raphaël Chevalier e numerosi musicisti italiani (incontrati direttamente quando sei venuto a Bolzano). Com'è stato lavorare giorno e notte con tutte queste persone, nel backstage di un teatro, immerso in quella che sembra essere stata un'atmosfera molto amichevole?
Per lo più è stato facile, ma ci sono state anche tensioni perché nessuno sapeva davvero se ciò che stavamo facendo avrebbe "funzionato".

Ora sei in tour, e stai promuovendo il nuovo album in Europa. Proprio in questi giorni ti trovi in (una nevosa!) Italia, per una serie di concerti. Come sta andando?
Beh, fa molto freddo... ma gli spettatori sono molto calorosi!

(05/02/2012)
Discografia
Meanwhile In The Park (Dangerbird, 2008) 
 Small Boat Big Sea... (Tôt Ou Tard / Moonpainter, 2009) 
 Cathedral (Moonpainter, 2012) 
   
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Ed Laurie su OndaRock
Recensioni

ED LAURIE

Cathedral

(2012 - Moonpainter)
Improvvisazioni folk per il terzo lavoro del cantautore inglese

ED LAURIE

Small Boat Big Sea...

(2009 - Tt ou tard)
Un piacevole viaggio sulla piccola nave del cantautore londinese

ED LAURIE

Meanwhile In The Park

(2008 - Dangerbird)
L'incantevole esordio di un promettente cantautore londinese

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.