Jessica Bailiff

Jessica Bailiff

Nuovo folk in dissolvenza

intervista di Andrea Vascellari

Sono passati cinque anni da quando Jessica Bailiff, regina indiscussa del drone-folk e superstar della mitica etichetta Kranky, ha pubblicato il suo ultimo lavoro solista. Dal 2006 in poi abbiamo potuto ascoltarla solo in brevi raccolte di rarità ("Old Things" e "Since Always") e in qualche saltuaria collaborazione. Recentemente è venuta in Italia per accompagnare in tour il marito Mat Sweet (alias Boduf Songs), e ci ha concesso un'intervista esclusiva contente alcune interessanti anticipazioni.

 

Quali sono i tuoi progetti futuri? Ci sarà un sequel di "Feels Like Home"?
Ho appena finito di registrare un nuovo album solista. Non so quando uscirà. Ho appena finito anche un album con Annelies Monseré, e non so quando uscirà nemmeno questo.

Puoi anticiparci qualcosa sul tuo nuovo disco solista? È orientato più verso il folk, come "Feels Like Home", o ha drone massicci e paesaggi ambient come i tuoi precedenti album?
Il nuovo album è probabilmente una via di mezzo tra "Even In Silence" e "Feels Like Home", le chitarre elettriche sono più evidenti questa volta, e c'è più batteria. Ci sono nove canzoni, e dura circa quaranta minuti.

E per quanto riguarda l'album split con Annelies? È simile all'Ep senza titolo che è stato pubblicato dalla Morc qualche tempo fa?
L'album con Annelies è diverso dall'Ep. Abbiamo scritto tutto il materiale nuovo insieme, piuttosto che fare l'una cover di canzoni dell'altra. È più pesante e più dark rispetto all'Ep. È stato stupefacente scrivere con lei. Abbiamo intenzione di continuare.


Quali pensi siano la tua miglior canzone e il tuo miglior album? E perché?
La mia miglior canzone è probabilmente nell'album che ho appena finito. E ne sono abbastanza soddisfatta, quindi diciamo che è il mio album preferito. Sono passati diversi anni da quando ho registrato l'ultimo album solista, e questo lo rende molto speciale.

Sono stupito di essere riuscita ancora a scrivere, a essere onesti. E l'esperienza mi ha permesso di tornare a quello spazio creativo nella mia testa. Ho lavorato su qualcosa ogni giorno, musicalmente, dall'inizio di aprile. Ho intenzione di continuare a lavorare tutti i giorni. Ho intrapreso una solida abitudine con la creazione di quest'ultimo disco.

Ascoltando i tuoi album le influenze di Low e Flying Saucer Attack sono evidenti...ma quali sono le altre band o gli autori che ti hanno influenzato maggiormente?
Qualunque cosa ho ascoltato mi ha influenzato in qualche modo. C'è musica che mi ripugna, e talvolta mi ritrovo ad ascoltarla deliberatamente per cercare di capirla. C'è musica che adoro e da cui ho imparato molto ascoltandola, e cerco solo di trasportare quelle lezioni nella mia musica attraverso le mie interpretazioni o idee. Spesso mi dicono che qualcosa che ho fatto suona come o è influenzato da qualcuno che non ho mai ascoltato prima. Eventuali omaggi palesi da parte mia sono fatti con amore e rispetto.

Nella tua discografia ci sono un sacco di collaborazioni; quale artista si adatta meglio alla tua musica, e perché?
Qualsiasi collaborazione che ho fatto è stata qualcosa di diverso dai miei lavori solisti. I progetti erano un po' delle fughe dallo scrivere per conto mio, in modo tale da non dover necessariamente adattarsi al lavoro che avevo fatto in precedenza da sola.


Suoni molti strumenti: come funziona il tuo processo di composizione? E come funziona nei tuoi progetti collaterali?
La composizione di una canzone avviene in vari modi. A volte ho una melodia in testa, e devo cantare e provare a registrare gli strumenti giusti per rimpolpare una canzone. A volte inizio con un ritmo, e ho avuto la possibilità di registrare una manciata di tracce di batteria grazie al vicino che è stato fuori tutto il giorno. A volte mi sento di suonare il basso o la tastiera, e da questo emerge una canzone. Generalmente scrivo mentre registro, piuttosto che sedermi da qualche parte con una chitarra acustica o al pianoforte.

Per quanto riguarda le collaborazioni, iniziano generalmente con l'invio da parte di una persona all'altra di una sorta di idea, che può essere una traccia parziale, un pezzo di melodia o una canzone definita che ha solo bisogno di alcune aggiunte.

So che a te e a Mat non piace essere fotografati; ho letto da qualche parte che hai lavorato come fotografa qualche tempo fa...non è curioso?
Non ho mai lavorato come fotografa, ma anche se lo avessi fatto, molti fotografi preferiscono rimanere dalla loro parte della lente.

Oggi hai un qualche tipo di lavoro giornaliero o ti guadagni da vivere solo come musicista?
Lavoro in un laboratorio fotografico, cinque giorni a settimana, per una media di otto ore al giorno.

Cosa ne pensi della scena slowcore / drone-folk / ethereal contemporanea?
Non ne so niente!

Che genere di musica ascolti di solito? Ci sono una band o un autore sottovalutati che raccomanderesti?
Probabilmente sarete delusi di sapere che la band che preferisco ascoltare in questo momento e negli ultimi mesi sono stati i Radiohead. Negli ultimi anni ho cominciato ad adorare la loro musica. Ho messo in heavy rotation anche l'album solista di Thom Yorke del 2006, "The Eraser". Sto pesantemente ascoltando l'ultimo album dei Low, "C'mon", e quello di PJ Harvey, "Let England shake". Amo anche Fever Ray e i Knife.

Ho letto Arthur Conan Doyle, e sto leggendo nuovamente Nick Hornby. A volte i libri di Hornby fanno davvero la differenza. C'è una lista molto lunga di cose che vorrei leggere, soprattutto "classici" che non ho mai avuto occasione di affrontare.


Recentemente hai viaggiato attraverso l'Italia per il tour di Boduf Songs. Cosa pensi del nostro paese?
Questa era la mia terza visita in Italia, e mi sono divertita molto, come sempre. L'Italia occupa un posto speciale nel mio cuore.
Discografia
 Even In Silence (Kranky, 1998)

6

 Hour Of The Trace (Kranky, 1999)

6,5

Jessica Bailiff (Kranky, 2002)

7,5

Feels Like Home (Kranky, 2006)

6,5

 Old Things (antologia, Morc, 2007) 
 Since Always (Ep, Distant Noise, 2008)

6,5

 At The Down-Turned Jagged Rim Of The Sky (Kranky, 2012)7
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Jessica Bailiff su OndaRock
Recensioni

JESSICA BAILIFF

At The Down-Turned Jagged Rim Of The Sky

(2012 - Kranky)
Feedback e melodie pił esplicite in un ritorno atteso sei anni

JESSICA BAILIFF

Since Always

(2008 - Distant Noise)
Un Ep conciso e variopinto per la musa slow-core dell'Ohio

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.