Kaki King

Kaki King

Una rivelazione a sei corde

intervista di Magda Di Genova
Kaki King è una ragazza deliziosa, che sorride deliziosamente, deliziosamente glissa su alcune domande e accetta di rispondere, deliziosamente e laconicamente, ad altre.

Mi racconti di quando hai incontrato 50 Cent? (Kaki ha recentemente dichiarato: "Quando 50 Cent mi ha autografato le tette, ho avuto un orgasmo.")
No. Questa è un avvenimento privato che riguarda me e "tesoruccio".

Tra le influenze musicali hai sempre citato Stravinsky, Debussy e Prokofiev. La musica classica davvero influenza il tuo modo di fare musica o influenza semplicemente te come persona?
Non sono la persona più adatta a giudicare quali influenze si possano sentire nella mia musica. In ogni caso sono una grande ascoltatrice e amante della musica classica.

Il tuo ultimo album, "Everybody Loves You", è stato prodotto da David Torn. Non è stata una sorpresa, un'ottima scelta.
Hai già in mente chi produrrà il tuo prossimo disco? Posso suggerire Billy Sheehan?



Va bene.
Ci sono due canzoni che hanno sempre catturato la mia attenzione: "Nails" (inclusa nell'album come traccia fantasma perché l'etichetta non voleva che il disco contenesse 12 canzoni. Almeno, questo è quello che si dice in giro) e "GWOT" (che sta per "Gobal War on Terrorism"). Ti va di parlarmene?

"Nails" è la canzone migliore dell'album.
"GWOT" è la mia prima canzone suonata con la lap steel e ne vado abbastanza fiera. Vorrei averla registrata ora perché sono diventata molto più brava a suonarla.

In una vecchia intervista ho letto che non scrivi mai le note di una canzone: la suoni e la impari a memoria.
Segui ancora questo metodo di composizione o è cambiato, magari preparando questo tuo disco più recente?

Stesso sistema. Occasionalmente registro qualcosa se sto lavorando a parti multiple, ma non annoto la musica. Se mi rimane in testa, significa che vale la pena di farne una canzone.

Quando capisci che una canzone è finita e come ne decidi il titolo?
Quando l'etichetta discografica mi dà una scadenza.

C'è un segreto per raggiungere, come sei riuscita tu, un discreto successo pubblicando dischi strumentali e minimali?
Devi essere molto telegenica.

Hai iniziato a esibirti suonando nelle stazioni della metropolitana. Cosa ti ha insegnato questa esperienza?
Quanto a lungo riesco a stare in piedi a suonare la chitarra prima di aver bisogno di fare pipì.

Mi parli del progetto "KanD"?
"KanD" è l'abbreviazione di "Kaki e Dan".
Dan (Treut) è il batterista più folle che abbia mai conosciuto.
Alcune volte io suono la batteria e lui la chitarra. In questo caso ci chiamiamo "DanK".

Il tuo sito web è delizioso. Quanto ne sei coinvolta e chi ha avuto l'idea delle torte?
Ha pensato a tutto il mio amico Brian Ponto. È adorabile, vero? Adoro essere un cartone animato...
Discografia
Everybody Loves You (Velour, 2003)

 

  Legs To Make Us Longer (Red Ink, 2004)

 

  Until We Felt Red (Velour, 2006)

 

Dreaming Of Revenge (Velour, 2008)  
 Junior (Rounder, 2010)
 
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Kaki King su OndaRock
Recensioni

KAKI KING

Junior

(2010 - Rounder)
La reginetta della chitarra acustica riacquista la vena ribelle del rock adolescenziale

KAKI KING

Dreaming Of Revenge

(2008 - Velour Recordings)
Delicatezze cantautorali per la reginetta della chitarra complicata

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.