Maelstrom

Maelstrom

Un oscuro gorgo elettronico

intervista di Giuliano Delli Paoli

A seguito della pubblicazione di "Her Empty Eyes", raggiungiamo in esclusiva il producer transalpino Maelstrom, moniker di Joan-Mael Péneau, tra una caterva di libri e sintetizzatori del passato. Manipolatore elettronico selvaggio e visionario, Péneau ha una vocazione spinta per il genere electro, la techno e la minimal wave più cupa e felina, che lo rende a pieno titolo uno dei più intriganti artigiani elettronici del momento...  

Hai prodotto musica per la Zone di Michael Amato e la BNR Trax di Alexander Ridha. Mentre hai da poco creato la label RAAR con Louisa Pillot. Potresti descrivermi le varie esperienze vissute attraverso queste tre case discografiche. Come e quando è nata RAAR?
Alex Ridha è stato uno dei primi a dare alla mia musica un'esposizione su scala più ampia, e sono sempre grato a lui per tutto questo. E’ un dj fantastico e ha una profonda conoscenza della musica da club e dei rave, quindi lavorare con lui è stata sicuramente una grande esperienza. Con Zone, è stata una questione musicale e di amicizia, poiché avevamo amici in comune e lavorare insieme è stato quasi naturale. Michel, Mike e David capiscono molto bene il mio lavoro e abbiamo gusti e influenze simili, mi hanno ispirato molto e mi hanno spinto a pubblicare il mio miglior lavoro nel corso degli anni.
RAAR, invece, è nato in un periodo in cui Louisa e io stavamo girando molto insieme e registrando in studio. E la musica ha iniziato a evolversi in nuove direzioni che non erano necessariamente adatte a Zone o Bromance, e con le quali lavoravamo entrambi all'epoca. Così, abbiamo deciso che sarebbe stato meglio per noi avere il pieno controllo su questo lavoro, soprattutto nello specifico, e abbiamo dato vita a una nuova etichetta per pubblicare musica ancora più coraggiosa, autentica, così come per esplorare nuovi territori.

Her Empty Eyes” è la colonna sonora di un romanzo immaginario in cui prendono forma le turbolenti vicende di Marina, una giovane fotoreporter di guerra che incontra John Dos Passos e Ernest Hemingway, George Orwell e Buenavaentura Durruti, il tutto ambientato dal 1936 al 1939 in un contesto di guerra e di spie sovietiche, bombe e distruzione. Ogni traccia descrive un momento preciso. Quando è nata questa fusione narrativa? Cosa rappresenta per te la figura di Marina?
Il processo è avvenuto in modo del tutto naturale, leggo sempre molto e durante la registrazione dell'album ero immerso in romanzi ambientati durante la guerra civile spagnola: Hemingway, Orwell, Cercas, Dos Passos e così via. Lentamente, la musica è diventata la colonna sonora del romanzo che stavo leggendo, ogni traccia fa riferimento a un preciso momento descritto in un romanzo diverso. Quando ho iniziato a rendermi conto che stavo effettivamente collegando le tracce ai momenti presenti nei libri, ho anche iniziato a raccogliere immagini e fotografie dello stesso periodo. Tutto si è riunito in un modo, senza che fossi pienamente consapevole del processo in atto. Alcune tracce mi hanno fatto pensare a una fotografia di Gerda Taro, o a una stanza d'albergo in cui Hemingway era solito rimanere a Madrid durante la guerra, e così ho seguito il mio istinto. Marina è la voce narrante, è l'occhio attraverso il quale è possibile vedere la storia che si svolge. L'ho usata per collegare tutti i punti tra le tracce e le diverse impostazioni.

Berghain e Rex Club: com'è suonare in club così importanti? C'è un club in particolare che preferisci e con il quale hai instaurato un rapporto speciale?
Entrambi questi club significano molto per me. Il Rex Club è un'istituzione ed è il club techno più longevo in Francia; ha anche il mio suono preferito di Parigi, ed è sempre un piacere suonare lì. Adoro suonare il set di chiusura: c'è qualcosa di molto speciale nelle ultime ore della notte, dove posso andare un po' oltre ed esplorare nuove aree. Ho suonato al Berghain solo una volta, ma ricordo che il primo kick si è rivelato l'esperienza più incredibile di sempre: come se non avessi mai suonato un disco in un club prima di allora. La stanza e il suono sono sintonizzati così bene da farti ripensare a tutto ciò che sai della tua musica.

Ecco: proprio nella tua musica si avverte spesso un senso di perdizione e crudeltà, ma anche una sottile speranza. Sei d’accordo con me? Da dove deriva tutto questo?
Immagino oscurità e luce, perdita e speranza si uniscono, sono sempre connessi. Non c'è modo di provare gioia se prima non hai attraversato la vera tristezza. Sto cercando di essere il più sincero e vero possibile con la mia musica, che comprende anche le influenze di ciò che mi circonda e della letteratura in cui mi trovo avvolto in questo momento. Tutto questo fa parte della musica che registro, non c'è modo di separare ciò che viene dopo e da dove, e non ho mai una direzione precisa prima di iniziare a registrare musica. Quindi, per rispondere alla tua domanda, non ho un'idea dettagliata di dove provenga. Succede e basta.

Tracce come “A Victory At Teruel”  e “The Elimination Of Dissidents” mettono a fuoco una capacità di usare al meglio le cosiddette macchine. Che strumentazione specifica hai usato per produrre questo disco?
Ho registrato per lo più dal vivo, con alcune modifiche apportate in seguito, quindi il fulcro del mio studio è il mio mixer Midas F16, che mi permette di registrare multicanale e rielaborare dal computer al mixer di nuovo. Sono un grande fan dell'equipaggiamento Elektron, il Rytm e l'AN4 sono state “macchine” che ho usato molto. Un altro dispositivo che ho usato è un vecchio campionatore Yamaha A4000 che suona molto ruvido ma ha una sorta di strano rimando digitale che mi piace. I convertitore sono “morti”, quindi ogni volta che lo tocco finisce con risultati imprevedibili.

Chi ha maggiormente influenzato la tua musica? C’è qualche nome in particolare? Cosa ascoltavi da ragazzo?
Da adolescente ascoltavo i primi producer elettronici di Sheffield, Autechre, AFX, così come la techno hardcore tedesca e olandese, non quella molto veloce, ma roba come il progetto Cold Rush di Marc Acardipane. Sono stato coinvolto nella scena illegale del rave in Francia e, soprattutto, la musica che si ascoltava in questi rave era davvero estrema: rumore, hardcore, hard-techno, Idm. Ecco, questo è il tipo di musica con cui sono cresciuto.

Cosa dobbiamo aspettarci dai tuoi prossimi live set?
Sto ancora lavorando sugli aspetti tecnici, ma l'obiettivo è quello di portare l'album al grande balzo, e fare versioni live di tutte le tracce. Direi che l'album è qualcosa da ascoltare prettamente da solo, in cuffia o in macchina per un lungo viaggio notturno. Le versioni live dovrebbero essere in grado di connettere queste atmosfere con il senso di comunità che va delirando.

Cosa ne pensi della musica techno attuale e della musica elettronica odierna in generale? Cosa ascolti e cosa senti di consigliare?
Oggi è il momento migliore per la musica elettronica in generale. Tutto è possibile, non ci sono più stili o generi, e penso che sia davvero grandioso. Ogni settimana scopro musica nuova e sorprendente e, onestamente, non sono mai stato così entusiasta della musica come lo sono in questo momento. Recentemente, ho ascoltato molto Dedekind Cut, e Umwelt che fa un po' di electro fuori dalla Francia, poi anche Defekt a Dublino. Sono molto interessato al lavoro che Veronica Vascika fa con le sue etichette Minimal Wave e Cititrax - l'ultimo Lp di Marie Davidson è uno dei miei preferiti tra quelli recenti.

Sono passati sette anni dal tuo primo Ep. Quanto e cosa hai cambiato?
Penso di essere più spontaneo con la mia musica, penso di meno e mi fido di più del mio istinto.

Programmi per il futuro?
Stiamo lavorando alle prossime uscite su RAAR, abbiamo un grande progetto in uscita quest'inverno, di cui siamo molto entusiasti. Ho anche registrato nuovi brani più funzionali e orientati al club. Un Ep è appena finito e sarà pubblicato all'inizio del 2018, l'altro è ancora in lavorazione.

Discografia
 Her Empty Eyes (RAAR, 2017) 6,5
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Maelstrom su OndaRock
Recensioni

MAELSTROM

Her Empty Eyes

(2017 - RAAR)
L'arte visionaria del producer transalpino Maelstrom, tra battiti oscuri e selvagge derive electro

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.