Alan Sorrenti

Alan Sorrenti

Torna a Sorrenti

di Antonio Suriano + AA.VV.

Prima di approdare alla canzonetta di successo, l'italo-gallese Alan Sorrenti era stato uno dei più interessanti pionieri del prog-rock italiano. Combinando atmosfere incantate e uno stile canoro peculiare

Alan Sorrenti è un cantautore napoletano di origine gallese, noto ai più per i suoi lavori più commerciali (pezzi in stile dance come l'hit "Figli delle stelle" o canzonette melodiche come la fortunatissima "L'unica donna per me"). Ma negli anni in cui "Pawn Hearts" dei Van der Graaf Generator rimaneva al primo posto nella penisola per mesi vendendo oltre 800 mila copie, Sorrenti ebbe anche e soprattutto una carriera di raffinato cantautore rock di chiara matrice psichedelica/progressiva, che molti videro direttamente ispirata ai lavori di Tim Buckley o Peter Hammill. I rapidi cambiamenti del pop italiano e, secondo quanto risulta da cronache dell'epoca, il manifestarsi di problemi alla voce che gli impedivano di compiere certe evoluzioni, soprattutto dal vivo, gli fecero cambiare strada.

Dapprima tentò la pur nobile strada dell'interpretazione seria dei classici della canzone napoletana nell'Lp omonimo, ma era un campo in cui aveva concorrenti di maggiore spessore (Murolo aveva raccolto il meglio di 600 anni di tradizione popolare e colta - Donizetti, Bellini, Mercadante, Vincente Galilei sono alcuni degli autori di questi classicissimi - in un lavoro enciclopedico e filologico dal titolo "Napoletana" solo 10 anni prima per intenderci) e il suo cantato hammilliano male si adattava a opere che richiedevano per tradizione un'impostazione lirica. Poi si avventurò nella carriera che tutti conoscono, ebbe un brevissimo periodo di successo commerciale, i suoi pezzi divennero il "tormentone" di un paio di estati italiane e poi fu dimenticato. Da musicista italiano di punta della Harvest e accompagnatore dei Pink Floyd in tourneé il nostro è passato alla storia come il re delle discoteche, riesumato pochi anni or sono in una desolante apparizione con Cugini di Campagna e altri dubbi personaggi della scena pop italiana dei 70 in una trasmissione televisiva di Claudio Baglioni dedicata al revival degli anni 70.

Una lunga suite omonima e tre canzoni compongono il suo album d'esordio Aria (1972), capolavoro del pop italiano. Musicisti di eccezione per questo disco, tra i quali spicca la stella Jean Luc Ponty (violinista jazz allievo di Grappelli e virtuoso riconoscibile nei capolavori orchestrali di Zappa e della Mahavishnu Orchestra) che dà un contributo fondamentale alla suite che occupa interamente la prima facciata del lavoro. Sfruttando tematiche care al progressive italiano (ambientazioni dark-fantasy con tanto di castelli, monasteri, foreste e ampie distese d'erba, l'amore fra un cavaliere e la sua principessa, l'idea del sogno o dell'allucinazione in cui l'autore si perde) Sorrenti costruisce un'atmosfera che subito coinvolge l'ascoltatore a partire dagli arpeggi di chitarre spagnoleggianti di Nazzaro e Paratore e agli improvvisi vocalizzi accompagnati da innesti free-jazz del piano di Albert Prince e da essenziali fraseggi di violino. Le ambiguità su cui si basa il testo (il dualismo aria-atmosfera/nome della donna amata) trasportano l'ascoltatore in un mondo caotico e sfuggente, che culmina nel delirio erotico finale (sono io il tuo corpo/sono io l'universo/nel tuo fiume sto scivolando/aria sto impazzendo) dove un lungo e frenetico solo di violino, con virtuosismi degni di colui che lo suona, e l'esplosione ritmica di Tony Esposito riportano il protagonista alla realtà (io sento che io io io io/io ti sto/ io ti sto perdendo). Per dare solo un'idea dello stile canoro della suite basta pensare che ognuno degli "io" dura circa 6-7 secondi e in tutto il brano si ripresentano variazioni su ogni vocale allungata in maniera ossessiva, con un notevole uso della dinamica all'interno della stessa parola, ma il tutto sempre funzionale alle esigenze del testo e della musica. Le atmosfere allucinate sono rese in un modo tale da non apparire eccessive o "datate" (come avviene per esempio in "YS" del Balletto di Bronzo) ma comunque con sobrietà, e questo spiega il notevole fascino che la suite ha ancora oggi, a 30 anni di distanza.
Il secondo lato, non memorabile come "Aria", ma sempre di altissimo livello, si segnala con un primo momento più rilassato e con un uso del cantato meno "estremo" e più riposante nella struggente ballata folk "Vorrei incontrarti" e con una ripresa finale nel lisergico "La mia mente" e in "Un fiume tranquillo", riconducibile ad uno stile sinfonico più tradizionale. All'epoca molti videro echi di Buckley o di Hammill in questo lavoro e sicuramente non sbagliarono (il lungo vocalizzo che segna la fine del disco altro non è che un chiaro omaggio al cantautore californiano e sembra quasi un campionamento di "Starsailor"), ma sbaglia chi riduce il disco a una banale riproposizione dello stile canoro di Buckley e non riconosce il contributo originale dell'autore. Il cantare sorrentiano è diverso sia per limiti tecnici (non aveva una estensione fuori dal comune) sia per esigenze espressive, e si profila piuttosto come un'evoluzione moderna dello stile canoro tipico della canzone napoletana con tutte quelle vocali allungate (soprattutto le finali) e tenute con ardite ed efficaci modulazioni per alcuni secondi, e non sbaglia chi vede anche assonanze con alcuni elementi tipici della tradizione del "bel canto". Forse anche la stupefacente e sconosciuta suite "Volo magico numero 1" di Rocchi può considerarsi musa ispiratrice di questo lavoro . Uniche pecche sono alcune ingenuità nei testi, che però ben si fondono con l'atmosfera del disco e non stonano nell'insieme.

Come un vecchio incensiere all'alba di un villaggio deserto (1973), secondo disco di Alan Sorrenti, vede Tony Esposito alla batteria e percussioni e David Jackson dei Van Der Graaf Generator al flauto. Dato il grande successo commerciale e di critica del primo lavoro, la Harvest spinse il musicista a sfornarne un altro in tempi brevissimi fornendogli ancora una volta dei sessionmen di notevole valore. Inferiore per ispirazione, l'album ha testi più equilibrati ma è carente di momenti memorabili, tranne la bellissima canzone d'amore "Serenesse" (forse il suo pezzo più valido) e la validissima ballata psichedelica "Angelo". La suite che dà il titolo al disco si apre con una lunga introduzione (10 minuti) psichedelica/free jazz, con improvvisazioni vocali su una base di vcs3 e chitarra slide, per poi continuare per altrettanti dieci minuti con una cantilena ossessiva e monotona che delude chi cercava gli spunti lirici e le atmosfere di "Aria". Per i collezionisti va ricordato che nella ristampa è stato aggiunto l'interessante singolo "Le tue radici" come bonus track.

Nel suo terzo album Alan Sorrenti (1974), l’artista ripropone in una chiave originale e dissacratoria il classico napoletano ”Dicitencello Vuje” che entra nelle Top 10 italiane.

Un anno dopo Alan,di ritorno da un avventuroso viaggio in Africa che gli rivela la forza comunicativa del ritmo, decide di volare oltreoceano in California insieme al suo produttore Corrado Bacchelli, per dare alla sua musica un volto nuovo. A San Francisco realizza il suo quarto album Sienteme it’s time to land (1976), con una band locale di “fusion” che lo accompagnerà in tour per una serie di concerti in Italia,arrangiati per l’occasione da Mark Isham, noto compositore americano di musiche per film.

Di ritorno dal tour Sorrenti si stabilisce a Los Angeles dove risiederà per cinque anni. Qui incontra musicisti della West Coast tra cui Jay Graydon,allora produttore di Al Jarreau. Di lì a poco Il leggendario chitarrista californiano produrrà l’album di maggior successo di Alan Sorrenti, Figli delle stelle (1977), oltre un milione di copie vendute solo in Italia, con la produzione esecutiva di Corrado Bacchelli e la partecipazione del pianista David Foster. La title track “Figli delle stelle”, forte di un riff accattivante e di un groove funky-disco, spopola nelle classifiche, diventando una delle bandiere della dance italiana.
Ma per la critica e per i fan intransigenti della prim'ora, è un "tradimento". Solo dopo diversi anni, "Figli delle stelle" troverà adeguata rivalutazione, anche presso le nuove generazioni.

La canzone più popolare in assoluto del Sorrenti "leggero" è però la ballata “Tu sei l’unica donna per me”, uscita due anni dopo, e regina dell'estate 1980, con tanto di vittoria finale al Festivalbar. Un hit internazionale, che scala le chart di in tutta Europa, specialmente in Germania, Svizzera e Scandinavia. La canzone viene inclusa nell’album L.A.&N.Y (EMI 1979), prodotto in California dallo stesso team di Figli delle stelle, così come l’album successivo Di Notte (EMI 1980), trascinato in classifica dalla nuova ballata easy “Non so che darei”, che si candiderà per l’Italia all’Eurovision Festival.

Si completa, quindi, la trasformazione di Sorrenti da cantante d'avanguardia a stella dell'easy listening tricolore. Già dal singolo successivo ”La strada brucia” - incluso nell'album Angeli di strada (1982) Sorrenti mostra segni d'insofferenza verso l'etichetta commerciale che gli è stata affibbiata e dà il via a una sorta di "cammino etnico-spirituale", che materializzerà nel mistico "Non si nasce mai una volta sola" (dall'album Bonno Soku Bodai del 1986) e nella successiva conversione al "Vero Buddismo di Nichiren Daishonin".

Qualche anno più tardi Sorrenti ritorna a Londra dove registra con nuovi arrangiamenti la maggior parte dei suoi brani più famosi in un lavoro dal titolo Radici (1992) e inizia a esplorare la nuova scena musicale internazionale incontrando sulla sua strada alcuni componenti dei Planet Funk con cui realizza due nuovi singoli: il primo, “Kyoko mon amour”, viene pubblicato nella raccolta Miami (1996) mentre il secondo, “Paradiso Beach”, tratto dal più recente album Sottacqua (2003) lo riporta dopo anni nel circuito commerciale dei network radiofonici.

Nel 2013, a 36 anni dall’uscita del brano originale, Sorrenti ripropone “Figli delle stelle” in un remake internazionale, ad opera di un dj statunitense, Little Louie Vega, guru della house americana, in duetto con la vocalist capoverdiana Anane.
Un'operazione che prelude all'uscita del nuovo album, previsto su etichetta indipendente nel 2014, all'insegna di un "crossover globale" di stili e generi.

In collaborazione con: http://tonysuper.altervista.org/

Alan Sorrenti

Torna a Sorrenti

di Antonio Suriano + AA.VV.

Prima di approdare alla canzonetta di successo, l'italo-gallese Alan Sorrenti era stato uno dei più interessanti pionieri del prog-rock italiano. Combinando atmosfere incantate e uno stile canoro peculiare

Alan Sorrenti
Discografia
Aria (Harvest/EMI, 1972)

8

 Come un vecchio incensiere all'alba di un villaggio deserto (Harvest/EMI, 1973)

6,5

 Alan Sorrenti (Harvest/EMI, 1974)

6

 Sienteme, it's time to land (Harvest/EMI, 1976)

 

 Figli delle stelle (EMI, 1977)

 

 L.A. & N.Y. (EMI, 1979)

 

 Di notte (CBO/EMI, 1980)

 

 Angeli della strada (CBO, 1983)

 

 Bonno Soku Bodai (WEA, 1987)

 

 Radici (DSB, 1992)

 

 I successi (antologia, DV More Record, 1996)

 

 Miami (antologia, EMI, 2000)

 

 Sottacqua (2003) 
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Video
Alan Sorrenti su OndaRock
Recensioni

ALAN SORRENTI

Aria

(1972 - Emi)
L'immaginifico esordio del musicista campano di origini gallesi. Un capolavoro del prog italiano

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.