04/07/2009

Roger Mcguinn

Folkest, Castello, Udine


di Andrea Vascellari
Roger McGuinn
Quest'anno il Folkest '09 ospita musicisti di tutto riguardo. I nomi di punta sono Jethro Tull e Steve Winwood, deus ex machina dei Traffic. Fra i due, il Castello udinese diviene un magico teatro per le folksong di Roger McGuinn, leader dei Byrds, nonché uno dei più geniali chitarristi americani dei Sixties; pochi sembrano ricordare tutto ciò, a cominciare dagli organizzatori che fanno incredibilmente pagare l'entrata la metà esatta rispetto a quanto veniva richiesto la sera prima per Ian Anderson e soci. Tant'è che ad ascoltare Roger ci ritroviamo in non più di 150 persone, la maggior parte delle quali ha di certo superato la cinquantina...

Alle 21.15, puntuale, è Ed Schnabl, sensibile interprete e compositore della Carinzia, ad aprire il concerto. Il suo è un gradevole folk in inglese che, per ammissione dello stesso autore, si ispira a Neil Young e a quel signore che di lì a poco gli succederà sul palco. Grandi applausi ha riscosso l'esibizione alla pedal steel di Roberto Colella, session-man originario proprio di Udine.

Dopo una mezz'ora Schnabl e la sua band multinazionale salutano, e sul palco rimangono solo alcune piante, una scrivania, una sedia, un banjo e una chitarra acustica. La gente mormora: "...e la leggendaria Rickenbacker 360?". La risposta sorge spontanea poco dopo. Dal buio delle quinte appare McGuinn, sulle note della dylaniana "My Back Pages", il cui ritornello fa ben sperare tutti quanti: "Ah, but I was so much older then, I'm younger than that now".
In effetti, gli anni non sembrano affatto passati per l'ex-Byrds, che vanta tuttora una voce splendida, da far invidia a un ventenne. Il pubblico è poco, ma applaude convinto a ogni canzone. McGuinn offre una scaletta che potrebbe essere un vero e proprio greatest hits della sua carriera col gruppo californiano. Tra continui cambi di strumento (praticamente, sostituisce la chitarra a ogni canzone!) si susseguono "I'll Feel A Whole Lot Better", "All I Really Want To Do", "Mr. Spaceman", nonché le immancabili "Turn! Turn! Turn!", "Ballad Of Easy Rider" e "Chestnut Mare". Ed è bellissima la classicheggiante introduzione a "Eight Miles High", canzone fondamentale per lo sviluppo del rock psichedelico, che non perde la sua bellezza anche se suonata interamente in acustico.

La serata volge al termine, e Roger concede ben due bis richiesti a gran voce dal pubblico, ormai incollato al palco. Ovviamente, ciò che più di tutto mancava all'appello era "Mr. Tambourine Man", l'ennesimo omaggio della serata al maestro Bob Dylan; dopodiché, McGuinn suona l'unica sua canzone solista in scaletta, una lenta ed emozionante ballata intimistica. Poi, un ultimo saluto, accompagnato dagli applausi del pubblico soddisfatto. Sipario.
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.