03/11/2011

I Cani

Tunnel, Milano


di Stefano Bartolotta
I Cani
Il disco de I Cani ormai non lo ascolta più nessuno, ma in compenso te li ritrovi dappertutto, su Repubblica, Grazia e Topolino. Questo è il messaggio fondamentale che sta passando ultimamente quando ci si ritrova, per l'ennesima volta nel corso degli ultimi mesi, a discutere di questa one man band che dal vivo diventa un vero e proprio gruppo di cinque musicisti. Era, però, abbastanza scontato che sarebbe finita così: il disco, infatti, piaccia o no, riesce a descrivere con concretezza e realismo una fetta di realtà sociale ben definita, con il risultato di coinvolgere coloro che ne fanno parte ed incuriosire tutti gli altri, i quali hanno ovviamente tempi più lunghi prima di venire a conoscenza di canzoni che comunque provengono dall'underground. Ed ora che sempre più gente si sta lasciando sorprendere dal loro album d'esordio, I Cani stanno inanellando sold out in giro per l'Italia, con la serata del Tunnel che non fa eccezione, proprio perché le canzoni sono ormai patrimonio di molta più gente rispetto a quanta era accorsa al Mi Ami per vederli nel loro primo live in assoluto.

Iniziamo subito con le perplessità dovute all'opening act, ovvero quel Cris X che aveva già prestato la sua opera nel disco. La breve performance di rumorismi elettronici è quanto di più lontano possa esserci dall'immediatezza del repertorio de I Cani e, tenendo a mente il discorso appena fatto sull'allargamento della fanbase del progetto di Niccolò e soci, era estremamente prevedibile che già al secondo brano partissero fischi ed insulti rumorosi da parte di una buona quantità di persone presenti. Non si capisce, quindi, che gusto abbia un artista a proporsi in una situazione che inevitabilmente creerà un clima a lui ostile, ed è parimenti incomprensibile la reazione di Niccolò, che rampogna il pubblico dicendo esplicitamente: "mi fanno schifo quelli che fischiano il gruppo spalla come ai concerti di Vasco Rossi". Nel momento in cui si è stati in grado di fare un disco capace di parlare a così tanta gente, questo è l'effetto collaterale più naturale del mondo e va, quindi, accettato senza lamentarsene.

I Cani propongono in un set inevitabilmente breve, tutte le canzoni dell'album più la cover di "Con Un Deca" degli 883. Ci sono una sezione ritmica formata da basso e batteria e tre tastiere/synth, compresa quella di Niccolò. In fase di recensione avevamo sottolineato l'impronta punk del synth pop de I Cani, ma dal vivo l'aspetto in cui essa si nota di più è la voce del leader, ben più aggressiva rispetto alle versioni in studio e che si lascia andare a veri e propri momenti urlati, che aumentano con il passare dei minuti. Il suono della parte strumentale, invece, è fin troppo preciso: probabilmente non si è voluto sporcarlo ed inspessirlo eccessivamente per non soffocare il cantato, però così mancano quel dinamismo e quel mordente necessari a dare al tutto un vero impatto live. Che non arriva nemmeno quando il ritmo subisce delle accelerazioni ed i volumi vengono alzati in modo da foderare le orecchie degli ascoltatori: l'impatto live è altro ed in questo momento I Cani non ce l'hanno. Mancano anche determinate sfumature: quando si potrebbe sfruttare la leggerezza per "Wes Anderson", l'esecuzione è invece troppo squadrata e piatta, mentre invece si riesce a trovare il giusto compromesso per "Il Pranzo Di Santo Stefano". Per il resto, lo sappiamo, le canzoni non divergono poi molto l'una dall'altra dal punto di vista strettamente musicale, quindi è possibile estendere a tutte i rilievi sopra specificati, anche alla citata cover.

Sotto al palco, "com'è logico che sia", è tutto un fiorire di singalong, battimani, sudore e corpi in perenne movimento con momenti in cui si sfiora il pogo. Del resto, le canzoni non sono eseguite benissimo ma nemmeno male, ed il fascino intramontabile del raduno collettivo a cantare tutti insieme canzoni che qualche mese fa hanno rappresentato l'ascolto quasi esclusivo di ognuno colpisce ancora una volta e crea una reazione che va sicuramente oltre i meriti di chi sta suonando. E intendiamoci, non c'è niente di male in tutto questo: se in un'ora la gente ha bruciato 225mila biglietti per gli Stone Roses sapendo benissimo che il cantante non sa cantare ed il chitarrista ed il batterista non suonano da almeno un decennio, non si vede davvero quale sia il problema se per una ventina di volte qualche centinaio di persone si divertono sulle note di canzoni catchy e ben fatte anche se l'esecuzione è ferma a poco più dell'Abc.

Si chiude con Niccolò che si butta in mezzo al pubblico pagante e pogante e urla "igruppihipsterindiehardcorepunkelectropop I Cani". Va benissimo così: il live de I Cani al momento è tutt'altro che memorabile, ma non è nemmeno una truffa volta esclusivamente a raccattare soldi dalle mani di fan obnubilati dalla devozione verso il disco. Nel suo essere perfettibile, ha già comunque le carte in regola per far divertire gli spettatori.
Setlist
  1. Le Coppie
  2. Door Selection
  3. Hipsteria
  4. Wes Anderson
  5. Il Pranzo Di Santo Stefano
  6. Perdona E Dimentica
  7. Con Un Deca (883 cover)
  8. I Pariolini Di Diciott'Anni
  9. Post-Punk

  10. Theme From The Cameretta
  11. Velleità
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.