03/04/2011

Shout Out Louds

Salumeria della Musica, Milano


di Lorenzo Righetto
Shout Out Louds
Un urlo, forte e chiaro: così si riassume la serata d'aprile in cui gli Shout Out Louds si sono fatti conquistare dal pubblico milanese, nello sbocciare di una primavera che si preannuncia difficile ma sfacciatamente divertita, pur nella sensazione di un confinamento ormai da riserva indiana. È degli ultimi tempi la chiusura della vicinissima Casa 139, avvenimento la cui discussione non è adatta a questa sede, ma prima di quest'ultimo episodio già tanti dei locali abituali dell'attività concertistica di Milano sono stati chiusi o riconvertiti. La Salumeria della Musica è diventata così uno dei poli di attrazione del pubblico indipendente di Milano, nonostante la vocazione di locale jazz raccolto, con tanto di tavolini a lato del palco. Più sostanzialmente, è l'impianto audio a essere ancora almeno parzialmente inadatto a concerti pop-rock.

Poco male, la sensazione nell'ultimo periodo è che ci si debba accontentare, e così sia. Ci pensano gli Shout Out Louds a distogliere i nostri pensieri da queste cupe prospettive.
I cinque di Goteborg sostituiscono Eric Edman alla batteria - e questa è la loro prima scelta azzeccata - in favore di un nuovo elemento che sorreggerà per energia tutte le pecche di impostazione (scolastica al massimo, per quanto precisa, la lead guitar di Carl von Arbin) e, più semplicemente, tecniche (la "presenza" di Bebban alle tastiere e ai backing vocals).
Va detto subito: Adam Olenius concluderà il concerto quasi in lacrime, sull'onda dell'emozione genuina, mai sopra le righe del pubblico milanese. Sembra stupito e commosso dai cori e dai balli collettivi che accompagnano "Fall Hard", "The Comeback", "Please Please Please", tanto che arriva a scendere dal palco durante "Tonight I Have To Leave It", per gridare "Why won't you give love/ Give love/ Give love" insieme ai propri fan. Mai perfetto ma comunque il faro del gruppo, Olenius sembra quasi emergere da un periodo poco fortunato ("Ci serviva proprio", dice a un certo punto).

Un ultimo album di pop fresco ma elegante, alle soglie della maturità, costruita ormai su una intensa esperienza live, una serie di buone hit stampate nella memoria: questi gli ingredienti di un buon concerto, al quale ha però contribuito il pubblico in maniera quasi determinante. Un pubblico col quale la band svedese -  Adam Olenius in primis - è sembrata dialogare come con un membro aggiuntivo del gruppo.
Insomma, insieme al locale gremito di gente divertita e divertente (senza schiamazzi e con spiccato senso del ritmo!), speriamo che non solo gli Shout Out Louds, ma le tante band che ormai bypassano Milano, se non l'Italia tutta, sentano il grido di questi giovani: ci siamo anche noi!

Contributi fotografici di Francesca Baiocchi
Setlist
1. 1999
2. South America
3. Very Loud
4. Paper Moon
5. Fall Hard
6. Candle Burned Out
7. Tonight I Have To Leave It
8. Too Late Too Slow
9. The Comeback
10. Throwing Stones
11. Parents Living Room
12. You Are Dreaming
13. Please Please Please

     Encore


14. Go Sadness
15. Impossible
16. Walls
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.