28/07/2012

Paolo Conte

Vittoriale Degli Italiani, Gardone Riviera (BS)


di Fabio Guastalla
Paolo Conte
Un'afosa sera di mezza estate fa da scenario alla prima volta di Paolo Conte al Vittoriale degli Italiani, la villa-museo di Gabriele D'Annunzio abbarbicata sulla collina di Gardone Riviera, con vista sulle luci del Lago di Garda. Un palcoscenico unico che accoglie ogni estate un cartellone di primissimo piano. L'anno scorso raccontammo della grande esibizione di Lou Reed, quest'anno è passata gente come Francesco De Gregori, Patti Smith, Yann Tiersen.

Paolo Conte premiato da Giordano Bruno GuerriLa presenza di Paolo Conte nella piccola località lombarda si arricchisce di significati che vanno oltre il mero ambito musicale. L'avvocato astigiano è un artista a tutto tondo, una personalità poliedrica che da decenni tiene alto il nome dell'Italia anche e soprattutto al di fuori dei confini nazionali. Una delle più grandi figure contemporanee, e per questo meritevole di aggiudicarsi il Premio "Il Vittoriale" che l'omonima Fondazione, in testa il presidente Giordano Bruno Guerri, gli consegnano non senza emozione a poche ore dall'esibizione gardesana. Giunto alla seconda edizione (l'anno scorso fu assegnato al regista Ermanno Olmi), il Premio consta di una riproduzione in piccola scala del Cavallo Blu di Mimmo Paladino situato a fianco del teatro immerso nel giardino della dimora del Vate. Nell'aria c'è una mezza di promessa di dedicare una canzone proprio a questo luogo: presto ne sapremo di più.

L'ultimo chiarore della giornata ha da poco lasciato spazio al buio della sera quando sul palco salgono Nunzio Barbieri, Luca Enipeo, Daniele Dall'Omo (chitarre), Lucio Caliendo, Claudio Chiara, Luca Velotti (fiati), Daniele Di Gregorio (batteria e percussioni), Massimo Pizianti (pianoforte, tastiere e fisarmonica), Piergiorgio Rosso (violino), Jino Touche (contrabbasso). Paolo Conte si presenta a musica già iniziata, e l'intro strumentale si trasforma subito in "Cuanta Pasion", il più esplicito inno alla vita nel vasto repertorio del maestro piemontese. Giacca a coprire una semplice maglia, in piedi di fronte al microfono, le mani tambureggianti sui fianchi e quella inconfondibile voce roca a coprire l'intera distanza tra palco e platea: non c'è bisogno d’altro per far ripartire un discorso mai interrotto.

La prima parte del concerto è una piccola carrellata di classici che riportano a epoche distanti, eppure così vicine: "Sotto le stelle del jazz", ricordo a tinte forti di un impareggiabile apprendistato musicale; "Come di", sempre fresca e sbarazzina; "Alle prese con una Verde Milonga", dichiarazione d'amore alla musica e alla tradizione sudamericana. Il tutto condito dalle consuete smorfie, dai tocchi sul pianoforte, quel campionario di gesti ed espressioni che condiscono le canzoni e gli intervalli, cercando in un modo un po' burbero di non farsi travolgere dal pathos. Quando meno te l'aspetti, arriva una versione di "Bartali" totalmente stravolta fino al primo ritornello. Non fosse per quelle celebri parole, nessuno riconoscerebbe l'identità di un pezzo così festoso e genuino che si riscopre all'improvviso immerso in una dimensione lontana, come un'istantanea che riemerge dagli abissi della memoria prima di ritrovare i tratti, i colori e lo spirito che la contraddistinguono.

Una breve pausa fa da spartiacque al concerto, e si ritorna in pista con "Dancing" e "Gioco d'azzardo", un binomio che racconta molto della classe di Paolo Conte, capace come nessun altro di descrivere situazioni intense, in un vortice di sentimenti che abbracciano la tenerezza e il carattere burbero, la malinconia e il rimpianto, in un gioco di chiaroscuri nel quale non si sa mai se e quando riesca a prevalere l'una o l'altra anima. La musica sarà pure pagana, ma quella di Conte sa portare per mano l'ascoltatore ben oltre i confini del vissuto, guidandolo attraverso esperienze quantomai vivide e reali.

All'interno del concerto non mancano capitoli più recenti, anche perché la produzione si è da poco arricchita di un nuovo album, "Nelson", dedicato all'amatissimo cane. Ma il culmine del live, e non potrebbe essere altrimenti, giunge sulle note della celebre "Via con me", scandita con entusiasmo dal pubblico che batte le mani a tempo. C'è ancora spazio per l'interminabile cavalcata di "Diavolo rosso", nella quale si ergono a protagonisti assoluti i solisti, e quando, dopo una strepitosa versione di "Sijmadicandhapajiee", estratta da quel grande album che è “Una faccia in prestito”, il maestro artigiano fa segno di non averne più, le luci si accendono e la platea si alza in piedi per omaggiare con una lunga standing ovation il grande cerimoniere e la sua orchestra.
Il fatto che all'appello manchino una miriade di celebri pezzi illude più di uno che ci possa essere un terzo atto, ma così non è. In fondo, il segreto dei grandi artisti è che vorresti non smettessero mai.
Paolo Conte su OndaRock
Recensioni

PAOLO CONTE

Amazing Game - Instrumental Music

(2016 - Decca)
Prima antologia di strumentali per il bardo di Asti

PAOLO CONTE

Snob

(2014 - Universal)
Il ritorno del gran bardo astigiano, in una nuova generosa collezione di canzoni-cliché

PAOLO CONTE

Nelson

(2010 - Platinum / Universal)
Il bardo di Asti non vuole abbandonare le scene, ma continua a offrire dischi-stereotipo

PAOLO CONTE

Psiche

(2008 - Platinum/ Universal)
La conferma del nuovo corso post-"Razmataz"

PAOLO CONTE

Elegia

(2004 - Warner)

PAOLO CONTE

Paolo Conte

(1984 - Cgd)
Prodezze in forma-canzone e ripiegamento introspettivo: lo snodo espressivo del cantautore astigiano

Speciali

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.