4-5-6 aprile 2013

Thalassa

Circolo Dal Verme, Roma


di Antonio Ciarletta
Thalassa
4, 5 e 6 aprile 2013: parata di stelle ed elogio della follia in quel di Roma, nel catino infernale del Circolo Dal Verme. Ottimamente organizzato da Toni Cutrone, il “Thalassa - Italian Occult Psychedelia Festival” ha rappresentato un’occasione per vedere all’opera il miglior underground italico dell’ultimo periodo. Accomunati da un approccio convergente, da un modo di intendere la musica che si è incardinato su un insieme di riferimenti comuni, (pur se diversificati nel suono) i gruppi che hanno calcato il palco del Dal Verme incarnano, ora come ora, un “modo quintessenzialmente italiano” di vedere il rock e gli altrisuoni, basato sui tratti di un passato condiviso, che tira in ballo un certa cinematografia  (considerata fino a qualche tempo fa) di serie B e un’antropologia oscura e morbosa. L’originalità di questa visione sta convogliando attenzione anche dall’estero, come dimostrato dalle recensioni e dalle citazioni riscosse da molti dei gruppi in questione.
E se i loro output discografici si sono rivelati sinora all’altezza, destava curiosità la verifica onerosa del live. Bene, la risposta ha superato le attese, ulteriore controprova che una scena musicale qualitativa com’è quella attuale in Italia era da tanto che mancava.

Giorno 4 aprile, la Taranta infernale principia sulle spiagge radioattive. Gli Heroin In Tahiti di Valerio Mattioli e Francesco de Figueiredo non solo confermano dal vivo quanto di buono fatto sentire su disco, ma di più: il loro suono è così avvolgente, stordente e dolcemente allucinato che pare fondersi con le mura del Circolo in un impasto giallo-sole di un mezzogiorno d’estate. Voodoobilly abulico in salsa acida, Morricone meets Sun Araw su un atollo radioattivo.
A seguire, l’etno-malattia di Gianni Giublena Rosacroce, che con un set asciutto ed euforicamente psichedelico ha mostrato come in quelle musiche alberghi lo spirito immortale degli Aktuala.
Non destano sorprese i Father Murphy, nel senso che il loro live set si mantiene costantemente su livelli straordinari. La loro disperazione metallica rimbomba sulle pareti del circolo, ed è tutto un accartocciamento di ferro e carni.
Fabio Orsi chiude la prima serata con i suoi droni cosmici, conducendo il pubblico alle porte di un altro mondo. Gioia.

Giorno 5 aprile, l’inizio  è a base di paranoia: Architeuthis Rex (Francesca Marongiu e Antonio Gallucci) conducono il pubblico nei meandri di una drone music scura e melmosa, attraversata da echi tribali e da un senso abissale di vuoto. Accompagnato da Simon Balestrazzi, MSMiroslaw di Hermetic Brotherhood Of Lux-or ci regala l’immagine di una Sardegna in disfacimento post-industriale. I suoni angoscianti che ne caratterizzano la performance stanno lì a rappresentare le rivendicazioni animalesche di istintualità primitive, che cercano di riappropriarsi dell’originaria identità sarda.
Per i Cannibal Movie stesso discorso dei Father Murphy. A dire, la loro esibizione di altissimo livello è la dimostrazione di un gruppo ormai rodato. La loro psichedelia tribale ha trasformato il Dal Verme in una foresta amazzonica in piena tempesta.
Dopo l’esibizione colorata dei Cannibal Movie si torna a ragionare in nero con gli angoscianti e rimbombanti Hmwwawciawccw. Note lunghe e plumbee, volute desertiche e desolate, la strada per l’apocalisse è un doloroso calvario.
A chiudere la seconda serata l’esibizione di Emiliano Maggi/Estasy, con una psichedelia sognante (o meglio, trattasi d'incubo dolciastro) e sottilmente ipnagogica.

Giorno 6 aprile, s'inizia viaggiando nella staticità di una psichedelia dronata. I Rainbow Island sono vertigine cosmica e rumorismo trance. Visionari.
A seguire, gli Eternal Zio, che, celati dietro maschere inquietanti, danno vita a una performance altrettanto inquietante: bordate chitarristiche e raga cosmici andati a male per il più allucinato dei bad trip.
Dopo i misterici Eternal Zio sale sul palco la massacrante Squadra Omega con il suo rock psichedelico dalle ombreggiature kraut. Vibrazioni negative, propulsioni motoristiche, trance ripetitiva da far impallidire Robert Hampson, che dire? Esiste ancora una psichedelia rock in grado di stupire.
Chiude il festival un’affascinante esibizione di Golden Cup/Luca Massolin: la perfetta interazione tra un’elettronica minimale e dissonante e una parte video suggestiva si traduce in un viaggio oltre l’ignoto.
A condire il tutto, un forte senso di comunità che era difficile pensare in questi termini. A questo punto, un Thalassa 2 diventa d'obbligo.
Setlist
Giorno 4

  • Heroin in Tahiti
  • Gianni Giublena Rosacroce
  • Father Murphy
  • Fabio Orsi

Giorno 5

  • Architeuthis Rex 
  • MSMiroslaw and Simon Balestrazzi
  • Cannibal Movie
  • Hmwwawciawccw
  • Estasy

Giorno 6

  • Rainbow Island
  • Eternal Zio
  • Squadra Omega
  • Golden Cup
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.