10/10/2016

Garbo

Radiotelevisione svizzera, Lugano (Svizzera)


di Marco Bercella
Garbo
Se dovessimo individuare un leit-motiv all’interno dell’immaginario lirico di Garbo, è probabilmente nel tempo e nel suo scorrere che possiamo trovare le tracce più caratterizzanti dei suoi testi.
Dall’esistenzialistico quesito sul giorno di... Berlino, agli anni che “sfiorano guardando” di “Quanti anni hai?”, dal  tempo che, chissà, donerà forse altri attimi  de “Il fiume”, a quello che “non ferma l’età” di “Cose veloci”, fino al “tutto velocemente” – appunto – della recentissima “La Fretta”,  Renato ha attraversato con assoluta naturalezza tre decenni abbondanti di mode, tendenze, corsi e ricorsi senza lasciarsene intaccare, ma segnando semmai una strada, percorsa sempre con la coerenza propria dell’artista di razza. Con buona pace del tempo che passa.

GarboIn tanti gli riconoscono, per lo più, le gesta sui palchi sanremesi, alle prese con un pop che di italiano aveva poco sia nel linguaggio sonoro che in quello delle parole, ma che possedeva la freschezza e l’efficacia giuste per arrivare alle orecchie di una moltitudine di ascoltatori. Se poi le cose – quanto a popolarità mainstream -  sono cambiate, è dovuto al fatto che, a differenza di molti altri exploit anche prolungati, nel caso di Garbo è stato il successo di massa a “ricercare” il musicista, e non viceversa, e questo non perché – crediamo – egli non ami le folle, ma più semplicemente perché non sembra il tipo di persona disposta a inseguirle a ogni costo. Tutto ciò, assieme ai suoi dischi, è qualcosa che ha a che vedere con la coerenza. Altri, al suo posto, avrebbero (anzi hanno) cavalcato l’onda, si sarebbero (si sono) resi più compiacenti, con qualche lisciata di pelo in più, tra una comparsata qua e là e un ritornello ruffiano, pur di preservare la propria rendita di posizione.

E invece Garbo ha tirato dritto senza paura, come le nuvole della sua “Generazione”, sorvolando in silenzio marchette, talent show, isole dei famosi con migliori anni annessi, e disegnando nel contempo una traiettoria che ha finito col renderlo un punto di riferimento costante, pur nel suo mutare. Non serviva certo arrivare al 2016 e a questo abbrivio di ultimo (!) tour della carriera per scoprirlo: è bastata l’uscita di “Fine” lo scorso anno (colpevolmente bypassata dalla nostra rivista, ma solo per l’ignavia – e i mille impegni -  di chi vi scrive), con quel suo mix di melodie e leccornie post-industriali (recuperatelo, se non lo avete già fatto), nonché le “prove generali” live che ne sono seguite, per capire che quest’ultimo tassello non può essere uno dei tanti, né tantomeno quella fine che può essere travisata nel titolo dell’album.
Sembra semmai un ennesimo, nuovo, inizio. Succede infatti che il “deus ex machina” delle vicende artistiche di Renato Garbo del nuovo millennio, Luca Urbani, dopo anni di lavoro compositivo più o meno oscuro e di sapiente regia in sala d’incisione, si prenda i titoli di testa a fianco del nostro e che, in compagnia di Matteo Agnelli (chitarra), Andrea Pellegrino (basso) e Alessandro Parietti (batteria), lo affianchi con regolarità anche sul palco: ebbene, vi basti sapere che quanto ne è uscito è più della somma delle singole personalità artistiche messe in campo. Questione di alchimie, e di tempo (giusto), guarda caso.

GarboChi si è presentato all’appuntamento luganese nella lussuosa cornice della Radio Svizzera Italiana lo scorso 10 ottobre con l’intento di farsi un’overdose di karaoke rimembranti i tempi che furono – speriamo pochi, se non nessuno – temiamo che sia rimasto deluso. I ricordi, è vero, ci raccontano quello che siamo oggi, ma poi che c’è chi vi si rifugia dentro, e chi al contrario li considera solo un pretesto per raccontarsi, qui e ora. E, manco a dirlo, Garbo & co. hanno imboccato la seconda strada, sciorinando elettricità a profusione, proponendo parte del nuovo e validissimo repertorio, e vestendo di abiti nuovi quelli che potevano essere i “ricordi” del passato, ma che invece si sono presentati per quello che sono: dei classici dell’art-pop tricolore che hanno passato indenni la prova del tempo (ancora il tempo? Già, ma vi avevamo avvisato). Ed così che, con la rilassatezza e il genuino divertimento di chi non deve dimostrare nulla a nessuno, ci sono passati davanti agli occhi, e dentro alle orecchie, tanto i sintetizzatori acidi di “Quando cammino” che le morbide vibrazioni di “Radioclima”, sia le saturazioni decadenti di “Sembra” e l’arcigna suadenza de “Il fine” che il neoromanticismo di “A Berlino... va bene” e di “Quanti anni hai?”. Tutte insieme appassionatamente, nell’insegna di una continuità che è si rivelata, allo stesso tempo, una rottura degli schemi prestabiliti: per fare questo, avere una band vera alle spalle aiuta, eccome. In mezzo e in coda allo show anche Luca Urbani, seconda voce e anima grigia del combo, si è preso la scena in solitaria, nella rievocazione dell’epopea sintetica dei Soerba, con l’ambientale “La bellezza” e con il contagioso refrain “I Am Happy” direttamente da “Sanremo Giovani” 1998.

Per il commiato è stata la volta di “Stella nera”, un brano che Renato ha scritto in adolescenza ma che ha pubblicato solo nel 2015, ed è junghianamente curioso osservare che David Bowie, suo nume artistico, abbia scelto lo stesso titolo per il suo testamento musicale, “Blackstar”, uscito però qualche mese dopo.
Lo showcase di Lugano, trasmesso in diretta dalla Rete Tre della Radio Svizzera e presentato da Gian Luca Verga, è la prima tappa di un tour che si svolgerà nell’ultima parte del 2016 e per tutto il 2017 e accompagna l’uscita del doppio cd “Garbo - Living 2016”. Sarà davvero l’ultimo tour, come lo stesso Garbo ha annunciato in diretta? Vogliamo credergli ma, per quanto si è visto, se lo fosse sarebbe un vero peccato.  

Il video completo dello showcase (dal minuto 5:30)


       


Setlist

Quando cammino
Ultimo viaggio
La fretta
Sembra
La moda
Il fine
Libero (lead vocals: L. Urbani)
Sexy per amore
Onda elettrica
La bellezza (Luca Urbani)
Voglio morire giovane
Extra garbo
Quanti anni hai?
Il fiume
Radioclima
A Berlino…va bene
Vorrei regnare
Generazione


encore
:
I am happy (Luca Urbani)
Stella nera


Garbo su OndaRock
Recensioni

GARBO

L'altra zona

(2011 - Discipline)
Un ricchissimo box celebra i trent'anni di carriera di uno dei fari della scena new wave italiana

GARBO

Gialloelettrico

(2005 - Discipline)

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.