20/05/2017

Faust

Centro Stabile di Cultura, San Vito di Leguzzano (Vi)


di Valerio D'Onofrio
Faust
"Non esiste gruppo più mitico dei Faust" diceva Julian Cope nel suo "Krautrocksampler" e il duo storico formato da Werner “Zappi” Diermaier e Jean-Hervé Péron, con l'aggiunta del chitarrista Amaury Cambuzat, non fa altro che confermarcelo.
Simboli viventi di tutto il movimento del kraut-rock e forti della pubblicazione del nuovo eccellente album "Fresh Air", i Faust traghettano con coerenza le sperimentazioni destrutturanti post-atomiche degli esordi nel nuovo millennio, incapaci di fare arte fine a se stessa (dice Jean-Hervé Péron "l'arte per l'arte è finita"), ma sempre strettamente legati alla contemporaneità (la guerra in Libia e in Siria, i morti nel Mediterraneo, la Marsigliese destrutturata e stravolta del brano "Chlorophyl", simbolo della Repubblica francese con le mani sporche di sangue per tutte le atrocità accadute negli ultimi anni). 

Fin dal loro ingresso è palpabile l'aura di leggenda che li ammanta fin dal lontano 1971, anno del lancinante esordio. Il nuovo live riesce quindi a evitare il rischio del classico revival passatista, per essere invece attuale ancora nel 2017. Si parte con una versione dilatata (più dieci minuti) e caustica di "Mama Is Blue" del mitico album "nero" ("So Far" del 1972), ricca di droni e distorsioni che sconquassano le orecchie degli ascoltatori. Il lungo trip continua tra brani della più recente discografia, tra martelli pneumatici a dettare tempi e flessibili da sottofondo industrial. All'interno del grande calderone c'è spazio per una versione caotica e violenta del classico "The Sad Skinhead" del loro quarto album "Faust IV" (1973) e per i lunghi dialoghi franco-inglesi tra Jean-Hervé Péron e Amaury Cambuzat di "Fresh Air" e "Fish" che, da una parte, riportano alla mente il dialogo a due del leggendario brano del 1971 "Miss Fortune", dall'altro sono talmente legati alla contemporaneità da far sembrare i Faust un gruppo sperimentale esordiente. 
Il vero messaggio che è passato è che l'arte non può che parlare dei propri tempi, dando anche messaggi universali, ma sempre riferiti alla realtà in cui si è immersi. Da qui nasce la figura metaforica del "pesce" descritta nel nuovo brano "Fish", testimone muto e impotente dell'oscena violenza che porta alla morte migliaia di vite umane nelle acque del Mediterraneo, come conseguenza di guerre e scelte politiche che sono la vera cifra dei nostri anni.

L'impressione è che i Faust, indipendentemente dalla loro carta d'identità, non saranno mai dei dinosauri (triste fine di un'infinità di musicisti), ma saranno sempre avanguardia. L'unico momento di auto-celebrazione si ha alla fine con la versione breve e dinamica del loro brano più celebre, la suite elettronico-cosmico per eccellenza, il brano che li ha incoronati simbolo dell'immensa stagione della musica sperimentale tedesca: "Krautrock", dall'album "Faust IV" (1973). 

(Foto di Ivan Serra)

Faust su OndaRock
Recensioni

FAUST

Fresh Air

(2017 - Bureau B)
Aria fresca e tragedie nel ritorno degli eroi iconolastici del kraut-rock

FAUST

Something Dirty

(2011 - Bureau B)
Nuovo album con nuova line-up per la sigla Faust

FAUST

C’est Com... Com... Complique

(2009 - Bureau B)
Jean Hervè Peron, in preda a una bulimia compositiva galoppante, mostra il nuovo volto degli storici ..

FAUST

Faust

(1971 - polydor)
La prodezza kraut-rock dell'inafferrabile band tedesca

Speciali

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.