21/07/2017

Kasabian

Postepay Sound Rock In Roma, Roma


di Claudio Lancia
Kasabian

C’è una band nuova ad aprire il concerto dei Kasabian al Postepay Sound Rock In Roma, ed è la prima volta che si esibisce in Italia. Così dichiara il frontman Nic Cester, colui che qualche anno fa guidò la tanto rapida quanto entusiasmante parabola artistica degli australiani Jet (sì, quelli di “Are You Gonna Be My Girl?”). Il co-protagonista della sceneggiatura è il chitarrista, uno dei migliori di “casa nostra”, Adriano Viterbini (sì, avete capito bene, la metà dei Bud Spencer Blues Explosion, in cerca della meritata visibilità internazionale); alle loro spalle sono schierati un basso, un sassofono, un synth e due (!!) batterie, affidate all’ex-Bluvertigo Sergio Carnevale e a Daniel Plentz dei Selton, a completare una all star backing band tutta italiana.
Si chiamano Nic Cester & The Milano Elettrica, sorprendono l’impreparata platea con un set efficacemente elettrico, imperniato su un vivace rock-blues venato di psichedelia, e convincono nel giro di un paio di pezzi (ne presenteranno otto in totale) circa la bontà del progetto, lasciando tutti con l’acquolina in bocca, in attesa della pubblicazione del disco d’esordio, che dovrebbe avvenire entro fine anno.

Mezz'ora abbondante ben assestata, il pubblico riscaldato, il tempo di cambiare il palco ed entrano in scena i Kasabian, partiti qualche anno fa da quel di Leicester, con Sergio Pizzorno (il chitarrista della band, nonché principale compositore) che divenne l’italiano più famoso della città ben prima che Claudio Ranieri compisse il miracolo rappresentato dallo scudetto dello scorso anno.
Dopo essere stati annoverati fra i novelli alfieri britpop del nuovo millennio, sono scivolati in un pantano di prove altalenanti, a tratti persino scialbe, senza però mai perdere di vista i piani alti delle chart britanniche. La prova live li riscatta alla grande, assicurando quella dose di energia in grado di far muovere il culetto al pubblico presente (nel quale si nota una foltissima rappresentanza anglosassone), infilando in sequenza tutte (o quasi) le hit assestate nel giro dei sei album finora distribuiti.

La setlist è fortemente sbilanciata verso la produzione più recente, tanto che vengono ripescate soltanto due tracce dall’omonimo esordio (“Club Foot” e l’acclamatissima “L.S.F.”, che chiuderà la prima parte del concerto nel delirio generale) e una soltanto (“Shoot The Runner”, altro momento topico) dal deboluccio "Empire", il secondo lavoro.
Ben rappresentati invece il recente (e non proprio imprescindibile) “For Crying Out Loud” (che nella trasposizione live acquisisce maggior senso compiuto, a prescindere dall’indubbia efficacia di un brano come “You’re In Love With A Psycho”) e i più a fuoco “48:13” e “Velociraptor!”.

Fra una citazione da dancefloor di “Around The World” dei Daft Punk (sul finale della ritmatissima “Eez-Eh”) e una furbacchiona di “Volare” (in apertura dell’irrinunciabile “Days Are Forgotten”) l’ora e mezza di concerto scivola via piacevolmente, fino all’accoppiata conclusiva formata da “Vlad The Impaler” e “Fire”, le ultime micce infuocate da scagliare verso la platea entusiasta.
Il cantante Tom Meighan si muove con disinvoltura, assieme a Pizzorno forma una perfetta macchina da guerra dance-pop, in grado di mettere in scena una delle serate più divertenti e colorate di questa estate, che riesce a far ballare senza sosta il popolo indie come solo ai Franz Ferdinand era riuscito di fare negli ultimi anni al Postepay Sound Rock In Roma.

(Foto di Alessandro De Vito)

Setlist

SETLIST KASABIAN:
Nessun dorma (tape)

Ill Ray (The King)

Underdog

Eez-Eh / Around The World

Shoot The Runner

Days Are Forgotten

You’re In Love With A Psycho

Man Of Simple Pleasures

Club Foot

Re-Wired

La fée verte

Treat

Bless This Acid House

Stevie

Put Your Life On It

L.S.F. (Lost Souls Forever)

…. ….

Goodbye Kiss (acoustic)

Comeback Kid

Vlad The Impaler

Fire

SETLIST NIC CESTER & THE MILANO ELETTRICA:

Sugar Rush

Not Foolin’ Anyone

Psychebello

Eyes On You

Who You Think You Are

God Knows

Little Things

Walk On Neon Lights
Kasabian su OndaRock
Recensioni

KASABIAN

For Crying Out Loud

(2017 - Sony)
Pizzorno e Meighan ritrovano le chitarre ma non l'ispirazione

KASABIAN

48:13

(2014 - Sony)
Il quinto atto di Pizzorno e compagni, sempre più radiofonico e istrionico

KASABIAN

Velociraptor!

(2011 - Columbia)
Il quarto ambizioso album della formazione dance-rock guidata da Sergio Pizzorno

KASABIAN

The West Rider Pauper Lunatic Asylum

(2009 - Columbia)
Il dance-rock psichedelico della band inglese, tra ambizioni e mitomania

KASABIAN

Empire

(2006 - Columbia)
Torna la band che ha sbancato le classifiche britanniche

KASABIAN

Kasabian

(2004 - Bmg)

News
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.