15/03/2017

Ork

Teatro delle Api, Porto Sant'Elpidio (MC)


di Michele Bordi
Ork
Un grande appuntamento per pochi intenditori, quello fissato a Porto Sant’Elpidio, lungo la costa maceratese. Grande, perché il supergruppo Ork conferma con l’ultimo nato “Soul Of An Octopus” la validità del progetto, nato dalla fusione della sezione ritmica straniera di Mastellotto ed Edwin con quella melodica nostrana di Fornasari e Pipitone.
Uno spettacolo per pochi intenditori perché purtroppo nel validissimo Teatro delle Api lo scenario è piuttosto desolante, contando a essere generosi una cinquantina di presenti; francamente scoraggiante se consideriamo l’ottima posizione della venue, a due passi dall’autostrada A14.
Poca pubblicità o pigrizia del pubblico marchigiano?

edwin_pipitone.resized_600

Detto ciò, chi non c’era si è perso un ottimo spettacolo, che bissa il successo della precedente apparizione in provincia, in quel Teatro Leopardi di San Ginesio straripante di iniziative prima di finire in ginocchio sotto le scosse del sisma. Proprio prima del live l’organizzazione ricorda il grande festival benefico a supporto del comune amico in programma nei giorni 29-30 aprile.

cello.resized_600_01

Come quella volta, anche stasera lo show è tutto sommato breve ma potente e senza tanti fronzoli. Immancabili i brani del nuovo lavoro: “Collapsing Hopes” e “Searching For The Code” guadagnano punti dal vivo, anche grazie al lavoro mai banale di Pipitone alla chitarra, guitar hero e intrattenitore come da tradizione con i Marta sui Tubi. Decisivo anche il contributo per alcuni brani del violoncello di Euleteria Arena, che arricchisce con discrezione gli arrangiamenti del quartetto.
Chi fa da padrone della serata è però il crimsoniano Pat Mastellotto, che dalle pelli detta i tempi di tutti quanti, pubblico compreso che dalle poltroncine non può che battere il tempo e lasciarsi andare all’ipnosi della crimsonianissima “Dream Of Black Dust”.

mastellotto.resized_600

Il repertorio ancora limitato regala un’ora e mezza scarsa di spettacolo, anche comprendendo diversi brani dall’esordio “Inflamed Rides” come la sempre suggestiva “Pyre”, scaldata dalla voce di Lef, e la graffiante “Jellyfish”. Ma di ottanta minuti di alto livello parliamo, tra progressive, jazz, art-rock e accenni post-metal.

pipitone_eleuteria.resized_600_01

La conclusione viene affidata a un apparente omaggio al mai abbastanza celebrato David Bowie; in realtà, un desiderio di Mastellotto, una riflessione preoccupata per il destino della sua nazione e non solo: “I’m Afraid Of Americans” è potente e rabbiosa mentre evoca nuovi timori made in Usa.
Nel nostro piccolo, usciamo dal locale con il rammarico di quante persone avrebbero potuto e dovuto godere di questo repertorio. In un territorio in cui è sempre più difficile portare artisti internazionali, se non grazie agli sforzi di pochi volenterosi illuminati, certe occasioni non andrebbero perse.

gruppo1.resized_600_01

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.