19/04/2018

Baustelle

Atlantico Live, Roma


di Claudio Lancia
Baustelle

Uno dei tanti "best of" possibili dai due volumi de “L’amore e la violenza”, pubblicati nello spazio di un anno, più un’attenta selezione dal passato: questo in sintesi il tour più luminoso e “rock” mai realizzato dai Baustelle. Venti canzoni rese con un’intensità rafforzata dalla dimensione raccolta dei live club che stanno ospitando questo giro di date, lontani dall’atmosfera troppo ingessata degli auditorium e dalla dispersività degli spazi aperti. Abbiamo assistito allo show romano, tenuto all’Atlantico Live, durante il quale fan e curiosi sono tornati a ballare, tutti in piedi, e a essere abbagliati dalle luci al neon poste alle spalle della band, con quella scritta “Baustelle” così anni 80 che troneggia sugli otto musicisti. Un trionfo di synth e (finalmente!) chitarre che non genera mai caos e non mette a rischio la ricercatezza dei suoni, ricreata sul palco dalla migliore line-up di sempre dei Baustelle, una sorta di supergruppo allargato, con quasi tutti i membri titolari anche di interessanti carriere soliste.

Due gli opening act selezionati per questa serata, due giovani cantautori che si stanno ritagliando un po’ di spazio nell’affollato circuito indie nazionale. Il primo è Francesco De Leo, ex-Officina della Camomilla, che si esibisce in perfetta solitudine, voce e chitarra elettrica, bravo a rompere il ghiaccio senza timori per presentare i fragili e introversi bozzetti contenuti ne “La malanoche”. Evidente la prossimità con Calcutta, non solo stilistica ma persino estetica (!): forse non è un caso se la label è la medesima del cantautore pontino, Bomba Dischi. Il secondo è Andrea Poggio, chitarra a tracolla e corista a fianco, qui per promuovere le canzoni di “Controluce”, anche lui con un passato in una band, i Green Like July, e un presente cha sa tanto di baustellismo, vedi la conclusiva “Mediterraneo”, posta non a casa a fine set, prima della quale Poggio ringrazia Sebastiano De Gennaro, il batterista della formazione di Montepulciano, per aver arrangiato il proprio album.

Giovani cantautori crescono e aspirano a essere i Bianconi del futuro, ma per il futuro c’è tempo, ora l’attesa è tutta per i Baustelle, che entrano in scena e abbagliano la platea con i suoni e i colori che caratterizzano lo strumentale “Violenza”. Il set, serrato e convincente, comprende i tre estratti più riusciti dell’album più recente (“Lei malgrado te”, “A proposito di lei”, “L’amore è negativo”) densi di nuove strofe mandate a memoria dal pubblico, e divenute in fretta gettonatissimi slogan generazionali. Come da tradizione, Francesco e Rachele si alternano (e spesso si sovrappongono) alla voce, con la Bastreghi che veste persino i panni della rocker consumata sulle note della tiratissima “Tazebao”. Le chitarre di Claudio Brasini (rafforzate da quelle di Andrea Faccioli) questa volta si prendono a tratti con forza il centro della scena. I cinque musicisti che si muovono alle spalle del trio storico conferiscono solidità e dinamica: oltre ai già citati De Gennaro e Faccioli, ci sono il fratello di Francesco – Ettore Bianconi - ai sintetizzatori, l’impeccabile Alessandro Maiorino al basso, e il polistrumentista Diego Palazzo, che si muove fra synth, chitarre e cori.

Nella seconda parte del concerto arrivano sprazzi di storia dei Baustelle, puntando a volte su nuovi arrangiamenti, tanto per sottolineare la voglia di sperimentare e di non ripetere sé stessi all’infinito. “Nessuno” è adagiata su un inedito tappeto sintetico minimale che conferisce ancor più slancio ai vocalizzi morriconiani di Rachele (applausi scroscianti), brividi a fior di pelle che tornano sulle note di una “Monumentale” ridotta all’osso, sulla quale la band lavora per sottrazione. Bianconi annuncia che stasera si parlerà anche di politica, e introduce così la trascinante “Il liberismo ha i giorni contati”, unico estratto da “Amen”. Il superclassico “I provinciali” chiude il set, poi breve pausa, ed ecco i bis che si aprono con l’omaggio alla capitale “Piangi Roma”, seguito dall’inattesa e sferzante cover dei Diaframma “Valentina”, in grado di confermare l’attitudine “rock” degli attuali Baustelle.

Il congedo giunge sulle note di due fra i pezzi più amati della loro carriera, “La guerra è finita” e “La canzone del riformatorio”, il brano che più di ogni altro continua a farli percepire come la versione italiana dei Pulp. Ma Bianconi è un esperto nel campo del mimetismo e ha imparato nel tempo a trasformarsi non soltanto in Jarvis Cocker, Battiato, De André e Gainsbourg: ora conosce anche come accendere l’interruttore per azionare le luci stroboscopiche. Cavalcando il reflusso degli anni 80, i Baustelle continuano a scrivere belle canzoni dai ritornelli appiccicosi, strappando applausi non soltanto ai fan oltranzisti, ma anche a illustri colleghi: nel numeroso pubblico scorgiamo infatti visi noti, fra gli altri Daniele Silvestri e Francesco Motta, che aspettano la fine del concerto per salutare dei Baustelle visibilmente soddisfatti dopo l’ennesimo bagno di folla. Un autore sensibile (Francesco) e una splendida voce (Rachele) hanno dato vita a un meccanismo perfettamente oliato, che oggi rasenta la perfezione pop. Un meccanismo imitato, ma tuttora ineguagliato.

Setlist

Violenza

Lei malgrado te

Amanda Lear

Veronica n° 2

A proposito di lei

L’amore è negativo

Il Vangelo di Giovanni

Tazebao

Baby

Jesse James e Billy Kid

Perdere Giovanna

La vita

Nessuno

Il liberismo ha i giorni contati

Monumentale

I provinciali

…. ….

Piangi Roma

Valentina (Diaframma cover)

La guerra è finita

La canzone del riformatorio
Baustelle su OndaRock
Recensioni

BAUSTELLE

L'amore e la violenza Vol. 2

(2018 - Warner)
Amori, separazioni, malinconie e rammarichi in dodici nuove pop song, fra synth, chitarre e fine cantautorato ..

BAUSTELLE

L'amore e la violenza

(2017 - Warner)
Un ritorno all'immediatezza synth-pop delle origini, dopo la sbornia orchestrale di "Fantasma"

BAUSTELLE

Roma Live!

(2015 - Warner)
Il primo disco dal vivo del trio Bianconi-Bastreghi-Brasini

BAUSTELLE

Fantasma

(2013 - Warner)
Un concept sul trascorrere del tempo denso di classicismo pop: il lavoro più ambizioso fin qui ..

BAUSTELLE

I Mistici dell'Occidente

(2010 - Atlantic)
L'atteso ritorno di Bianconi e compagni dopo il grande successo ottenuto due anni fa con "Amen" ..

BAUSTELLE

Amen

(2008 - Warner / Atlantic)
L'atteso ritorno della band toscana, tra pop e Cattelan

BAUSTELLE

La Malavita

(2005 - Warner)

BAUSTELLE

La moda del lento

(2003 - Sony)
La ristampa del secondo album della band di Montepulciano, un disco di culto, da tempo fuori catalogo ..

News
Speciali

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.