20/06/2018

The Killers

Rock In Roma, Roma


di Claudio Lancia
The Killers

Tutte le hit di Brandon Flowers - questa sera in gran spolvero, prima in elegante completo nero, poi hyper kitsch tutto dorato (vedi foto) - sfilano nel coloratissimo set meravigliosamente pop architettato dai Killers, perfetto per inaugurare sotto la pioggia la decima edizione del Rock In Roma.
Uno dei Festival principali dell’estate capitolina anche quest’anno sarà ospitato nell’area dell’Ippodromo delle Capannelle, eccetto qualche evento che troverà posto in altre prestigiose location, quali il Circo Massimo (Roger Waters) e il Teatro Romano di Ostia Antica (Cigarettes After Sex).

Nel tour in corso i Killers stanno riconoscendo i reali rapporti di forza fra i cinque album che compongono la loro discografia: pur proseguendo il giro promozionale a supporto di “Wonderful Wonderful”, pubblicato dopo ben cinque anni di silenzio, sono soltanto quattro i brani che oggi ne vengono estratti, e va ancor peggio ai due dischi precedenti, cartina di tornasole dello stallo qualitativo nel quale la band è incappata.
L’esordio “Hot Fuss” resta invece il più saccheggiato – oltre che il più amato dai fan - con quelli che nel tempo si confermano i veri inni della formazione americana, brani come “Somebody Told Me” e “Mr. Brightside” (eseguita oggi in chiusura del set), che si confermano gli episodi più acclamati dalla folla.

Flowers è bravo, ha una gran voce, tiene il palco come i più grandi, quasi una versione indie di Robbie Williams, nella trasposizione live fa ancor più effetto con pose e movenze da rockstar vera (del resto uno che nasce e cresce a Las Vegas deve amare l’ostentazione degli eccessi) e la dialettica semplice di chi vuol farsi comprendere dal proprio pubblico, anche all’estero.
Con tutto il rispetto per gli altri membri della band, lo show è tenuto in piedi quasi esclusivamente da lui: con un songwriting di maggior spessore, avrebbe messo in fila tanti concorrenti. Invece quello dei Killers purtroppo resta soltanto pop orecchiabile e ballabile, davvero troppo usa e getta, da consumare con gioia prima di essere rapidamente relegato in un angolo, per poi magari venire tirato a lucido in prossimità del concerto successivo.

I brani efficaci ci sono, come “For Reasons Unknown”, come l’iper-energetica “When You Were Young”, posta fra i bis, ma va riconosciuto come, tolta la sequenza stile greatest hits qui proposta, nella discografia dei Killers resti ben poco d’altro meritevole di essere ricordato. Un vero peccato, perché la band sul palco gira molto bene, superando le più rosee aspettative di coloro che finora l'avevano ascoltata soltanto su disco.
La risposta del pubblico è importante, nonostante le deludenti prove recenti della formazione d’oltreoceano, che ha perso lungo la strada molti estimatori della prima ora senza riuscire a conquistarne di nuovi, almeno da noi in Italia. Una macchina da hit sempre meno brillante, con pochissime nuove idee, a tratti anche un pochino confuse.

Ma dal vivo resta l’energia, resta una carica adrenalinica esplosiva, sottolineata dai coriandoli sparati sulla folla a più riprese. Prossima data il giorno successivo, a Milano, I-Days, per condividere il palco con musicisti che hanno fatto la storia del britpop: Liam Gallagher e Richard Ashcroft.
Nel frattempo Brandon Flowers e compagnia promettono di tornare presto a Roma, senza farsi desiderare per ulteriori cinque anni. E c’è da crederci: visti i risultati concretizzati nei recenti dischi, per continuare a far cassa sarà preferibile puntare sempre più sui tour, in questo bel circo colorato che fa davvero tanto Las Vegas. E continuare a battere il ferro fin quando i fan non si stancheranno di riascoltare “Human” e “Smile Like You Mean It”.

Setlist

The Man

Somebody Told Me

Spaceman

The Way It Was

Shot At The Night

Run For Cover

Smile Like You Mean It

For Reasons Unknown

Human

Tyson vs. Douglas

A Dustland Fairytale

Runaways

Read My Mind

All These Things That I’ve Done

…. ….

The Calling

Believe Me Natalie

When You Were Young

Mr. Brightside
The Killers su OndaRock
Recensioni

THE KILLERS

Wonderful Wonderful

(2017 - Island)
Gli antichi ma sempre freschi scenari pop mainstream nell'ennesima raccolta di Brandon & C.

THE KILLERS

Battle Born

(2012 - Island/Vertigo)
I quattro di Las Vegas indossano il giubbotto di pelle per il loro album pił rock

THE KILLERS

Day & Age

(2008 - Island)
Un viaggio kitsch a Las Vegas, in compagnia della band di Brandon Flowers

THE KILLERS

Sawdust

(2007 - Island)
Raccolta di b-sides e outtakes varie dalla band statunitense

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.