10/4/2013

Soft Moon + Maserati

Circolo degli Artisti, Roma


di Leonardo Di Maio
Soft Moon + Maserati
La tiepida serata romana del 10 aprile 2013 è stata una ghiotta occasione per poter incontrare da vicino due delle realtà (una relativamente nuova e l’altra con qualche anno di carriera alle spalle) musicali più stimolanti e chiacchierate dai media degli ultimi tempi, i Maserati e Soft Moon, il tutto per la modica cifra di otto euro. Chi abita a Roma sa bene che il Circolo degli Artisti è il locale (insieme al Traffic, dove due anni fa suonarono i Mi Ami) principe per quanto concerne le date più importanti per la musica indipendente. L’inizio del concerto era previsto per le 21.30 (ormai in questo locale è stato imposto un veto per cui i concerti devono tassativamente iniziare presto e finire entro le 24.00 esatte), ma i Maserati sono saliti sul palco solo alle 22.00, con già abbastanza pubblico all’interno della non grande sala del Circolo. Hanno suonato per quarantacinque minuti circa, proponendo in scaletta gran parte del materiale pubblicato nel loro ultimo album per la Temporary Residence, “VII”.

Sul palco i Maserati hanno fatto una bella figura (tecnicamente impeccabili) ma hanno peccato anche di una certa monotonia, dato che sembrava suonassero più o meno lo stesso brano, con minime variazioni. Il loro space-rock è senz’altro accattivante per i primi dieci minuti, ma alla lunga, risulta stancante e ripetitivo, nonostante il pubblico presente sembrava gradire la loro esibizione. Talvolta purtroppo non basta fare ricorso a tutti i vari trucchetti (invero fin troppo abusati) di melodie cicliche a spirale figlie dei Tangerine Dream e di Klaus Schulze e vari sequencer sparati in faccia al pubblico per poter stupire con qualcosa di inedito (e che inedito non è affatto), il tutto su basi ritmiche di un semplice quattro quarti costante. Altro loro punto in loro sfavore è stato il suono troppo distorto, che è risultato anche più pesante all’interno della sala, che ha fatto da cassa di risonanza.

Il californiano Luis Vasquez, astro nascente nel nuovo “gothic-rock” sotto il moniker Soft Moon, è salito sul palco alle 23.00, insieme al suo gruppo d’accompagnamento. Hanno fatto un breve soundcheck di un quarto d’ora e, alle 23.15, hanno iniziato il loro show, eseguendo per buona parte i brani tratti da “Zeros” (Captured Tracks 2012) e per il resto, i cavalli di battaglia del loro classico “Soft Moon” (Captured Tracks 2010), oggi considerato quasi una pietra miliare del “gothic” di ultimissima generazione e qualcosa dall’Ep “Total Decay”. Non hanno invece eseguito nulla (almeno così mi è sembrato, a scanso di essere smentito) dal lavoro nato in collaborazione con il veterano John Foxx, un disco che si colloca un paio di gradini al di sotto dei due album ufficiali.

La cosa che più sorprende dell’esibizione di Soft Moon è che non si riscontrano grandi differenze dal loro sound dal vivo rispetto a quello inciso su disco. Le atmosfere sono pressoché uguali, compresa la voce filtrata e coperta da coltri di rumore (e usata spesso in delay) di Vasquez (che sul palco si agitava come un ossesso, come se fosse stato colpito da un improvviso “ballo di San Vito”) e anche la durata dei pezzi, è la stessa. Il “climax” si è raggiunto nei pezzi più ossessivi e ipnotici, dove il loro “gothic-indie” riusciva a essere un perfetto mix tra sonorità eighties alla Sisters Of Mercy e quelle proto industriali (quasi alla Pan Sonic, nei brani con più Bpm) e teutoniche (i Neu! sono sempre dietro l’angolo), passando per i Lycia.

Il finale, alle 23.55 in punto, è stato un’improvvisa impennata techno su base “shoe/shit-gaze”. A mezzanotte, si accendono le luci, si stacca la spina e si ritorna a casa felici e soddisfatti per la bella serata in compagnia di amici e di un gruppo che ha di sicuro ancora diverse buone cose da dire.

La foto è di Fish'n'Chips
Soft Moon su OndaRock
Recensioni

SOFT MOON

Deeper

(2015 - Captured Tracks)
Il ritorno del progetto di Luis Vasquez, nel suo lavoro più ossessivo e feroce

SOFT MOON

Zeros

(2012 - Captured Tracks)
Sferragliate dark-kraut nell'orbita della morbida luna

SOFT MOON

The Soft Moon

(2010 - Captured Tracks)
Il plumbeo debutto della talentuosa formazione post-punk californiana

News
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.