10-02-2018

morto Lovebug Starski: fu lui a coniare il termine "Hip Hop"

di Leonardo Gabriele Stenta

Lovebug Starski è morto ieri all’età di 57 anni. Con il nome MC in The Bronx si era distinto nella nascente scena hip hop americana degli anni Settanta per poi diventare DJ del noto Disco Fever Club. Considerato da molti uno dei pionieri dell’hip hop ha pubblicato durante la sua carriera diversi singoli di successo, tra cui “Gangster rock" e "Say What You Wanna Say”, “Do The Right Thing”. Stando ai racconti dell'epoca, fu Lovebug Starski a coniare il termine “hip hop” -motteggiando i versi delle marce militari- per indicare il movimento di sottocultura urbana in ascesa. Numerosi i messaggi di cordoglio da parte dei colleghi e degli amici di Lovebug. Chuck D, membro fondatore dei Public Enemy, lo ha ricordato con queste parole ai microfoni di HipHop DX:

"Lovebug Starski è stato un DJ, un MC e un innovatore. Un pioniere che si è distinto prima e dopo la linea di demarcazione del '79, l'anno in cui sono iniziate le registrazioni rap. Ha fatto da DJ per i grandi MC e ha fatto l’MC con i grandi DJ. Con Grandmaster Flash & The Furious Five, Lovebug Starski è stato uno dei pochi a portare il suo leggendario status di Mc di strada nel mondo della registrazione."



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.