Pogues

Rum, Sodomy And The Lash

1985 (Stiff) | folk-rock

Ancora una volta è il punk a farla da padrone, non certo nelle melodie o nella strumentazione, quanto nell'attitudine nello spirito, nel riportare nelle nostre case e nelle nostre orecchie un genere che si credeva ormai perso nelle brume professorali e un poco noiose dei club per pochi intimi, più attenti alla forma che allo spirito delle canzoni, la musica folk. I Pogues nascono all'inizio degli anni '80 (come Pogue Ma Hone che in lingua gaelica suona più o meno come "baciami il culo" e che sarà accorciato quando i nostri firmeranno con la Stiff) su iniziativa di Shane MacGowan, personaggio scorbutico, ribelle, brutto come la fame in India (non si possiede una sua foto che lo mostri sorridere con la sua dentatura completa), che dopo diverse esperienze in band punk nei Seventies (quelle da un singolo, qualche gig e via), esperienze piuttosto fallimentari, e spinto dalla necessità comunque di campare, pagarsi il whiskey, un poco di cibo e, se ne avanza, qualche sostanza illegale, decide di mettere su un gruppo in grado di suonare quantomeno nei pub, di fronte a un tipo di pubblico sempre poco attento alla forma quanto alla sostanza di ciò che gli viene proposto (come quello punk), comunque più numeroso e ben disposto del precedente.

Dopo un periodo di rodaggio nei pub di Londra e in veste di busker per le strade del Regno Unito tutto (con anche qualche puntatina in Francia), il nostro e i suoi sodali (Jem Finer al banjo e Spider Stacey al tin whistle, cui poi si aggiungeranno il batterista Andrew Ranken e il polistrumentista James Fearnley), confortati dalla risposta del pubblico alla propria ricetta che mostra country, rockabilly, ska e reggae filtrati nell'ottica della ripresa folk, decidono di ritentare la strada del professionismo musicale, reclutando all'uopo la bassista Cait O' Riordan.

"Rum, Sodomy And The Lash" è il loro secondo disco, quello della maturità artistica. Dopo aver dimostrato con il primo "Red Roses For Me" (1984) di essere in grado di manipolare la materia folk ben al di là della rivitalizzazione dei classici infondendogli con l'attitudine punk che li guida nuova linfa vitale, con questo secondo lavoro i Pogues trovano con il proprio suono, abile mix di strumentazione acustica e ritmi forsennati e alcolici (pilotato da un Elvis Costello in stato di grazia in cabina di produzione e grazie anche all'inserimento nella line up del veterano Philip Chevron), e con la penna di MacGowan la ricetta per la definitiva consacrazione tra i grandi della folk music (sfido chiunque a saper distinguere tra "The Sick Bed Of Cuchulainn" e "I'm A Man You Don't Meet Everyday" quale sia il traditional e quale sia stata scritta per l'occasione), dando voce a quella massa di "beautiful losers" che prima di lui solo il Tom Waits che cercava il cuore del sabato notte e lo Springsteen che si agitava nell'oscurità ai margini della città erano riusciti a rendere protagonisti in un ambito più propriamente pop-rock.

"Sally MacLennane", "A Pair Of Brown Eyes" riaggiornano quell'epica quotidiana di cui tutti abbiamo bisogno per vivere, se non altro per esorcizzare i nostri demoni, ma meglio per celebrare la nostra sfida quotidiana con la vita (proprio come con i biglietti d'auguri natalizi delle puttane di Minneapolis del signor Waits), che la dimensione elettrica ed elettronica del sound wave allora imperante aveva di fatto oscurato.

Se agli originali scritti da MacGowan aggiungete una serie di traditional o cover perfettamente in tema quali "Dirty Old Town" di Ewan McColl (da alcuni giudicata una delle più belle folk song della seconda metà del secolo scorso) o la "Waltzing Mathilda" di Eric Bogle riproposta in una versione meravigliosa con un'interpretazione di MacGowan superba che sa far rivivere tutta la desolazione e l'angoscia di quei ragazzi australiani mandati al massacro durante la prima guerra mondiale, aggiungete la gioia danzereccia degli strumentali che punteggiano il disco ("Wild Cats Of Kilkenny" su tutti) o "A Pistol For Paddy Garcia", che dimostra come i nostri sappiano metabolizzare anche elementi "spuri" come il country o il folk americano nella loro ricetta, otterrete un disco quasi perfetto nel suo tenersi in equilibrio tra passato e presente, nel suo tener ben salde le radici della propria storia e nel saper spiegare le proprie ali al di sopra delle contingenze stilistiche per arrivare a essere un classico.

(06/11/2006)

  • Tracklist
  1. The Sick Bed Of Cuchulainn
  2. The Old Main Drag
  3. Wild Cats Of Kilkenny
  4. I'm A Man You Don't Meet Every Day
  5. A Pair Of Brown Eyes
  6. Sally Maclennane
  7. A Pistol For Paddy Garcia
  8. Dirty Old Town
  9. Jesse James
  10. Navigator
  11. Billy's Bones
  12. The Gentleman Soldier
  13. And The Band Played Waltzing Mathilda

 



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.