George Russell

Jazz In The Space Age

2001 (American Jazz Classics) | jazz

George Russell, deceduto nel 2009 all'età di 86 anni, è una figura di primissimo piano nel mondo del jazz mondiale. Finissimo arrangiatore (scrisse per Dizzy Gillespie e il più leggero Artie Shaw) e direttore di orchestre jazz, fu tra i primi che teorizzò una nascita del jazz-modale. Nel 1953 il suo libro "The Chromatic Concept Of Tonal Organization" fece epoca e destò meraviglia. Non ci furono quindi solo John Coltrane e Miles Davis tra i principali padri fondatori del jazz basato su scale modali (debitrice alle scale musicali orientali), ma anche, e soprattutto, George Russell.

"Jazz In The Space Age" rimane un punto fermo nella storia del jazz grandorchestrale, dopo quello di Duke Ellington e di Charles Mingus. Uscito per la Decca nel 1960, vedeva la partecipazione anche dei giovani e già talentuosi pianisti Bill Evans e Paul Bley, oltre che solisti di gran vaglia della big band di Russell.
L'album è rappresentato da una suite in tre parti (però, stranamente, non legate tra loro), "Chromatic Universe", caratterizzata da un post-bop sincopato con sottili cambi di tempo e dall'armonia anche abbastanza scarna. La lunga "Dimensions", altro punto centrale dell'album, è l'episodio dove meglio si concentrano le teorie modali di Russell, anche se gli splendidi arrangiamenti in puro stile Gil Evans un po' tradiscono quelle peculiari caratteristiche discendenti dalla musica orientale.
Le altrettanto lunghe "The Lydiot" e "Waltz From Outer Space" presentano ottimi interventi solistici, in particolare quelli al pianoforte di Bill Evans, ma anche la sezione ritmica fa la sua egregia parte. Qui, in quanto a stile orchestrale, potremmo dire che ci troviamo in un ambito alla Charles Mingus.

Non mancano eccentrici esperimenti, specie nei geniali arrangiamenti del bandleader (si possono riscontrare sopratutto in "Chromatic Universe"). Chiudono questa bella ristampa (ottimamente rimasterizzata e con belle note introduttive di Morton James) quattro bonus-track registrate dal vivo nel 1960 (al Berkshire Music Barn, a Lennox, nel Massachusetts), in cui abbiamo un'anticipazione del successivo album di Russell, "Stratusphunk" (Riverside 1961), con appunto l'omonima title track, "Things New" e una "Dance Class", scritta da Carla Bley.
Lo stile è lo stesso tipico di Russell, solo qui un po' meno sperimentale del solito.

Una ghiotta occasione per accaparrarsi questa ristampa, uscita all'inizio del 2011. Questo Sun Ra del cool-jazz non deve mancare in nessuna discoteca che si rispetti. Consiglio anche di procurarsi i dischi (ristampati dalla nostra Soul Note) che Russell registrò in Norvegia alla fine degli anni sessanta con Terje Rypdal e Jan Garbarek. Trattasi di puro electronic abstract-jazz.

(06/04/2011)

  • Tracklist
  1. Chromatic Universe - Part 1
  2. Dimensions
  3. Chromatic Universe - Part 2
  4. The Lydiot
  5. Walz From Outer Space
  6. Chromatic Universe - Part 3


Bonus tracks:

Introduction
Things New
Dance Class
Potting Shed
Stratusphunk



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.