Bjork

Greatest Hits

2002 (One Little Indian) | avant-pop

Il debutto solista di Björk risale al 1993. Solo nove sono passati. Nove anni in cui questa piccola donna ha incantato il mondo. Ogni suo album, a riascoltarlo oggi, ha l'effetto magico di un vero incantesimo. Per tanti motivi. Soprattutto, ci si accorge di essere in presenza di un'artista all'avanguardia non solo come compositrice e musicista, ma anche per i video e i set fotografici che accompagnano ogni sua opera. E in questa raccolta Björk ha puntato su una decina di disegni. Ad ognuno ha dato un titolo. Disegni che sembrano essere fatti da un bambino. Perché il lavoro di Björk riesce a spiazzare proprio come i disegni di un bambino, immediati, ma difficili da interpretare.

Quello che incanta è la magistrale capacità di Björk di caricare ogni suo lavoro di risvolti onirici. Ogni opera di Björk è una rappresentazione interiore e visionaria, quasi una soluzione fantastica alla quotidianità grigia e robotica. Ma anche una soluzione volta al futuro. Quasi fosse una sacerdotessa che, all'interno di un Tempio allietato da sound elettronici, interrogandosi sulla sorte del mondo, dà risposte sotto forma di metafore e versi da interpretare. Perché Björk è anche enigmatica autrice. La sfinge d'Islanda, verrebbe da dire, essendo arrivata da un'isola in cui Natura e Magia hanno sempre vissuto a stretto contatto.

Ascoltando questi quindici brani, si comprende come l'avanguardia di Björk stia nell'aver attraversato in dieci anni il mondo dance elettronico differenziandosi da tutti i suoi colleghi. Niente techno o drum 'n' bass a creare l'effetto giungla come molti insistono a fare, ma un groove in cui la tradizione musicale - con ampio uso anche di maestose orchestre sinfoniche come in "Isobel" e "Bachelorette" - convive su un supporto high-tech, con esiti drammatici, ma profetici e regali allo stesso tempo. Stando volutamente lontano da risultati tipo "bolgia sonora", Björk è riuscita ad esaltare i singoli suoni. A metà tra la dance e il trip-hop. Ma è riuscita anche a caricarli di nuovi significati. Björk ama la Natura e i suoi suoni. Così ha sempre cercato di "naturalizzarli". Come in "Hidden Place", in cui si immagina dentro un iceberg e pian piano sente ciò che proviene dal di fuori prima attutito poi più definito. O nell'inno alla Natura di "Hyperballad". L'effetto è catastrofico in "Possibly Maybe" o da "truppa all'assalto" in "Army Of Me". Addirittura metafisico in "All Is Ful Of Love" o "Pagan Poetry". In altri invece, soprattutto nelle incisioni del primo album, ci si accorge che Björk preferiva giocare come un artista dadaista. "Venus As A Boy", "Big Time Sensuality", "Human Behaviour" sono esempi di creatività allo stato puro. In più, l'inedita "It's In Our Hands": il suo nuovo sogno.

Oltre ai semplici arrangiamenti, Björk colpisce nel segno per una tecnica vocale difficile da definire. Gelida ma piena di energia. Che si scontra volutamente anche col tessuto sonoro sottostante. Che gioca con onomatopee. Che urla e che canta sottovoce. Una voce unica e inconfondibile.

(25/10/2006)

  • Tracklist
  1. All Is Full Of Love
  2. Hyperballad
  3. Human Behaviour
  4. Joga
  5. Bachelorette
  6. Army Of Me
  7. Pagan Poetry
  8. Big Time Sensuality (The Fluxe Minimix)
  9. Venus As A Boy
  10. Hunter
  11. Hidden Place
  12. Isobel
  13. Possibly Maybe
  14. Play Dead (feat. David Arnold)
  15. It's In Our Hands
Bjork su OndaRock
Recensioni

BJORK

Vulnicura

(2015 - One Little Indian)
L’album del confronto maturo per l’artista islandese, supportata da due produttori di tendenza ..

BJORK

Biophilia

(2011 - One Little Indian)
L'album-progetto dell'islandese volante, tra fascinazione "cosmica", strumenti autocostruiti e tecnologia ..

BJORK

Volta

(2007 - One Little Indian)
Sorpresa: nel nuovo disco dell'islandese... non ci sono sorprese

BJORK

Drawing Restraint 9

(2005 - Polydor)
La colonna sonora della nuova opera più o meno filmica di Matthew Barney

BJORK

Medulla

(2004 - Elektra)
L'album più incentrato sulla voce della cantautrice islandese

BJORK

Vespertine

(2001 - One Little Indian)
L'artista islandese in uno dei suoi lavori più appartati e riflessivi

BJORK

Homogenic

(1997 - One Little Indian)
La diva islandese alla sua prova piu' matura ed emotiva

Speciali

Bjork on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.