Chemical Brothers

Come With Us

2002 (Astralweeks) | elettronica

Quarto album del duo elettronico inglese: dieci brani per quasi un'ora di musica, caratterizzata dalla consueta cura maniacale per ogni singolo suono, ogni oscuro campionamento, ogni minimo effetto. Figli dell’ elettro-pop intramontabile dei Kraftwerk (specie quelli di “Autobahn”, il cui ritornello aleggia come un fantasma anche su questo “Come With Us”) i Chemical Brothers possono però vantarsi di aver davvero influenzato la musica elettronica moderna, grazie alla loro alchimia di suoni acidi e soffici, duri e ipnotici. Uno stile che pervade anche questo lavoro, impreziosito dalla partecipazione di Beth Orthon e di Richard Ashcroft dei Verve.

“Come With Us” è un ideale viaggio “sintetico” tra le rotte della musica più “cool” dell’ultimo decennio, un crossover di techno e funk, psichedelia e acid house, dance raffinata e battito tribale (come nell’ancestrale “It began in Afrika”). Rispetto al precedente “Surrender” (oltre 2 milioni di copie vendute in tutto il mondo), è più accentuata la componente dance-house , come conferma la title track che apre il disco: un miscuglio di groove e breakbeat che riecheggia in qualche modo quella “Block rockin’ beats” che li lanciò alla ribalta mondiale. “Denmark” è una esercitazione di stile in chiave disco-music. “Star guitar” cela, dietro l’apparente freddezza, una trama ritmica assai elaborata. “My elastic eye” combina loop dal sapore cinematografico e percussioni ossessive. Ma, in quest'oceano d'elettronica purissima, affiorano anche le chitarre - come in "The State We're In", una ballata psichedelica arricchita dalla voce di Beth Orton - e perfino le percussioni brasiliane, come in “Pioneer Skies” (che inizia con una bizzarra rievocazione del rock progressive fine anni Sessanta).

Forse non sarà un disco all’altezza della loro stagione d’oro. Ma è anche attraverso un lavoro come “Come With Us” che i "fratelli chimici" Tom Rowlands e Ed Simons proseguono la loro trasformazione da dj a compositori d'elettronica underground, mantenendosi nell’invidiabile posizione di essere allo stesso tempo band di successo mondiale e fenomeno di culto per gli adepti della sperimentazione elettronica.

(26/10/2006)



  • Tracklist
  1. Come With Us
  2. It Began In Afrika
  3. Galaxy Bounce
  4. Star Guitar
  5. Hoops
  6. My Elastic Eye
  7. The State We're In
  8. Denmark
  9. Pioneer Skies
  10. The Test
Chemical Brothers su OndaRock
Recensioni

CHEMICAL BROTHERS

Born In The Echoes

(2015 - Virgin)
Il disco del definitivo rilancio per Tom Rowlands e Ed Simons

CHEMICAL BROTHERS

Further

(2010 - Virgin)
Il duo inglese riprende in mano la propria carriera, tra melodia e potenza

CHEMICAL BROTHERS

We Are The Night

(2007 - Virgin)
I fratelli chimici tentano ancora la carta dell'elettro-revival

CHEMICAL BROTHERS

Do It Again Ep

(2007 - Virgin)
Il nuovo singolo del duo inglese in quattro diverse versioni

CHEMICAL BROTHERS

Push The Button

(2005 - Emi/Virgin)
L'acid-house della band inglese giunge a un nuovo approdo

Chemical Brothers on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.