Pearl Jam

Riot Act

2002 (Epic) | alt-rock

Non è ben chiaro il motivo per cui i Pearl Jam insistano nel fare i Pearl Jam. Sono undici anni, infatti, che il gruppo di Seattle fa uscire dischi che non presentano particolari innovazioni, ma mantengono uno stile ben definito, tanto da farlo diventare quasi un marchio di fabbrica. Il problema è che se nei primi dischi la genuinità e la freschezza permettevano loro di sfornare grandi canzoni, peraltro ottimamente inserite nel contesto storico del grunge, nel 2002, scomparsa la passione e passata un'epoca, le canzoni dei Pearl Jam sembrano stantie, ripetitive, riciclate.

"Riot Act", il nuovo arrivato, ha fatto parlare di sé, ma decisamente più per le opinioni politiche della band (ormai Vedder sta ritagliandosi un ruolo di guru insidiando il posto di Bono) che per la musica che propone nelle sue quindici tracce. Non c'è una sola traccia che spicca, ma soltanto alcune composizioni che fanno rimpiangere gli anni migliori. Eppure "No Code" e "Yield", seppur già nel periodo della decadenza, sembravano contenere qualche elemento di innovazione che avrebbe potuto modificare e aggiornare il sound del gruppo. Purtroppo il precedente "Binaural" e quest'ultimo album sono un grosso passo indietro: spaventati da qualunque novità, i Pearl Jam insistono nel ricalcare il rock delle origini, costruendo puntigliosamente e forzatamente il disco.

Come da copione, un'apertura energica ("Can't Keep", una delle migliori), una ballatona con tanto di ricordo dei morti di Roskilde ("Love Boat Captain"), un singolo orecchiabile ("I Am Mine") e un'invettiva contro il presidente degli Stati Uniti ("Bu$hleaguer"). C'è poco da dire delle canzoni restanti, che paiono semplice riempitivo, con l'eccezione di "You Are", forse la più particolare tanto da ricordare quasi certe sonorità dei Depeche Mode. Qualcuno potrà apprezzare i soliti testi di Vedder, come al solito infarciti di richiami alle guerre, al sogno americano e al terrorismo.

Com'è possibile che i Pearl Jam non si accorgano della lenta eutanasia a cui stanno condannandosi, annacquando la loro discografia con questi dischi usa e getta? Che sia una forma di coraggio, in tempi così floridi di elettronica e di sperimentazione, continuare a imbracciare le chitarre e suonare qualcosa che si può definire soltanto "rock"? Quel che è certo è che i Pearl Jam hanno perso l'ispirazione, eppure seguitano, sempre con l'onestà e la sincerità che li contraddistingue, a proporre la loro musica, ricercando una maturità intellettuale che non può arrivare replicando pedissequamente (e malamente) le proprie origini, ma che necessiterebbe un forte atto di coraggio, magari senza ripararsi dietro al facile paravento dei testi controcorrente e degli "epici" riff di chitarra.

(04/11/2006)

  • Tracklist
  1. Can't Keep
  2. Save You
  3. Love Boat Captain
  4. Cropduster
  5. Ghost
  6. I Am Mine
  7. Thumbing My Way
  8. You Are
  9. Get Right
  10. Green Disease
  11. Help Help
  12. Bushleaguer
  13. 1/2 Full
  14. Arc
  15. All Or None
Pearl Jam su OndaRock
Recensioni

PEARL JAM

Let's Play Two

(2017 - Universal)
Danny Clinch torna a riprendere Vedder & C. fondendo musica (alt-)rock e passione sportiva

PEARL JAM

Lightning Bolt

(2013 - Monkeywrench / Universal)
La storica formazione di Seattlle taglia l'ambito traguardo del decimo album in studio

PEARL JAM

Twenty (dvd)

(2011 - Simon & Schuster)
Un documentario celebra i vent'anni dall'uscita di "Ten"

PEARL JAM

Backspacer

(2009 - Universal)
Fedele alla linea, il gruppo di Seattle ritorna con un nuovo album di canzoni già pronte per essere ..

PEARL JAM

Pearl Jam

(2006 - J Records / Sony - Bmg)

PEARL JAM

Ten

(1991 - Sony Epic)
In piena era grunge, esce il capolavoro della band di Vedder



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.