Nick Cave

Nocturama

2003 (Mute Records) | songwriter

"Nocturama", dodicesima tappa del percorso di Nick Cave affiancato dai fedeli Bad Seeds, non è un disco riuscito. O meglio non è un disco all'altezza dello standard cui Cave e i Bad Seeds ci hanno abituato fin dal primo "From Her to Eternity", anno 1984.

Nick Cave ha ormai raggiunto a pieno diritto lo status di "classico", forte di una sequela pressoché ininterrotta di capolavori, alcuni realmente epocali ("Tender Prey" e "The Good Son" sono forse il punto massimo raggiunto dalla canzone d'autore negli ultimi 20 anni) altri forse meno compiuti, ma sempre incredibilmente veri e sofferti (gli ultimi "Boatman's Call" e "No More Shall We Part"): pochissimi nella storia del rock sono paragonabili a lui quanto a capacità di arrivare nei recessi più profondi e dolorosi dell'animo, di saper "raccontare", non esorcizzare, ma solo esprimere i propri demoni interiori sotto forma di liriche e melodie di rara bellezza. Canzoni, quelle di Cave, in cui dolcezza e violenza, dannazione e catarsi si fondono e si mescolano in continuazione segnando un coinvolgimento emotivo che forse solo gente come Jim Morrison o Leonard Cohen hanno saputo esprimere con altrettanta perfezione.
A tutto questo si è aggiunto poi il valore musicale dei Bad Seeds, un "supergruppo" d'altri tempi, uno dei più grandi complessi di sempre: quale altra formazione può vantare musicisti poliedrici e raffinati come Mick Harvey, virtuosi come Warren Ellis, personaggi carismatici e geniali come Blixa Bargeld e Jim Sclavunos?

Eppure tutto ciò che ha reso già immortale l'opera di Cave e soci, in "Nocturama" si avverte a malapena. Registrato in una sola settimana negli studi di casa, i SingSing di Melbourne, con accanto Nick Launey il produttore dell'epoca dei Birthday Party, l'album vorrebbe essere, nelle intenzioni di Cave, il primo tassello di una trilogia che segnerà un ritorno alla semplicità musicale delle origini, senza quegli arrangiamenti ricercati e preziosi che caratterizzavano i suoi dischi da "Tender Prey" in poi.

Intento lodevole ma non supportato, almeno in questo caso, dal risultato finale. La fretta con cui il disco è stato concepito si sente tutta, come anche il ritrovato equilibrio interiore del cantautore australiano: il disco non ha la compattezza emotiva, prima ancora che musicale, del passato e praticamente ogni brano del Cave "pacificato" di questo album fa rimpiangere quei tormenti che avevano dato vita a tanti capolavori. Perché fino ad oggi ogni disco di Nick Cave conteneva almeno un capolavoro (e il più delle volte i brani erano quasi tutti, se non addirittura tutti, capolavori): "Nocturama", invece, non ne ha nemmeno uno, nessun pezzo spicca particolarmente. Tra le ballate nessuna è degna del suo repertorio abituale, la più riuscita è forse "Rock of Gibraltar": certo non "Bring It On", il primo singolo, quasi una canzone pop, gradevole ma debole e poco ispirata anche nell'uso dell'ospite Chris Bailey; e sono solo sporadici gli episodi che rispolverano la sua verve di narratore "maledetto" ("Dead Man in my Bed") o che danno modo ai Bad Seeds di sfoderare tutto il loro talento e il loro invidiabile affiatamento (la lunghissima jam finale "Babe I'm on Fire").

In sostanza: un passo falso, forse il primo vero passo falso della sua carriera, che oltretutto non fa ben sperare per il futuro perché, a detta di Cave, anche i prossimi lavori saranno sulla falsariga di questo. Resta a questo punto solo da sperare che il "bardo di Melbourne" riscopra, dentro di sé, che qualcuno dei suoi antichi demoni è ancora sveglio.

(27/10/2006)

  • Tracklist

1 Wonderful Life
2 He Wants You
3 Right Out of Your Hand
4 Bring It On
5 Dead Man in my Bed
6 Still In Love
7 There is a Town
8 Rock of Gibraltar
9 She Passed in my Window
10 Babe, I'm on Fire

Nick Cave & The Bad Seeds su OndaRock
Recensioni

NICK CAVE & THE BAD SEEDS

Push The Sky Away

(2013 - Mute)
Il nuovo disco del Re Inchiostro ci offre un rarefatto finale di storia

NICK CAVE & THE BAD SEEDS

Dig!!! Lazarus Dig!!!

(2008 - Emi)
Il bardo australiano risale la china, spalleggiato dai fidi Bad Seeds

NICK CAVE

The Good Son

(1990 - Mute)

NICK CAVE

The Firstborn Is Dead

(1985 - Mute)
La convergenza maledetta tra il bardo australiano e il mondo dei bluesman

Speciali

Nick Cave on web