Dirty Three

She Has No Strings Apollo

2003 (Tocuh & Go) | alt-rock

Dopo una sequenza di dischi straordinari, culminata nell'epico "Ocean Songs" e appena attenuata dal precedente "Lowlands", gli australiani Dirty Three sono diventati un "must" dell'indie rock. Le loro lunghe jam strumentali, intessute di folk, blues, jazz e rock psichedelico, hanno segnato alcuni dei momenti migliori del decennio Novanta. Lungi dal rimanere intrappolati nelle elucubrazioni cervellotiche di certo post-rock, Warren Ellis e compagni hanno sempre saputo tenere a mente il valore "emozionale" della musica: le loro composizioni, infatti, sono sempre state pervase da una vena crepuscolare vicina per certi versi a quella di un altro "visionario" doc della musica d'autore: Ennio Morricone.

"She Has No Strings Apollo" è un altro viaggio nella loro musica, sospesa tra malinconia e struggente lirismo. Lo spettro sonoro di Ellis e compagni abbraccia sia le romantiche pagine musicali che hanno contraddistinto i precedenti lavori, sia il blues-rock tipico delle ballate del repertorio di Nick Cave, che spesso accompagnano in tour. Si viaggia dunque tra noise e post-rock, blues e country, tradizione e modernità. Il violino amplificato di Ellis resta lo strumento principe, ma tra sovraincisioni e missaggio, perde forse la nitidezza melodica che lo aveva contraddistinto in passato. Così a prendere il sopravvento sono spesso la batteria free di Jim White e la chitarra ipnotica di Mick Turner, che si destreggia tra virtuosismi jazz e impennate stile punk (Turner è anche l'autore delle copertine dei dischi: suggestive trasposizioni figurative dei loro pezzi in poche pennellate, dense di colore, che si mescolano fin quasi a confondersi).

"She Has No Strings Apollo" è soprattutto un saggio dell'affiatamento raggiunto dai Dirty Three, che però – ed è questa la nota negativa - suonano sempre più uguali a sé stessi. Ascoltare per credere "Sister Let Them Try And Follow", che sembra quasi una traccia scartata dalle session dei precedenti album o "Alice Wading", con il lento "pizzicato" di Turner a precedere la sfuriata ritmica di White: un rituale che, per quanto ipnotico, suona irrimediabilmente dejà vu. La quiete elegiaca di "Long Way To Go With No Punch", con il bel piano di Ellis in evidenza, segna invece uno dei momenti più suggestivi e originali, così come "No Stranger Than That", che ricalca lo stesso canovaccio sonoro di "Alice Wading", ma riservando qualche emozione in più. E' semmai nello sconfinamento in ambiti più rock di "Rude", deturpata dalle dissonanze di violino di Ellis e dalla chitarra stridente di Turner, che si possono ricercare le nuove frontiere della band. Ma, in definitiva, sono soprattutto gli otto minuti della lunga e vibrante suite di "She Has No Strings" a ricordarci davvero a quali vette sonore possano arrivare Ellis e soci.

Gli elementi che hanno reso grande la musica dei Dirty Three sono ancora tutti presenti, ma sembra che non riescano più ad amalgamarsi come un tempo. Quasi a dimostrare che anche una band strumentale, a volte, può perdere la propria "voce". Al di là dell'indubbia bravura dei tre e dell'intatta eleganza del loro sound, insomma, si ha l'impressione che l'onda magica delle "canzoni dell'Oceano" sia ormai in fase di risacca.

(27/10/2006)



  • Tracklist

1 Alicewading
2 She has no strings
3 Long way to go with no punch
4 No stranger than that
5 Sister let them try and follow
6 She lifted the net
7 Rude (and then some slight return)

Dirty Three su OndaRock
Recensioni

DIRTY THREE

Toward The Low Sun

(2012 - Drag City)
Il ritorno al passato della band australiana, a sette anni dall'ultimo "Cinder"

DIRTY THREE

Ocean Songs

(1998 - Bella Union)
Uno dei più visionari e commoventi lavori post-rock, firmato dal trio australiano

Dirty Three on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.