Tuxedomoon

Cabin In The Sky

2004 (Crammed Disc) | avant-rock

Ho già avuto modo di dirlo, per me i Tuxedomoon sono il miglior gruppo degli anni 80. Un sound inconfondibile, clamorosamente mitteleuropeo, uno stile che ha fatto scuola oscillante tra geometrie new wave e dilatazioni cameristiche, tra pop traviato e rigore classico, tra cabaret e inquietudine, tra la Berlino di Weimar e la New York del delirio urbano. Stilemi precostituiti certo, ma che hanno lasciato una musica che è stata ricercata senza venir mai meno al suo carattere e al suo linguaggio rock, colta senza mai essere fuori dal tempo, anzi, paradigma della cultura rock del tempo.

A chi per distrazione o per età non li conoscesse: c'è solo l'imbarazzo della scelta tra “Half Mute”, “Desire”, “Suite En Sous Sol”, “Holy Wars”, “The Ghost Sonata”. Dopo il camerismo dell'ultima produzione, all'inizio dei 90 un lungo silenzio, poi 2 anni fa uno splendido doppio dal vivo, in formazione a tre senza ritmica, registrato in Russia. Ed ecco “Cabin In The Sky”. Per me restano il miglior gruppo degli anni 80 e tra i migliori degli ultimi 25 anni. Ma allora perché non volevo comprarlo? Premonizione? Istinto? Poi le stimolazioni di un amico, alcune buone recensioni in rete, il nome mi rigira in testa… il cd è pure in digipack... ed ecco che procedo all'acquisto. Lo ascolto 2 volte , poi 3,4,5 volte. Bisogna fidarsi dell'istinto, ma andiamo per ordine. Formazione originale con Steven Brown, Blaine Reininger e Peter Principle con in più due vecchie conoscenze come Luc Van Lieshout e Bruce Geduldig, collaborazioni, tra gli altri, di Tarwater e John McEntire. Tredici brani.

"A Home Away" parte con un giro di basso fin troppo tipico del gruppo, poi la voce viaggia cadenzata tra il volteggiare del sax. Sembra un pezzo di "You", i Tuxedo sono tornati a casa. "Baron Brown" è un pezzo sulla stessa lunghezza d'onda, ma più articolato, con belle aperture di clarinetto e violino, piuttosto orecchiabile per quanto questo termine possa applicarsi ai gruppo. Sembrano aver abbandonato la musica da camera dell'ultimo periodo, al momento discreti pezzi, ma latita un po’ l'emozione. Colpo di coda con "Annuncialto", 5 minuti strumentali con un pianoforte liquido alla Harold Budd che galleggia indolente in uno stagno di rumori elettronici, ancorato al suolo da un ineluttabile giro di basso, con malinconiche aperture di clarinetto e di fisarmonica (probabilmente una tastiera settata).

Non facciamo in tempo a dire "bello" che parte "Diario di un egoista", base campionata e melodia inconsistente, in un brano di una bruttezza imbarazzante, e non solo per il ridicolo cantato di Reininger. Proseguiamo con "La più bella", che gode di una reprise successiva. Volutamente vi evito la descrizione. Forse è l'età e mi sto rincoglionendo, ma l'ho trovato, per qualche strana traiettoria emotiva, assolutamente toccante. Nello strumentale "Cagli Five-O" si prova la strada di uno space-jazz atmosferico senza infamia, ma anche poco memorabile.

Nella successiva "Here 'Till X-Mas" collabora tale DJ Hell, e ciò prevedibilmente annuncia un brano inutile, cantato in tono da cabaret e distrutto dalla solita ritmica sintetica da DJ in crisi da personalità ipertrofica. Ai miei tempi, i dj li mettevano, i dischi, mica li facevano… poi qualcuno ha detto che sono artisti e loro lo ci hanno creduto. Ma realmente i Tuxedo avevano bisogno di collaborazioni di tal fatta? Che sia un segno di crisi? Poi "Chinese Mike", strumentale in stile Nu-jazz, con un bel finale con inedita chitarra acustica che accompagna un meditabondo sax, ci risolleva, come del resto "La Più Bella (Reprise)", che viene subito dopo. "The Island" è praticamente un'introduzione ambientale a "Misty Blue", con Steven Brown che canta quasi da crooner in un brano magari non intensissimo, ma molto piacevole nel suo disimpegno.
Sul finale "Luther Blisset", con John McEntire al mix (sigh!), è da decidere se è peggio il brano o era peggio il centravanti del Milan (si, lo so, c'è anche il libro ecc..., ma trovo più affascinante sia dedicato a quel simpatico bidone), un pasticcio danzereccio indegno, appena appena salvato da ricercati inserti strumentali. Chiude una ripresa di "Annuncialto".

Che dire? Alti e bassi. Indubbiamente riuscito il tentativo di fare un disco in cui risaltassero elementi nuovi nel contesto formale tipico del gruppo, e non mancano pezzi anche riusciti, inoltre il sound appare tutt'altro che sorpassato, in tal senso i Tuxedomoon sono da considerare un gruppo invecchiato bene. Ma noi siamo irriducibili e queste considerazioni le lasciamo ai fini strateghi e agli esegeti, non potendo fare a meno di rilevare alcuni brani scadenti e altri salvati dal mestiere più che dall'ispirazione. In mezzo, pochi acuti. Alti e bassi, appunto. Molti bassi. Troppi. Troppi per un disco del miglior gruppo degli anni 80.

(12/12/2006)

  • Tracklist

1. A Home Away
2. Baron Brown
3. Annuncialto
4. Diario Di Un Egoista
5. La Più Bella
6. Gagu Five-O
7. Here 'til X-Mas
8. Chinese Mike
9. La Più Bella (Reprise)
10. The Island
11. Misty Blue
12. Luther Blisset
13. Annuncialto Redux

Tuxedomoon su OndaRock
Recensioni

TUXEDOMOON

Pink Narcissus

(2014 - Crammed Discs)
Gli alfieri della sperimentazione new wave tornano con un nuovo omaggio al cinema d'autore underground ..

TUXEDOMOON

Desire

(1981 - Ralph)
L'anello di congiunzione definitivo tra avanguardia e synth-pop nel visionario teatro dell'assurdo di ..

TUXEDOMOON

Half-Mute

(1980 - Ralph)
Il diabolico teatro avant-wave della formazione americana

News
Live Report
Speciali

Tuxedomoon on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.