Bellini

Small Stones

2005 (Temporary Residence) | noise-rock

Diciamolo subito: "Small Stones" rischia di costituire il miglior capitolo della coppia Tilotta-Cacciola, Uzeda compresi, e non è poco, visto quanto di mirabile prodotto in precedenza. Rocambolesca la storia dei Bellini; registrato l'album "Snowing Sun", nel 2002 sono in tour tra Italia e Stati Uniti, allorché, durante un concerto in quel di Athens, vengono improvvisamente abbandonati dal batterista Demon Che (proveniente dai Don Caballero). Per non parlare delle date cancellate in diverse città, causa danni arrecati dall'uragano Lily.

Ce ne sarebbe per giustificare un crollo artistico, ma i nostri non si perdono d'animo e reclutano il batterista Alexis Fleisig, già Girls Against Boys e Soulside, che diviene a tutti gli effetti membro della band. Siamo ai giorni nostri, di nuovo Steve Albini dietro la console e questo "Small Stones" in dieci rigagnoli lavici di poesia rumoristica. E ritroviamo i Bellini in grandissima forma, con un suono più rotondo e bluesy, una maggiore attenzione alle melodie e alla composizione, come dimostra la stupenda elegia noise "The Exact Distance To The Stars", spettacolo di sensualità su carta vetrata. Ma quante gentili ruvidezze anche nella traccia iniziale, "Room Number Five", dove il suono delle chitarre da angolare diviene rotondo, quasi soffice, pur nella sua furiosa natura.

Il batterismo di Fleisig riesce a essere freddo e metronomico nel suo incedere; ascoltare "Chaser" per credere, questa sì perfetto noise albiniano, prima trattenuto, poi debordante in un cambio di ritmo micidiale, interamente giocato su una serrata dialettica basso-batteria. E ancora un campo di battaglia per guerrieri sonici in "The Buffalo Song", mentre "Not Any Man" è una zoppicante ballata a tinte noir che ripiega su se stessa all'infinito, senza mai esplodere; i Three Mile Pilot ringrazieranno. Pochi gruppi noise possono oggi vantare un capacità comunicativa tale. I Bellini stanno tentando di umanizzare il rumore.
  • Tracklist
1. Room number five
2. Fuck the mobile phone
3. The exact distance to the stars
4. The buffalo song
5. Not any man
6. Chaser
7. Smiling fear
8. The switched lovers
9. Raymond
10. Agatha
Bellini su OndaRock
Recensioni

BELLINI

Before The Day Has Gone

(2018 - Temporary Residence)
Il fiammante ritorno della formazione italo-americana

BELLINI

The Precious Prize of Gravity

(2009 - Temporary Residence)
La nuova, pruriginosa collezione di Cacciola e consorti

Bellini on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.