Black Mountain

Black Mountain

2005 (Jagjaguwar) | alt-rock

Il Canada musicale di oggi è un paese che guarda avanti, che cerca di definire un nuovo tipo di pop (Broken Social Scene, Arcade Fire, Decemberists) o si avventura in destrutturazioni e cazzeggio (ancora i Broken Social Scene, i Godspeed You! Black Emperor e derivati). E' insomma un paese che spinge lo sguardo al futuro, alla ricerca di una propria identità musicale a lungo sommersa dall'ingombrante vicino di casa americano. In mezzo a tutto ciò, c'è ancora qualcuno che guarda indietro, che rispolvera i vinili dei padri, che si tuffa nel passato con nostalgia. E' questo il caso dei cinque Black Mountain, nuovo progetto del cantante/cantautore Stephen McBean, dopo i Jerk With a Bomb e i Pink Mountaintops. A guardarli in foto sembrano dei capelloni hippie residenti a San Francisco con tanta voglia di suonare nel garage sottocasa estenuanti jam chitarristiche, con in testa Grateful Dead e Jefferson Airplane. E non si andrebbe nemmeno troppo lontano dalla realtà della loro proposta musicale, a patto che si contamini il tutto con un po' di hard-rock alla Led Zeppelin (sarà un caso la scelta del nome?), un po' di rock-blues rollingstoniano e i soliti Velvet Underground. Nulla di nuovo dunque, ma nemmeno di recente, sempre che non ci si lasci abbagliare da certi echi stoner; ma anche qui, basta tirar fuori dal cilindro dei nomi Sixties/Seventies i Black Sabbath, per ritrovarsi di nuovo nel più classico del roots-rock.

In questo pastiche di suoni, ecco allora che emerge il trait d'union del disco: musica psichedelica mischiata al rock-blues con il fantasma dei Velvet Underground. Con questi ultimi veri guru ispiratori: vuoi per il divincolarsi tra episodi acustici ed elettrici, vuoi per lo sconfinamento nell'avanguardia (l'improvvisazione "free" del sassofono in "No Hits", come anche nell'iniziale "Modern Music") o per quella voce femminile di Amber Webber, che viaggia tra il lirismo di Nico e l'atonalità di Heather Lewis dei Beat Happening.

E' a fine album, con le conclusive "Heart of Snow" e "Faulty Times", che la Webber riesce a ritagliarsi uno suo spazio di più ampio respiro: nella prima accarezza una melodia rallentatissima in puro stile slow-core, mentre nella seconda si diverte a giocare a due voci con McBean. Tra gli otto brani che si dividono i 50 minuti dell'album, "Modern Music" palesa quanto i White Stripes siano derivativi, "Set Us Free" (gioiellino del disco) è un viaggio lisergico nella California sixties con il fiore tra i capelli. La zeppeliniana "Druganaut" anticipa l'omaggio, nemmeno tanto velato, ai Rolling Stones con "No Satisfaction". E poi, spazio a "Don't Run Our Hearts" (con riff sabbathiano pre-stoner) che sembra uscire dall'album di PJ Harvey prodotto da Steve Albini. "No Hits" è, infine, il brano che più si spinge oltre, lambendo territori completamente estranei al resto del disco: basi elettroniche, brusche incursioni di sassofono e aperture ambient (?!).

Ci vogliono giusto un paio di ascolti, per capire che si tratta di un album godibilissimo. Certo non ci si trova nulla di nuovo e di innovativo, e il loro revival di psichedelica/hard rock/rock blues è già dei Comets On Fire (giusto per citare un gruppo per certi versi simile), ma l'esordio dei Black Mountain non pretende di essere originale.

(26/03/2012)

  • Tracklist
  1. Modern Music
  2. Don't Run Our Hearts Around
  3. Druganaut
  4. No Satisfaction
  5. Set Us Free
  6. No Hits
  7. Heart of Snow
  8. Faulty Times
Black Mountain su OndaRock
Recensioni

BLACK MOUNTAIN

IV

(2016 - Jagjaguwar)
Il quintetto canadese si conferma fra i migliori al mondo nel campo dell'hard-rock psichedelico

BLACK MOUNTAIN

Year Zero O.S.T.

(2012 - Jagjaguwar)
Una colonna sonora firmata dai maestri del neo psych-rock, con quattro brani già pubblicati e ..

BLACK MOUNTAIN

Wilderness Heart

(2010 - Jagjaguwar)
La band canadese indulge ancora nelle sue atmosfere da rock vintage

BLACK MOUNTAIN

In The Future

(2008 - Jagjaguwar)
L'attesissimo ritorno della compagine canadese

News
Live Report
Black Mountain on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.