Deerhoof

The Runners Four

2005 (Kill Rock Stars) | avant-pop

Nel libretto apribile a poster di "The Runners Four" trovano spazio trentasei figure, nove delle quali campeggiano in copertina. Si tratta di immagini ritagliate, isolate dal contesto originario e quindi riunite simmetricamente. Tra queste - per esempio - ritroviamo una nuvola, un ananas, un cappello, una palla di neve e una tazza. Scelta grafica quanto mai appropriata, essendo la giustapposizione di elementi diversi una delle caratteristiche principali di questo disco.

L'ingrediente più saporito, quello che cattura dal primo ascolto, è la tipica voce sognante di Satomi Matsuzaki, frontwoman e bassista giapponese del quartetto californiano. Ascoltatela procedere eterea in canzoni come "Running Thoughts" o "Vivid Cheek Love Song", seguitela nei delicati recitati e nei crescendo di "Wrong Time Capsule", la ritroverete subito dopo a livellare le asperità sintetiche di "Spirit Ditties of No Tone", pezzo magnifico dall'incedere intrigante alla Snakefinger.

L'altro polo principale di attrazione è la batteria di Greg Saunier, spesso protagonista - quando Satomi glielo permette - con il proprio drumming deciso, essenziale, continuamente impegnato in fermate, ripartenze e cambi di ritmo. E' lui a staccare e contribuire, con mirati e trascinanti siparietti, in ognuna delle venti tracce e ad assaltarci in "Scream Team" o in "Twin Killers", travolgente e obliqua filastrocca che Greg inietta di energia. Completano il quadretto delle allegre diversità di casa Deerhoof bassi e chitarre tirate a lucido e synth beffardi.

L'epica "Siriustar" è forse la perfetta sintesi delle diverse peculiarità esposte sinora: riff feroce della chitarra di Dieterich, in uno dei rari momenti di visibilità, voce onirica della Matsuzaki, sfuriate elettriche e batteria scatenata a chiudere il cerchio. Pur con tali premesse, in un disco fondamentalmente pop - almeno nei risultati - come questo, non sorprende trovarsi tra le mani una delicata e introspettiva canzone d'amore, "Odyssey", compatta e limpida oltre ogni aspettativa, la meditativa e dolce "Lemon And Little Lemon" (dove ci si convince definitivamente che Satomi e Laetitia Sadier abbiano lo stesso patrimonio genetico) e la soffusa finto-bucolica "Bone-Dry". Non mancano jingle (su tutti, la già citata "Twin Killers" e "Spy On You") né inni (la scatenata "O'Malley, Former Underdog").

"The Runners Four" è in sostanza un compendio di filastrocche sognanti e motivetti pop continuamente interrotti e deviati da una irrefrenabile batteria. I Deerhoof suonano in questo disco come degli Stereolab mutanti nei quali impeto ritmico e carica melodica vengano scissi e alternati, amplificando ora caricaturalmente il primo e deviando poi verso la nenia weird la seconda. E' infine un album insolitamente lungo per lo standard dei Deerhoof: anche se i cinquantasei minuti di "The Runners Four" non rappresentano certamente una durata eccessiva, tutti i loro lavori precedenti si fermavano, al massimo, poco oltre la metà.
Apprezzamento particolare per la produzione chiara e ben aderente allo spirito del disco, che enfatizza i diversi aspetti dell'album esaltandone di volta in volta dettagli significativi, negoziando così tra le anime del gruppo nel tentativo, probabilmente riuscito, di ottenere un risultato finale maggiore della somma della parti che lo compongono.
  • Tracklist
1. Chatterboxes
2. Twin Killers
3. Running Thoughts
4. Vivid Cheek Love Song
5. O'Malley, Former Underdog
6. Odyssey
7. Wrong Time Capsule
8. Spirit Ditties of No Tone
9. Scream Team
10. You Can See
11. Midnight Bicycle Mystery
12. After Me the Deluge
13. Siriustar
14. Lemon & Little Lemon
15. Lightening Rod, Run
16. Bone-Dry
17. News from a Bird
18. Spy on You
19. You're Our Two
20. RRRRRRRight
Deerhoof su OndaRock
Recensioni

DEERHOOF

Deerhoof vs. Evil

(2011 - Polyvinyl)
Il nuovo vaso di Pandora del quartetto americano

DEERHOOF

Offend Maggie

(2008 - Kill Rock Stars)

Il quartetto americano completa la sua evoluzione pop

DEERHOOF

Friend Opportunity

(2007 - Kill Rock Stars)
L'avant-pop della band di San Francisco sulla strada della normalizzazione

DEERHOOF

Milk Man

(2004 - All Tomorrow's Parties)

News
Deerhoof on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.