Fantomas

Suspended Animation

2005 (Ipecac) | avantgarde

Recensire l'ultimo lavoro dei Fantômas è un po' come riflettere sulla propria vita, discernendone brevemente tutti i momenti, soprattutto quelli più strani. Il risultato sarà probabilmente una sequela disorganica di polaroid mosse e leggermente sfocate, che accennano, rimandano a un progetto più grande, più esteso. Registrato durante le medesime, vaneggianti sessioni di "Delirium Cordia", "Suspended Animation" ne rappresenta ambiguamente una sorta di parte seconda, assolutamente dissonante e tuttavia complementare, in virtù di un dissacrante, più che mai sperimentale humus narrativo. Se in "Delirium Cordia" la continuità, reale o presunta, sembrava essere l'elemento omogeneizzante, qui una spasmodica, violenta, a tratti stridente frammentarietà converge nel tema predominante del disco: una follia disunita e fugace. Appena delineata, come le polaroid di prima. La sinistra e lunghissima suite precedente, gravida di oscuri presagi e di una moltitudine di entità grottesche, appare come un pallido ricordo.

Nelle sue trenta tracce, il disco rivela una natura scanzonata e goliardica, condita massicciamente, e talvolta pedissequamente sostenuta, da un umorismo nero. E' facile raffigurarsi la band suonare in una nuova ala dell'Arkham Asylum, davanti un pubblico di buffi personaggi alla Looney Tunes, ma che sanguinano. Il tessuto sonoro spezzato di cui si parlava all'inizio, che può determinare in molti casi un bizzarro senso di distacco nonché una preventiva e plausibile refrattarietà, si trasforma, ascolto dopo ascolto, nella prerogativa essenziale dell'intero lavoro, e nella sua forza più grande. Solo grazie al disordine e alla precarietà del momento, Patton scorge la coerenza del suo personalissimo percorso sonoro. E' questa, in pratica, la chiave di volta del disco.

Ritmata dalla quotidianità di un mese mai così ricco di festività (alcune vere, altre probabilmente inventate, a meno che, naturalmente, negli States si celebri il giorno dell'Eight Track Tape), l'ultima opera dei Fantômas assomiglia ai "Books Of Blood" di Barker: ugualmente schizofrenica e rumorosa in qualunque punto si decida di analizzarla (poche sono infatti le differenze tra giovedì sette e domenica ventiquattro). Decisamente più heavy che avant-garde in alcuni istanti (merito di un Dave Lombardo mai così libero di manifestare il proprio retaggio slayeriano), costellato dai maestosi riff deflagranti di King Buzzo (forse un po' sacrificato nei precedenti dischi dell'ensemble) e condensato dall'amalgama sonora del sempre più geniale Trevor Dunn, l'album si snoda in una miriade di microtracce estemporanee (raramente infatti superano la soglia dei due minuti), ora vagamente ambient, ora convulsamente metal.

Ma i riferimenti e le citazioni che Patton si diverte a inserire trascendono i generi, ed ecco fare capolino urla di ogni tipo, filastrocche irriverenti, transitori jingle di videogiochi (ho identificato l'opening theme di "Yoshi & Friends", misconosciuto platform per GameBoy di qualche anno fa), incipit di seriose colonne sonore (espliciti sono i richiami all'opera di Angelo Badalamenti e all'immaginario oscuro di David Lynch), gorgoglii, suoni gutturali alla Lovecraft, estatici coretti, classici gong di chiusura, omini dalle voci stridule che salutano continuamente, gommosi martelli che picchiano teste (di gomma) e chiaramente gli ormai familiari sussurri e tintinnii che l'ex Faith No More utilizza a profusione. Anche negli episodi più dilatati (invero abbastanza rari e comunque obbedienti all'interruzione), si avverte il senso di sospensione (appunto), di incompiutezza, di sistematica rottura con la parola "canzone" che i Fantômas si (ri)promettono di demolire.

Ne deriva in effetti, come dicevamo, una deleteria percezione di smarrimento, che in ultima analisi, si candida quale aspetto meno convincente dell'album, sebbene frutto di una precisa scelta. Se "The Director's Cut" aveva svelato la passione di Patton per il cinema, "Suspended Animation" esalta il sapore dolciastro del mondo dell'entertainment infantile, soggiogandolo però a una dimensione assurda e stravagante, come una recita scolastica per bambini un po' pazzi che decidono di mettere in scena un cruento grand guignol. A supportare tale idea, il curatissimo artwork dell'album, ad opera del maestro di Hirosaki, Yoshitomo Nara, l'artista che con i suoi enfants terribles, ha saputo esportare meglio di tutti la pop-art nipponica negli anni Novanta. Questo quarto lavoro dei Fantômas (o quinto, se si considera il team-up con i Melvins), soddisferà non poco i feticisti del booklet: le smitizzanti illustrazioni di Nara sono le immagini di una sorta di calendario da tavolo (con tanto di tratteggi per le pieghe).

Trenta come i giorni di aprile, e i pezzi dell'album. Naturalmente, non esistono (apparenti) connotazioni di alcun genere tra l'illustrazione, la festività relativa e la traccia. L'intero spettro sonoro di "Suspended Animation" galleggia trillando di moncherini tutto sommato consci della propria menomazione, come stralunati cartoni animati consapevoli della propria, irreversibile inadempienza alla realtà.

(14/09/2017)

  • Tracklist

1. 01/04/2005 Friday
2. 02/04/2005 Saturday
3. 03/04/2005 Sunday
4. 04/04/2005 Monday
5. 05/04/2005 Tuesday
6. 06/04/2005 Wednesday
7. 07/04/2005 Thursday
8. 08/04/2005 Friday
9. 09/04/2005 Saturday
10. 10/04/2005 Sunday
11. 11/04/2005 Monday
12. 12/04/2005 Tuesday
13. 13/04/2005 Wednesday
14. 14/04/2005 Thursday
15. 15/04/2005 Friday
16. 16/04/2005 Saturday
17. 17/04/2005 Sunday
18. 18/04/2005 Monday
19. 19/04/2005 Tuesday
20. 20/04/2005 Wednesday
21. 21/04/2005 Thursday
22. 22/04/2005 Friday
23. 23/04/2005 Saturday
24. 24/04/2005 Sunday
25. 25/04/2005 Monday
26. 26/04/2005 Tuesday
27. 27/04/2005 Wednesday
28. 28/04/2005 Thursday
29. 29/04/2005 Friday
30. 30/04/2005 Saturday

Fantomas su OndaRock
Recensioni

FANTOMAS

Delirium Cordia

(2004 - Ipecac Recordings)

Fantomas on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.