Melodium

La Tete Qui Flotte

2005 (Autres Directions In Music) | indietronica

Amore a prima vista. Scovato per caso, questo fiorellino lucente rapisce completamente. Lui si chiama Laurent Girard e sotto questo stesso acronimo ha già pubblicato ben quattro album. Un mondo sconosciuto e misterioso, impaziente di essere esplorato.
Che cos'è? Indie-folk , glitch , scomposizioni digitali, xilofoni tintinnanti, alcune fisarmoniche scordate che emanano note amatoriali, calde, rassicuranti... Una sorta di musica ballabile, ma calma e pacata, le note di chitarra si sovrastano a vicenda, componendo un'atmosfera autunnale, i battiti spezzano il clima di pace. Si sentono echi dei Mùm e del folletto Flim, lamenti di un folk sanguinoso, sperimentazioni acustiche, praline di ritmo colorato.

L’ascolto in ciclo è quasi obbligatorio, tanto l’album è attraente: canzoni dall'approccio amatoriale, suoni giocattolosi e tenui, una elettronica mai così infantile, vocine che rimbalzano come una pallina di gomma, su un soffitto infinito... Un accordo di chitarra sa lasciarsi ammorbare da un pattern elettronico perfetto e contagioso ("Hellomusic"), una canzoncina borbottante e stellare gonfia il cuore d'amore ("Les Psychotropes Sont Mes Amis, Puis Mes Ennemis..."), un piccolo sibilo metallico è il contorno per un canto spastico e scomposto, il ballo in una notte malinconica, l'inizio (e la fine) di una storia ("Se Rayer Provisoirement De La Liste Des Vivants").

"Kill Me With A Smile" è forse il pezzo simbolo del disco, tanto è compiuto. Un ritmo semplicemente bello, un groove magicamente trascinante. Alcuni bleep se ne vanno per le stelle, altri rimangono ad altezze raggiungibili, una chitarra si introduce sorniona, e piano piano cresce di tono, un drone è facilmente riconoscibile. E poi la voce. La voce di un robot sofferente, parole confuse e incomprensibili. Attimi di pura bellezza indie-tronica . "Emptykuerten" è più oscura e meno diretta: suoni freddi e discordanti si scontrano a vicenda, un arco è un oblio di oscurità, stomp sono pressurizzati e rimbombanti, finché l'anima elettronica sparisce e rimangono scheletri acustici, in un complesso ammaliante ma ombroso. Il piano, sul finire, ci lascia un pattern che pare rugiada mattutina, dai colori trasparenti.
Un racconto ballerino, uno strimpellare dilungato, una voce malata ("Le Creux Est Ma Matière Première"), proiettili digitali, per una guerra fra folletti robotici ("L’Attachement Aux Symptômes"), una pioggia che cade e lo xilofono che ricopre il rumore incessante, una ambient-music movimentata e mai così espressiva ("Mon Baromètre Mental"). Rumorini scricchiolanti, schiocchi ferrosi, note di piano gelide, sdruciture taglienti in "Interlude Pour Dépressifs".

"Gamm-recomposé" è un giochino pericoloso, fra una drum-machine saltellante e una fisarmonica docile, vocine dispettose sputano frasi immediate, un gruppo di fiati elevano il pezzo alla soglia delle perfezione. Emozioni a non finire. Piccoli fantasmi urlanti (i drone ), uno strumento starnazza volenteroso (la chitarra), qualcuno sbatte e scoppia ( drum-machine ), l'altro si lamenta dolorante (un synth): "Marcher A L’Envers Dans Nantes-Atlantique" è una stanza arredata e saturata da questi eventi. Le tinte sono tenui e la sinfonia suona solitaria. Seguono i rumori di una quotidianetà frenetica e caotica ("Greg Davis > Craig David"), una piccola perla sognante, con la voce di un bimbo di tre anni ("La Chanson De Laïs-Salomé"), e un folk composto con il cuore ("La Fin De Tout"). Conclude il disco un altro capolavoro di spumeggiante elettronica, fra una chitarra scanzonata e un flauto che più solare di così non si può ("La Vie Est Plus Belle Depuis...").

Queste canzoncine possono essere un caldo letto per il cuore e un ambiente accogliente per le orecchie, un ricovero per una delusione, una conferma se c'è un amore da coltivare.

(26/03/2006)

  • Tracklist

1. Hellomusic
2. Les Psychotropes Sont Mes Amis, Puis Mes Ennemis...
3. Se Rayer Provisoirement De La Liste Des Vivants
4. Kill Me With A Smile
5. Emptykuerten
6. Le Creux Est Ma Matière Première
7. L'Attachement Aux Symptômes
8. Mon Baromètre Mental
9. Interlude Pour Dépressifs
10. Gamm-recomposé
11. Marcher A L'Envers Dans Nantes-Atlantique
12. Greg Davis > Craig David
13. La Chanson De Laïs-Salomé
14. La Fin De Tout
15. La Vie Est Plus Belle Depuis...

Melodium su OndaRock
Recensioni

MELODIUM

Coloribus

(2011 - Abandon Building)
Venti brevi frammenti semilavorati nell'ennesimo disco di Laurent Girard

MELODIUM

Palimpse

(2010 - Symbolic Interaction)
L'ulteriore passo di Laurent Girard verso liquide densità folktroniche

MELODIUM

My Mind Is Falling To Pieces

(2008 - Arbouse)
La transizione di Girard verso il cantautorato folktronico

MELODIUM

Cerebro Spin

(2008 - Audio Dregs)
La "folktronica" di Laurent Girard, alla sua undicesima prova

MELODIUM

There Is Something In The Universe

(2006 - Disasters By Choice)

Melodium on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.