Marco Parente

Neve Ridens [parte 1]

2005 (Mescal) | pop

Marco Parente è il meno banale e più sorprendente dei cantautori italiani degli ultimi anni, e l'uscita di "Neve Ridens" - primo atto di una dilogia il cui secondo capitolo è previsto per febbraio 2006 - non poteva che essere atteso con morbosa curiosità.
Dopo l'eclettico "TrasParente" (2002), che ha portato l'artista in giro per l'Italia attraverso concerti che spaziavano dall'intimismo di una chitarra acustica alla grandezza di un'orchestra (esperienza poi documentata nel disco dal vivo "L'attuale Jungla" del 2004), per il suo nuovo lavoro Parente si è trovato di fronte a un bivio pericoloso: la pomposità di un numero imprecisato di strumenti o il ritorno ad arrangiamenti più sobri.
La strada imboccata sembra quella giusta: con il suo semplice, solito quintetto, Parente riesce a mantenere la rotta e a confezionare un disco che può considerarsi il definitivo perfezionamento dei suoi lavori precedenti.

Chi conosce bene Parente immagina da subito che l'iniziale "Wake Up" non può certo essere un semplice augurio di buongiorno: questa perla ipnotica di pianoforte e chitarra è un invito a svegliarsi, a non vivere come zombie informi e uniformati dalle regole del consumismo.
"Amore o governo" rispecchia molto bene il caos dell'attuale situazione politica internazionale, e la musica asseconda questo senso di confusione con arrangiamenti limpidi, rassegnati e nervosi.
L'energico "Il posto delle fragole" - che, almeno per ambientazioni, poco sembra aver a che fare con l'omonimo film di Bergman - è il singolo, nel senso che è una canzone distante e a sé all'interno nel disco.
Torniamo ad atmosfere più dense, tranquille e strettamente personali con "Un Tempio", che vive sulle vibrazioni del mellotron e i ricami del banjo, con un ritornello ricavato da "Chiediavrai", il brano già presente nel singolo "La mia rivoluzione" del 2002.
"Lampi sul petto" è una canzone eclettica, imprevedibile ed elegante: un classico à la Parente.
Un titolo come "Io aeroporto" potrebbe lasciar immaginare una canzone rumorosa e isterica; l'atmosfera trasmette invece sensazioni di perdita e smarrimento.
Parente si isola quindi nella toilette dell'aeroporto per interrogarsi come un moderno Amleto in "Colpo di Specchio", brano intenso e profondo che svela anche le ragioni dell'inquietante titolo del disco.
La conclusione di questa prima parte del progetto è affidata alla "Trilogia del sorriso animale III", la stele che spiega la scelta del nome per un progetto dai titoli che si completano e, allo stesso tempo, si annullano a vicenda.
Il finale, quasi tronco, ci lascia lì, col fiato sospeso, forse fino a febbraio.
Un disco meraviglioso.

(12/03/2011)

  • Tracklist
  1. Wake Up
  2. Amore o governo
  3. Il posto delle fragole
  4. Un tempio
  5. Lampi sul tetto
  6. Io aeroporto
  7. Colpo di specchio
  8. Trilogia del sorriso animale III
Marco Parente su OndaRock
Recensioni

MARCO PARENTE

La riproduzione dei fiori

(2011 - Woland)
Dopo la parentesi con Benvegnù, prosegue il percorso virtuoso di uno degli artisti più ..



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.