Queenadreena

The Butcher And The Butterfly

2005 (One Little Indian) | grunge

Possiamo tranquillamente dire che Katie Jane Garside è l'unica sopravvissuta del movimento delle riot grrrls. Quindici anni dopo l'esplosione del fenomeno, proprio mentre Courney Love passa da una clinica per disintossicarsi a una clinica per siliconarsi e Kat Bjelland serve da bere ai banchetti di nozze per sbarcare il lunario, Katie Jane Garside (che aveva lasciato i Daisy Chainsaw nel 1991, subito dopo aver pubblicato quel capolavoro di disco che rimane "Eleventeen" condannando poi il gruppo alla mediocrità) chiama a raccolta il resto dei Queenadreena e fa uscire un nuovo, devastante lavoro.

"The Butcher and the Butterfly" è un disco dove ogni singola nota spurga sangue, sudore, violenza, ossessione, rabbia e seduzione, sensualità e paure, aggressività e passione.
Per quanto possa essere distorta la musica, il suono è limpido e ogni singolo strumento rimane al suo posto, senza mai "impastare" il proprio suono con quello di un altro. La produzione di Paul Corkett (già stimato collaboratore di Cure, Nick Cave, Timo Maas e Placebo, solo per citarne alcuni) certo non poteva che essere ottima.

Katie Jane gioca con la propria sensualità, la propria femminilità e ci stuzzica pericolosamente da subito dove in "Suck" (titolo più che esplicito) cantilena come una bimba. Poi ci spintona in "Medicine Jar" (che, grazie ai passaggi radiofonici sta già diventando un piccolo inno generazionale) e fa un passo indietro per guardarci a terra in "Ascendine Stars". Si riavvicina minacciosa in "Join The Dots", canzone che, visti i precedenti brani e con "Subway Song" dei Cure e "Pyromane" dei Noir Désir nel dna, ci mette in guardia: non possiamo fare altro che trattenere il respiro fino al prossimo livido. Una vera e propria insana danza di corteggiamento.
Sorpresa delle sorprese, in "Pull Me Under" Katie Jane si arrende completamente, non solo nel testo ("I'll play your game - I'll take the blame - Just pull me under" il ritornello), anche la musica, infatti, è più "rispettosa" (senza perdere la sua aggressività, intendiamoci) e la voce è meno graffiante.
"Racing Towards the Sun" è una crisi isterica e una volta espulse tutte le tossine con il dimenarsi, Katie Jane torna a ballarci sinuosa davanti gli occhi sulle note di "Wolverine".

Acustica e sussurrata "Birdnest Hair". Regale e prepotente come le principesse viziate sanno essere "Princess Carwash" (altro gioiello che si salderà ai vostri timpani). "In Red" è una minaccia, un avvertimento a mantenere le distanze. "F.M. Doll" dovrebbe essere vietato nelle radio per incitamento alla pedofilia o all'incesto ("Strip baby strip - Cause your daddy is watching - Strip baby strip - Sure your mother knows nothing"), ma dal momento che questa, insieme a "Black Spring Rising" che la segue, è una canzone bellissima, anziché condannarla al rogo la canticchiamo tutta la sera.
Certo tutte le marachelle di questa bambina non possono rimanere impunite e i sensi di colpa arrivano con il buio e con "Childproof".
A concludere il lavoro "Cold Light Of The Day" e "Butcher And The Butterfly", ottime per la conclusione di una festa-devastazione perfettamente riuscita.

"The Butcher And The Butterfly" è un vero e proprio distillato dei dischi che lo hanno preceduto ("Taxidermy" del 2000 e "Drink Me" del 2002), un disco che i fan dei Queenadreena (e dei Daisy Chainsaw) consumeranno e un ottimo punto di partenza per chi, prima, non li conosceva.

In contemporanea, esce anche il live "Live At The Ica", dove nuovi brani (la maggior parte, ottime le versioni di "Medicine Jar" e "F.M. Doll" qui ridenominata "Fuck Me Doll") vengono alternati a quelli più datati (tra cui "Pretty Polly" e "Pretty Like Drugs") e dove si ha un'ennesima conferma, se ce ne fosse ancora bisogno, che Katie Jane Garside ha la carta vetrata al posto delle corde vocali. E a noi piace.
  • Tracklist
  1. Suck
  2. Medicine Jar
  3. Acending Stars
  4. Join The Dots
  5. Pull Me Under
  6. Racing Towards The Sun
  7. Wolverines
  8. Birdnest Hair
  9. Princess Carwash
  10. In Red
  11. FM Doll
  12. Blackspring Rising
  13. Childproof
  14. Princess Carwash (Slighty Reprise)
  15. Cold Light Of Day
  16. Butcher And The Butterfly
Queenadreena on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.