Santo Niente

Il fiore dell'agave

2005 (Black Candy) | rock-wave

Santo Niente è il moniker dietro cui opera Umberto Palazzo, senza dubbio una delle menti più fertili del rock indipendente italiano. Dal 2004 con tre new entry, la band approda a questo nuovo lavoro dopo l'Ep "Occhiali Scuri Al Mattino", dimostrando di restare fedele a un rock grezzo ma tagliente, affascinato da melodie sinuose, sprazzi punk-noise e rapimenti dark-wave. Registrato in presa diretta nel giro di una decina di giorni e sotto la supervisione dell'ottimo Fabio Magistrali, "Il Fiore dell'Agave" è un disco onesto e a suo modo coraggioso. Sa parlare con sincerità di una desolazione recondita, nascosta sotto l'asfalto delle metropoli e pronta a rapire l'anima.

Le liriche di Palazzo tradiscono una passione bruciante, che sceglie di parlare anche per astrazioni, senza perdersi mai in volgari nonsense intellettuali. Lo-fi come possibile esempio di una scrematura radicale di un rock già da par suo abituato a non nascondersi dietro un dito. Piuttosto, conscio di appartenere a una tradizione gloriosa, cui non teme di doversi sottomettere pur di (ri-)darle lustro e di appartenerle. Non stupiscono, quindi, i Joy Division rifatti dai Died Pretty di quel gioiello di "Luna Viola": oscurità e visioni desertiche, dentro polpa tribale. Circolarità ossessiva che in "Spirituale" sceglie di dileguarsi dietro inflessioni hard-eliche e in "Prima Della Caduta" tra le pieghe di una confessione dolente che si libera in un'esplosiva accelerazione psycho-punk. Le "Nuove Cicatrici" conservano il ricordo di ferite profonde, il lato nascosto di una emotività sull'orlo del baratro, nonostante si presenti in punta di piedi sulla soglia di una tessitura strumentale languida e trasognata (che ritroveremo anche nel pop indie-tronico di "Candele").

Ma alla rabbia implosa subentrano anche momenti più svagati e decisi a far valere la foga e l'energia del punk ("Facce Di Nylon" e "Le Superscimmie"), oppure certe valenze atmosferiche dell'indie-pop ("Occhiali Scuri Al Mattino", qui decisamente più groovy rispetto alla versione contenuta sull'Ep). C'e spazio anche per un'idea moderna di dark ("Santuario"), andante e disinibita, e per la danza dai sapori mediterranei di "L'Attesa". Da una registrazione casalinga proviene, infine, il bolero estatico di "Aloha", l'eremo più recondito da cui poter osservare con disincanto lo sfacelo della società e, nonostante tutto, continuare a sperare e a credere nell'amore: "Mi sembra di sparire/ di diventare immateriale/ dimenticarsi e dimenticare/ non è affatto male. Non che sia brutto qui/ ma riguarda me/ io vi amo maledetti/ io vi amo tutti".
Come non credergli?
  • Tracklist
  1. Luna viola
  2. Spirituale
  3. Prima della caduta
  4. Nuove cicatrici
  5. Facce di nylon
  6. Occhiali scuri al mattino
  7. Candele
  8. le superscimmie
  9. Santuario
  10. L'attesa
  11. Aloha
Santo Niente su OndaRock
Recensioni

SANTO NIENTE

Mare tranquillitatis

(2013 - Twelve Records)
Il quarto album della storica formazione alt-rock italiana guidata da Umberto Palazzo

Live Report
Santo Niente on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.