Yo La Tengo

Prisoners Of Love - A Smattering Of Scintillating Senescent Songs 1985-2003

2005 (Drag City) | psych-rock

Che grande band gli Yo La Tengo!
Nel loro immenso piccolo, sottotraccia, senza clamori, hanno segnato indelebilmente la stagione a cavallo tra gli Ottanta e i Novanta con sperimentazioni sulla forma-canzone, deturpando un impianto sonoro fondamentalmente folk-pop con sovrastrati chitarristici di chiaro marchio velvettiano-feeliesiano.
Un'enfasi per la ricerca armonica atta a far convivere melodie e rumore in modo fluido, in un percorso che per certi versi somiglia a quello di Spaceman 3.
"Ride The Tiger", "May I Sing With Me", "Electr-O-Pura", "And Nothing Turned Itself Inside-Out", tra gli altri, sono minuscoli ma importanti tasselli di un'evoluzione che ha segnato il passaggio da una fase di spiccata propensione alla composizione di massacrante trance pop-edelica, all'espressione di un modernariato psichedelico facente leva su dilatazioni e malinconiche melodie dreamy.
Mai un album meno che discreto, mai un ammiccamento verso sonorità commerciali, e questa raccolta lo testimonia appieno.

La raccolta, quindi: è questo l'oggetto della recensione; e che dire? Ottima, nel suo riuscire a descrivere i mutamenti ma anche la coerenza di fondo della proposta musicale Yo La Tengo.
Tra tour de force di frastuono urbano ("Shaker", "Sugarcube"), devastanti progressioni melodiche ("Tom Courtenay", "Drug Test") e tenerezze intimiste ("Pablo e Andrea", "By The Time It Gets Dark"), il doppio album scorre piacevole, tanto che alla fine viene voglia di rimetterlo su immediatamente.
Manca qualche piccolo gioiello, come "The Evil That Men Do", ma tant'è: la compilazione è attività intrinsecamente rischiosa e il gioco delle presenze/assenze è pura questione di ragioneria musicale.
Se siete fortunati a beccarvi l'edizione limitata, contenente un terzo cd di rarità varie, potrete deliziare i vostri padiglioni auricolari con diverse cover e con la perla "Autumn Sweater" remixata da Kevin Shields.
Consigliato a neofiti e non.

(10/12/2006)

  • Tracklist

CD1

  1. Shaker
  2. Sugarcube
  3. Barnby, Hardly, Working
  4. Little Eyes
  5. Stockholm Syndrome
  6. Our Way To Fall
  7. From A Motel 6
  8. Swing For Life
  9. Tom Courtenay Lewis
  10. I Heard You Looking
  11. You Can Have It All
  12. Did I Tell You

CD2

  1. The River Of Water
  2. Autumn Sweater
  3. Big Day Coming
  4. Pablo And Andrea
  5. Drug Test
  6. Season Of The Shark
  7. Upside Down
  8. The Summer
  9. Tears Are In Your Eyes
  10. Blue Line Swinger
  11. The Story Of Jazz
  12. Nuclear War (Version 1)
  13. By The Time It Gets Dark
Yo La Tengo su OndaRock
Recensioni

YO LA TENGO

There's a Riot Going On

(2018 - Matador)
Sempre più evanescente, la musica del gruppo americano vira verso un atipico ambient-pop-rock

YO LA TENGO

Stuff Like That There

(2015 - Matador)
Nove cover, tre rivisitazioni e due inediti nel tenue e intenso ritorno della band di Hoboken

YO LA TENGO

Fade

(2013 - Matador)
Il tredicesimo album del terzetto del New Jersey, fra minuzioso alt-rock e sublime Americana

YO LA TENGO

Popular Songs

(2009 - Matador)
Il trio americano torna con un caleidoscopico juke-box

YO LA TENGO

I'm Not Afraid Of You And I Will Beat Your Ass

(2006 - Matador)
Il ritorno ad alti livelli degli alfieri dell'indie-rock

YO LA TENGO

Summer Sun

(2003 - Matador)
L'anima "estiva" degli Yo La Tengo in tredici tracce

YO LA TENGO

I Can Hear The Heart Beating As One

(1997 - Matador)
Uno zibaldone di tendenze musicali dei 90's, firmato dai paladini dell'alt-rock Usa

News
Live Report
Yo La Tengo on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.