Brightblack Morning Light

Brightblack Morning Light

2006 (Self / Matador) | soul-pop

Nathan Shineywater e Rachel Hughes sono una felice coppia neo-hippie , di quelle che si incontrano solitamente nelle festicciole indie, magari su qualche collinetta del nord California, persi in contemplazioni mistiche e viaggi lisergici. Due ragazzi cresciuti tra filosofie flower-power e l’acid-folk dei bei tempi, un piano Rhodes in cameretta, la Stratocaster dell’età adulta e il wah wah di seconda mano, ripescato nei mercatini di Los Angeles. Contattati dagli abili (e astuti) “ricercatori” della Matador, i due giovani amanti piazzano, in questo secondo disco, dieci nenie “peace and love” dal tessuto soul, lucidate con smalto psichedelico, vellutato e a tratti quasi impercettibile; due ragazzi che potrebbero essere tranquillamente i nipotini di Cat Stevens, e che magari giocano nell’altra stanza a fare i Pink Floyd di “A Saucerful Of Secrets” in versione cioccolata.

La voce del giovane Nathan sembra provenire dal fondo del mare, o magari dal pozzo di casa Gilmour, anche se il ragazzo ha dimenticato, o ancora meglio non è capace di azzardare nessun vocalizzo ad effetto; le sue escursioni vocali non superano la sala di registrazione, restano sospese nel vuoto, lievitano, sospinte senza forza, quasi disperse, risollevate solo da una voglia infinita d’amore e libertà, un sospiro continuo che non conosce tregua, immerso nelle dolci utopie (?) di inizio millennio. I testi spaziano dalle questioni sociali più svariate, ai classici rituali amorosi di due “fanciulli” uniti nell’amore, congiunti in un sodalizio “pastorale”. In questo clima mon amour l’amatissima Rachel domina la scena tenendosi spesso a distanza siderale, qualche volta decide anche di avvicinarsi timidamente al microfono, senza mai slegarsi dalla mano del suo compagno.

Gracili sussulti mescolati a carezze afro-cubane aprono le stanze dell’Harem di casa Shineywater, “All We Have Broken Shine” non è altro che una danza notturna d’altri tempi, legata, nella sua ubriachezza persuasiva, alle tradizioni slow-folk delle associazioni pacifiste dei primi anni Settanta. Neanche il tempo di entrare e il Rhodes è già lì a mostrarci “A River Could Be Loved”, un vero e proprio sofà sonoro, ricamato con pochissime sfumature, nel segno di un’assoluta quiete sensoriale, mentre i due fan di Donovan (periodo "A Gift From A Flower To A Garden") continuano a immergersi in un lamento incantato, intonando un coro dall’effetto valium. Riprendiamo i sensi solo dopo un po’, con “Star Blanket River Child”, simpaticissimo blues dal ritmo docile, lievemente armonizzato dal wah wah ; la sorpresa è tutta nell’avanzata gospel della signorina Hughes, stavolta il microfono è tenuto stretto tra le mani, senza mai rinnegare troppo lo spirito yoga con il quale la tenera fanciulla modella le corde vocali.

Diciamo che, ascoltando questo disco tutto d’un fiato, si corre il rischio di mescolare puntualmente le carte, senza mai capire le regole del gioco proposto dai due fidanzatini; ciò è anche dovuto all’assenza di momenti realmente emozionanti, vivaci e generosi nel proporsi sul resto della produzione, spesso troppo “tiepida”. Ecco perché “Come Another Rain Down”, “Black Feather Wishes Rise” e “ Friend Of Time”, scorrono via senza lasciare il segno, eccezione fatta per alcuni momenti, quando subentrano trombette o qualche oggettino, sbattuto qua e là nella disperata ricerca del diversivo di turno.

Nonostante questi passaggi a vuoto, il disco non perde mai il contatto con l’alone esoterico proposto sin dal principio. Talvolta capita di riascoltare una “If” dei Floyd dilatata all’inverosimile, condita da orientalismi e scordate acide, degne di uno Shawn Phillips in preda all’alcool, intorbidito dal sonno. Non siamo nel bel mezzo dei Sessanta, ma al centro del primo decennio del nuovo millennio, e neanche la delicatissima “Fry Bread” evita il dolce (premeditato) equivoco, prima che “Everyboby Daylight” batta le mani e illumini nuovamente la stanza, risollevandoci dagli ormai caldi cuscini posti sul sofà d’ingresso; un soul psichedelico d’alta scuola, mai invadente, con un flauto sconnesso in lontananza a far da guida su tutto il resto.

Appena usciti fuori da queste suadenti mura, non possiamo che strizzare gli occhi, e pensare, con qualche rammarico, che la luce nera e luminosa del mattino ha riscaldato sì il nostro sonno più profondo, ma ha anche un tantino esagerato nel cullarci, causando, inevitabilmente, un risveglio con pochi ricordi del bel sogno appena svanito.

(06/10/2006)

  • Tracklist
  1. Everybody Daylight
  2. Friend Of Time
  3. Fry Bread
  4. Star Blanket River Child
  5. All We Have Broken Shines
  6. A River Could Be Loved
  7. Amber Canyon Magic
  8. Black Feather Wishes Rise
  9. Come Another Rain Down
  10. We Share Our Blanket With The O
Brightblack Morning Light on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.