Elected

Sun Sun Sun

2006 (Sub Pop) | alt-pop

Potrebbero coesistere i fondali ambient-acustici del Waters di "More" con le operette di classico merseybeat by Beatles? La domanda non è delle più semplici, forse una risposta con rinvio a giudizio ce la consegnano gli Elected. Se poi, oltre alla pasta e al sugo, condiamo il piatto con aromi country-pop, la ricetta potrebbe essere riproposta anche più di una volta. 
Gli Elected, travestendosi da chef con tanto di studio alle spalle, arrangiano una prelibatezza di bellezza rara, deliziando anche e soprattutto i palati più raffinati. Perché quando ti accosti a certa roba, o ti rimbocchi le maniche senza mai affidare nulla al caso, o puoi seriamente rischiare di chiudere bottega nel breve volgere di qualche anno. L'auspicio è quello di una carriera che sappia non solo riscuotere per quello dato, ma anche re-inventare per quello che gli eletti sapranno da ora in avanti costruire.

Il progetto Elected nasce attorno alla figura del cantautore Blake Sennett, che sforna dischi parallelamente all'altro gruppo d'appartenenza Rilo Kiley, facendosi scortare da Mike Bloom, anche lui poli-strumentista per la stessa band. L'opera che invoca il sole a più riprese, prende forma proprio durante l'ultimo tour dei Rilo Kiley, con registrazioni eseguite in luoghi di fortuna come retri di furgoni o camere di motel; la precarietà d'esecuzione d'altra parte è impercettibile, visto il velluto sul quale sembrano danzare i suoni.
Il canto sospirato di Blake (forse il reale punto di forza della band ) si immerge senza freni, lanciato dal suono classico di un'arpa magica nascosta dall' intro , nella prima gemma dell'opera; eleganza e dolcezza guidano una voce che si diverte nel raccontarsi con la discrezione di chi non ha secondi fini se non quello di compiacersi con il solo ausilio delle corde vocali. Tutto questo si ripete con la stessa qualità nel brano successivo "Fireflies In A Steel Mill" ancora più imploso del precedente; è proprio qui che la nostalgia sublima attraverso le note di piano la voglia di recuperare dal cassonetto quelle nenie con le quali più di tutti McCartney aveva rasserenato i cuori ribelli degli anni Sessanta.

I testi del disco, come accadeva nel primo episodio della saga in canzoni come "A Time For Emily" o "Cmon Mom", ricostruiscono trame di vita vissute di stampo autobiografico; lo stesso Blake afferma in una intervista che una tournée lunga un anno implica spirito d'adattamento, lo stesso spirito espresso da "Sun Sun Sun" in senso realistico e autobiografico, per l'appunto.
La matrice pop che supporta l'album nelle prime composizioni, trasforma le sue fattezze in motivetti country senza per questo perdere la nobiltà d'animo espressa in precedenza. Brani come "Old Times" e "Desiree" si lasciano trasportare dal vento del West senza mai inciampare su se stessi, riuscendo sempre a mantenere intatto e salvo l'obiettivo che il gruppo sembra essersi inizialmente auto-imposto: il pop. La reale convivenza dei generi trova la sua maturazione proprio nella title track, quando la chitarra chiama ad alta voce l'uno (country) e la voce risponde senza timori reverenziali con strofe e ritornelli dell'altro(pop); il riuscito siparietto si ripete con lo stesso successo anche in "Beautiful Rainbow" e in "Bigger Star".

Il resto è di ottima fattura, senza cadute o incertezze di alcun tipo; l'impressione finale è che il tanto bistrattato vecchio pop, alla fine, con tutto quello che ha ancora da dire, ne esca sempre rinnovato; per ora, anche volendo, non possiamo proprio farne a meno.

(28/09/2006)

  • Tracklist
  1. Clouds Parting (8:14 P.M.)
  2. Would You Come With Me
  3. Fireflies In A Steel Mill
  4. Not Going Home
  5. It Was Love
  6. Sun, Sun, Sun
  7. Did Me Good
  8. The Bank And Trust
  9. Old Times
  10. Desiree
  11. I'll Be Your Man
  12. Beautiful Rainbow
  13. Biggest Star
  14. At Home (Time Unknown)
Elected on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.