Josephine Foster

A Wolf In Sheep's Clothing/ Ein Wolf In Schafspelz

2006 (Locust) | psych-folk

Appena un anno fa eravamo rimasti incantati da quel quadro composto da colori variegati di "Hazel Eyes, I Will Lead You", adesso spunta, riesumato da un passato lontanissimo, l’opera più coraggiosa e compiuta di Josephine Foster.
Interamente incentrato sulla reinterpretazione di opere letterarie e musicali d’epoca romantica (da Schubert a Eichendorff, da Wolf a Brahms e Goethe), l’album rappresenta un ulteriore evoluzione della musica proposta da questa ragazza amante dei suoni antichi, arcani, mai dimenticati, un mondo scomparso e accantonato da una contemporaneità che tira un calcio al passato senza carpirne il vero significato, non solo musicale.
L’atmosfera sonora che si crea all’interno di questo disco è quella di un regno medievale infestato da demoni che cantano nenie acide e maledette, vagamente sognanti, ma ammorbate puntualmente da lancinanti rumori provenienti da strumenti sconosciuti. L’elemento estraneo che rende questo microcosmo musicale così straniante è la chitarra elettrica, quasi sempre in (piacevole) contrasto con gli accordi incantati di Josephine.
Il musicista in questione è Brian Goodman, già presente nel bellissimo "All the Leaves Are Gone ", a nome "Josephine Foster & the Supposed".

Il susseguirsi delle tracce pare un viaggio nomade fra terre desolate e isolate dalla felicità, pare di vedere una malinconia veleggiare su cieli nuvolosi. Un piccolo tuono in sottofondo disturba leggermente, sapori mistici inebriano i sensi, il fiorire di rumori allietano l’udito.
L’iniziale "An Die Musik" parte calma e posata, con la voce che sa districarsi fra un frangente oscuro e sussurrato e scampoli di bellezza cristallina, quasi fosse un angelo terreno a cantare la canzone della sua vita. Gli accordi della classica scorrono come un ruscello nel suo corso naturale, improvvisamente deviato da intromissioni estranee.
La chitarra elettrica di Goodman non si attenua un attimo, lacerando in continuazione il libero corso melodico di Josephine. I due opposti si scontrano e il vincitore sarà chi riuscirà a trovare la bellezza che sta in questo scrigno finemente decorato.
Si procede con la solenne "Der König in Thule", un vero e proprio testamento ignoto e imperscrutabile, una novella riferita con parole monche e sfigurate. Le note si smarriscono fra sentieri sperduti e direzioni inimmaginabili, sussurri di un’epoca remota. Il finale a capella è un brivido di paura misteriosa che percorre ogni singola particella della nostra mente. Il rimbombo di una stanza immensa, completamente vuota, saturata dalle parole di un messaggero maestoso.
"Verschwiegene Liebe" scorre come una fiaba maledetta, contrappuntata da sussurri aspri e scontrosi, soffi d’aria velenosa, parole dolorose e perdute. Una voce racconta storie sconosciute e incomprensibili, timbri gelidi e taglienti sono un accompagnamento perfetto, attimi di (e)stasi sonora dipingono ritratti irriconoscibili.
Una giornata di pioggia nel sottofondo della successiva "Die Schwestern", piccoli bisbigli di una sedia malandata effigiano una stanza piccola e intima, un camino con il fuoco crepitante e la musica nell’aria. Ancora un dualismo leale fra l’elettrica e la classica, con un effetto risultante di bellezza indecisa e misteriosa, il tutto termina fra un tuono che ammazza il silenzio e un cigolio che non si zittisce nemmeno alla fine. L’anelito vocale si tramuta sovente in vocalizzi che paiono stille di acqua limpida sgorgante in un rigolo purissimo.
"Wehmut" è arricchita con l’aggiunta di un piano mesto e nostalgico, il cui apporto è spesso decisivo per cesellare un qualcosa di inusuale e magico, spensierato e sospeso in aria. Gocce di suono cadono con dolcezza inaspettata, un mood leggermente più vivace e colorato si insinua progessivamente nelle trame della canzone, donando piacere e felicità. La fisarmonica sul finale è una farfalla che vola felice su un fiore.

Giunge in questo istante la traccia più rappresentativa e coraggiosa del disco, forse la maggior indicazione che ci viene data per immaginare come potrebbe essere il suono futuro dei dischi di Josephine.
"Auf Einer Burg" è lunga quasi 12 minuti ed è un improvvisazione psichedelica e cattiva, demoniaca e luciferina.
Spore velenose proliferano e non lasciano scampo, un trio di chitarre sferzanti spaccano in due i sensi disorientando, attimi di pace si alternano a coltellate quasi noise , il frastuono chitarristico complessivo concorre nel creare suoni che paiono un’ossessione infernale. Su tutto, il pianto, il richiamo, il gemito vocale che sprigiona dolore e sofferenza con distacco. Uno sfrigolio elettronico, sul finale, dà il colpo di grazia alla nostra mente.
Per farci recuperare fiato e ossigeno, viene collocata come finale l’allegra "Näne Des Geliebten", una favola immediata e saltellante, fra cori spensierati e accordi eseguiti con ritmo altalenante.

Forse il disco più bello mai pubblicato da Josephine Foster, forse il più coraggioso e sfrontato, quasi presuntuoso nel suo incedere sommesso e appartato. La nuova tappa di un cammino artistico di qualità inconfondibili e prospettive future infinite.
Sibili arcani e animi erranti, gole profonde e tramonti variopinti, storie dimenticate e cammini interminabili.

(31/05/2006)

  • Tracklist
  1. An Die Musik
  2. Der König in Thule
  3. Verschwiegene Liebe
  4. Die Schwestern
  5. Wehmut
  6. Auf Einer Burg
  7. Näne Des Geliebten
Josephine Foster su OndaRock
Recensioni

JOSEPHINE FOSTER

No More Lamps In The Morning

(2016 - Fire Records)
La folksinger americana reinterpreta se stessa con tenerezza e audacia

JOSEPHINE FOSTER

I'm A Dreamer

(2013 - Fire)
L'opera più accessibile e raffinata della grande interprete e studiosa del folk

JOSEPHINE FOSTER

Blood Rushing

(2012 - Fire)
La cantautrice americana torna a vestire i panni della strega campestre degli esordi

JOSEPHINE FOSTER

Graphic As A Star

(2009 - Fire)
La sirena folk americana in una rilettura ardita e personale di Emily Dickinson

JOSEPHINE FOSTER

This Coming Gladness

(2008 - Bo'Weavil)
Alla ricerca della felicità: lo straordinario come back della Foster

Josephine Foster on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.