Morrissey

Ringleader Of The Tormentors

2006 (Sanctuary Records) | pop

Son passati due anni da "You Are The Quarry", album non del tutto riuscito ma che rompendo un silenzio che durava dal 1997, lo riportò a quel successo che gli mancava da troppo tempo, e cosa più importante fece circolare il suo nome presso una vasta fetta di pubblico che o lo aveva dimenticato o, come molti dei più giovani spettatori di Mtv, non lo conosceva affatto. E lo shock di vedere passare in trasmissioni come Trl il video di "Irish Blood, English Heart" non è facile da dimenticare. Eccolo di nuovo dunque lo splendido quarantaseienne Morrissey; e quello che sale in cattedra in questo nuovo "Ringleader" è un artista prima di tutto evidentemente rinfrancato dai buoni riscontri e dall’attenzione riservatagli in questi ultimi due anni, un artista tornato entusiasta e sicuro di sé e sereno, almeno per quanto possa esserlo la voce storicamente più inquieta, polemica, amata e odiata della sua generazione.

Come si sa, "Ringleader" è stato registrato a Roma, città che è il nuovo grande amore di Morrissey, con un mostro sacro come Tony Visconti in cabina di regia, anch'egli probabilmente molto motivato e desideroso di pronto riscatto dopo l'inenarrabile flop di "Reality", il suo ultimo lavoro con David Bowie. Sgombrando subito il campo da equivoci, l'album non è affatto, come pure si vociferava, un concept sulla città. I riferimenti in questo senso nei testi sono anzi l'aspetto forse meno interessante di un lavoro che intanto trova grazie alla produzione di Visconti quella compattezza che mancava a "You Are The Quarry". Quello che ci riserva Moz non appare un concept, dunque, ma una nuova collezione di personali visioni e riflessioni, che a volte si specchiano - a dire il vero senza graffiare più di tanto - nell'attualità più scottante, più spesso assumono toni accorati e dolorosamente sognanti. Ma al centro c'è sempre lui, Stephen Morrissey e il suo sguardo disincantato e pungente.

L'ispirazione del nostro prende dunque forma in canzoni complesse come l'acida e insolitamente cupissima arringa iniziale, "I Will See You In Far Off Places" e la lunga "Life Is A Pigsty", una delle pagine più riuscite e coraggiose della sua carriera solista. Le canzoni si segnalano, tutte, per la loro perfezione formale. "Dear God Please Help Me", al cui arrangiamento ha contribuito Ennio Morricone, eccede forse in sentimentalismo, ma anche nei momenti meno convincenti (ad esempio l'immancabile ballatona à-la Elvis "I'll Never Be Anybody's Hero Now") a salvare la baracca c'è sempre quella voce, calda e profonda, in grado di emozionare come poche altre. Peccato che se da un lato Morrissey si mostra ispiratissimo come ai bei tempi degli Smiths nel costruire il ritornello killer (appunto!) di "You Have Killed Me", splendida, perfetta pop-song saggiamente scelta come singolo apri-pista, dall'altro canzoni come "The Father Who Must Be Killed" o la conclusiva "At Last I Am Born", per quanto la forma sia, come detto, impeccabile e pure i contenuti non manchino, non riescono a catturare come dovrebbero.

Funzionano meglio brani più diretti e meno ambiziosi come "On The Streets I Ran" e "The Youngest Was The Most Loved" che d'altra parte non fanno che ricalcare il singolo, con solo un po' di brillantezza in meno. E sia il brano più pop, "In The Future When All Is Well", che quello più atmosferico "To Me You Are A Work Of Art", sanno fin troppo di maniera. Eppure alla fine "Ringleader" è album non solo decisamente migliore del precedente, ma forse il miglior Morrissey dai tempi di "Vauxhall And I". Soprattutto perché ci regala un interprete in gran forma, e di questo non possiamo che rallegrarci. Peccato che le canzoni quasi fatichino a stargli dietro.

In ogni caso, se le canzoni memorabili scarseggiano, restano la sua voce e le sue parole. Quelle sì, ancora e sempre, da mandare a memoria.

(03/04/2006)

  • Tracklist
  1. I Will See You In Far Off Places
  2. Dear God, Please Help Me
  3. You Have Killed Me
  4. The Youngest Was the Most Loved
  5. In the Future When All's Well
  6. The Father Who Must Be Killed
  7. Life Is a Pigsty
  8. I'll Never Be Anybody's Hero
  9. On The Streets I Ran
  10. To Me You Are a Work of Art
  11. I Just Want to See the Boy Happy
  12. At Last I Am Born
Morrissey su OndaRock
Recensioni

MORRISSEY

World Peace Is None Of Your Business

(2014 - Harvest/Virgin)
L'anticonformista ribelle affronta la sua prova di maturità artistica

MORRISSEY

Years Of Refusal

(2009 - Polydor/ Decca)
Il nuovo lavoro dell'ultima delle famose popstar internazionali

MORRISSEY

Swords

(2009 - Polydor)
Una raccolta di b-sides incise dal 2004 ad oggi. Ma guai a considerarle "scarti"...

MORRISSEY

Live At Earls Court

(2005 - Sanctuary)
Un emozionante disco dal vivo dopo il rientro in grande stile di "You Are The Quarry"

MORRISSEY

You Are The Quarry

(2004 - Attack Records)

SMITHS

The Queen Is Dead

(1986 - Rough Trade)
Il capolavoro della band di Manchester capitanata da Steven Patrick Morrissey

News
Speciali

Morrissey on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.