Charlemagne Palestine / Tony Conrad

An Aural Symbiotic Mystery

2006 (Sub Rosa) | avanguardia

Per la serie "non è mai troppo tardi", dopo più di un anno di attesa, Sub Rosa ha deciso di divulgare la testimonianza dell'evento miracoloso verificatosi in una sera di fine estate al Mercelis Theatre di Bruxelles. Autori: Charlemagne Palestine e Tony Conrad.

Sui due artisti crediamo ci sia poco da dire: si sa ormai quasi tutto delle vicende di questi prolifici, straordinariamente geniali e non meno influenti interpreti del minimalismo applicato alla musica, veri e propri artisti di culto da ormai parecchi lustri. Ancora di più si sa, si è detto o scritto delle loro opere, delle sedute spiritiche al piano dell'uno, delle lunghe progressioni al violino dell'altro.

"An Aural Symbiotic Mystery", da questo punto di vista, non è portatore di nessuna sconvolgente novità: Charlemagne Palestine si dedica al pianoforte con la consueta tecnica dello strumming, Conrad, come (quasi) sempre, al suo strumento più amato, suonandolo con la stessa intensità ascoltata lo scorso anno in "Outside The Dream Syndicate Alive". A sorprendere è l'intesa simbiotica (mutuando il termine dal titolo) tra i due artisti, che si traduce, spostandosi dalla parte dell'ascoltatore, in una cinquantina di minuti di musica straordinaria e misteriosa (sempre pescando dal solito posto) che ti tiene incollato ai diffusori del tuo impianto, in una lenta alternanza di momenti di quiete e crescendo emozionali.

Sentiremo ancora parlare di questa perfetta osmosi tra due strumenti così diversi tra loro; peccato solo per la poco felice data di uscita, che lo ha tolto, purtroppo, dagli onori di parecchi inventari musicali del duemilasei.

(03/04/2007)



  • Tracklist
  1. An Aural Symbiotic Mystery



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.