Benoit Pioulard

Precis

2006 (Kranky) | electro-folk

Thomas Meluch, aka Benoit Pioulard, ha già all’attivo svariati cd-r e un sontuoso 7" quando a Chicago comincia a diffondersi il suo nome. Tra i quartieri indipendenti e i luminosi sentieri del web è già vivo un discreto hype, le quotazioni dell’ormai ex Esmae crescono giorno dopo giorno, ora dopo ora…. Solo alcuni mesi e la gloriosa etichetta dell’Illinois è già sulle sue tracce: troppo astuta per lasciarsi scappare un fenomeno di tale portata. In pochissimi giorni prende vita "Précis": quindici monologhi elettroacustici, che delineano i bordi di una mappatura in cui il folk avanguardistico di casa Kranky, conformizzato di recente al mainstream, e un’articolata attitudine pop annullano le proprie distanze, assemblandosi e deteriorandosi senza tregua, come l’impasto artificioso del più celebre fuochista parigino.

L’incontro folcloristico tra le acerbe manie acustiche di questo giovane fotografo e l’immaginario meticoloso dei suoi scatti è un incrocio dove le distanze progressive, poste ai bordi di un doppio percorso artistico, non indicano punti di riferimento "precisi", ma lasciano all’osservatore/ascoltatore soltanto dei segnali sparsi a casaccio, attraverso i quali ognuno può intraprendere un diverso cammino, aderendolo fantasticamente al proprio inconscio audiofilo.

"La Guerre De Sept Ans" annuncia quello che sarà l’intarsio sperimentale del disco. Tre minuti esatti di accavallamenti cristallini, sovrapposizioni al laptot, deragliamenti acustici. Se la vera guerra dei sette anni, combattutasi nella seconda metà del Settecento, aprì nuovi scenari politici, inaugurando di fatto la prima vera battaglia al controllo globale, questa traccia introduttiva non è nient’altro che il rinnovamento sonoro di quel concetto ideologico. La ripresa post-bellica è affidata alle cadenze ubriache di "Togheter & Down", una lenta marcia eseguita con passo ubriaco, sullo sfondo è la ricerca imperscrutabile di contorni ambientali a dominare lo sfondo, definiti a mo’ di bagliori acustici in loop, à-la Richard Youngs per intenderci. Mentre l’apprensione melodica di "Alan & Dawn" traccia degli intrecci sempre più ovattati, "Corpus Chant" riprende i cocci frastagliati dell’esplosiva introduzione attraverso sfumature celestiali e un arpeggio clamorosamente etereo.

La classe del giovane songwriter ha nella distensiva evoluzione di "Triggering Back" e nei trionfalismi eolici di "Palimend" l’apice del proprio costrutto armonico, contornati nel mezzo dai tratteggi soporiferi di "Moth Wings".
Ai primi Calexico fanno sicuro affidamento le inquiete linee melodiche di "Needle & Thread", ombrate in coda dai quaranta secondi di rigurgiti avantgarde di " R Coloring". A chiudere questo meraviglioso scrigno di dissonanze elettroacustiche è l’allegra "Ash Into Sky", Pioulard stavolta si lascia andare a un leggero ritornello, prima che il solito getto di modernismo materialistico prenda il sopravvento.

"Précis" si colloca nella dimensione affatto imperscrutabile della risalita acustica degli ultimi anni, tritando in tutte le sue parti ogni forma di ostentazione. Molto raramente qualcosa appare definito e contornato, visto che ogni lato di questo poligono presenta degli schizzi fuori traiettoria a creare un senso preponderante di "sfumato". E’ davvero strana la sensazione che si ha nel non riuscire quasi mai a individuare una linea vocale urlata e istrionica, così come fa specie (in positivo) il complessivo effetto detonatore degli arrangiamenti. Il disco auto-produce degli impulsi eterei, forse per non creare vero distacco dall’imprinting della Kranky, forse per impiantarli su una struttura originaria che da tutti sarebbe stata gestita con più volume. Il bello, però, è proprio questo: "Précis" di preciso e perfettino non ha nulla, ma cammina sospeso tra fiori di lillà, pulviscoli e bolle di sapone.

(10/07/2007)

  • Tracklist
  1. La Guerre de Sept Ans
  2. Together & Down
  3. Ext. Leslie Park
  4. Triggering Back
  5. Moth Wings
  6. Alan & Dawn
  7. Corpus Chant
  8. Palimend
  9. Coup de Foudre
  10. Hirondelle
  11. Needle & Thread
  12. R Coloring
  13. Sous la Plage
  14. Patter
  15. Ash Into the Sky
Benoīt Pioulard su OndaRock
Recensioni

BENOīT PIOULARD

The Benoīt Pioulard Listening Matter

(2016 - Kranky)
L'impermanenza della realtà nel cantautorato sempre più scarno di Meluch

BENOIT PīOULARD

Sonnet

(2015 - Kranky)
Quattordici nuove tracce tratteggiano atmosfere bucoliche care al musicista del Michigan

BENOīT PIOULARD

Hymnal

(2013 - Kranky)
La folktronica del cantautore americano ispirata dall'architettura sacra del vecchio continente

BENOIT PIOULARD

Lasted

(2010 - Kranky)
Nuove ardite manipolazioni dal progetto folk-(pop-)tronico di Thomas Meluch

BENOIT PIOULARD

Temper

(2008 - Kranky)
Mutazioni genetiche di folk ed elettronica: un'ottima conferma per il giovane americano

Benoit Pioulard on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.