Pipettes

We Are The Pipettes

2006 (Memphis Industries) | twee-pop

Gwenno, Riot Becki e Rosay sono le tre ragazze carine dell’università che se riviste il venerdì sera al disco-club addobbate frou frou , schizzano al numero uno nella classifica dei sogni erotici nel cassetto dell’ indieboy medio. Un simile incipit potrebbe lasciar intendere che chi scrive preferirà dedicarsi alle facezie estetiche piuttosto che parlarvi di musica. Invece, la giocosa frivolezza che veste le tre inglesine non è che la punta dell’iceberg di una proposta che affonda in toto le radici nel superfluo, non trovando quindi l’unica ragion d’essere nei vestitini a pois , o nelle cascate di strass démodé che ricoprono deliziose quanto succinte mise color pastello. Le Pipettes sono la risposta leggera alle seriose starlette r’n’b, ovvero l’easy-listening prima che il silicone diventasse l’irrinunciabile sigillo a tette e labbra di qualsivoglia fanciulla che voglia ambire alle luccicanti ribalte degli Mtv awards. Anche perché simili premi non esistevano né quando a dirigere il traffico del teen-pop era Phil Spector, e neppure quando i cliché dei party-album erano ripresi da fedeli all’estetica, come i The B-52’s, o dai confezionatori di hit simil-sixties, tipo le Bananarama.

Il progetto è maledettamente serio, le futilità studiate in ogni dettaglio: la posa è il credo, le canzoni il veicolo del divertimento che supera il revival raccogliendo a sé tutte le pulsioni vintage che l’indiepop di questi anni ha copiosamente seminato. Che il loro lungimirante manager Monster Bobby avesse le idee chiare si evince dalla cura con cui le ragazze sono state lanciate: una serie di concerti mirati con solidi musicisti alle spalle, e a supporto di nomi caldi del panorama inglese quali Graham Coxon e British Sea Power, una messe di singoli che non hanno lasciato insensibile il pubblico britannico, poi la distribuzione esclusiva per I-Tunes e solo alla fine la stampa dell’album, accolto con un lusinghiero numero 41 dalle Uk chart.

"We Are The Pipettes" è una collezione di canzoncine facili facili che citano più o meno sfacciatamente i vagiti della Motown ("Judy", "Because It's Not Love"), le soleggiate cavalcate di un mood già ripreso in anni più recenti da Swing Out Sisters ed Everything But The Girl ("It Hurts To See You Dance So Well"), e twist con tutti i sacri crismi, che però attingono un po' di chiasso dalle gesta degli odierni The Go!Team ("Your Kisses Are Wasted On Me", e la title track ). Il tutto tenuto assieme da umori, pur aggiornati, di spectoriana memoria sia negli arrangiamenti sia nella durata dei brani, solo in un caso superiore ai tre minuti.

Tutto perfetto, dunque? Non proprio, giacché l’album ha il limite di arrivare in fondo col fiato corto, vuoi per la latitanza di variazioni sul tema, vuoi per il ruffiano retrogusto di già sentito che non sempre rimane entro limiti fisiologici. Così finisce che anche i trenta minuti e poco più del disco appaiano troppi, anche se a occuparli sono i seducenti quadretti sonori del girl trio più accattivante dell’anno. Peccati veniali, che saranno dimenticati al primo party riuscito cui sarete invitati.

(20/09/2006)



  • Tracklist
  1. We Are The Pipettes
  2. Pull Shapes
  3. Why Did You Stay
  4. Dirty Mind
  5. It Hurts to See You Dance So Well
  6. Judy
  7. A Winter's Sky
  8. Your Kisses Are Wasted On Me
  9. Tell Me What You Want
  10. Because It's Not Love (But It's Still A Feeling)
  11. Sex
  12. One Night Stand
  13. ABC
  14. I Love You
Pipettes su OndaRock
Recensioni

PIPETTES

Earth Vs The Pipettes

(2010 - Fortuna Pop)
Il progetto Pipettes si muove verso gli anni 70: le voci cambiano, ma senza novità di rilievo ..

Pipettes on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.