Sightings

End Times

2006 (Fusetron) | noise-rock

Prendete qualche quintale di rottami ferrosi e rovesciateli sul tetto della vostra auto. Questo è "End Times": una cascata di detriti metallici su una lamiera, con un risultato per il vostro udito, molto simile a quello del tetto della succitata automobile. Fracassato.
Ma perché, compiere un gesto così insulso? Perché sì. Perché è giusto compiere atti idioti in piena consapevolezza. Perché c’è un malsano divertimento nel fare cose che già in principio sono destinate a finire male.

I Sightings non sono certo dei novellini in materia: ormai è già da qualche anno che i newyorkesi Mark Morgan (chitarra e voce), Richard Hoffman (basso e tastiere) e Jon Lockie (batteria ed elettronica) portano avanti la loro frastornante proposta, una rischiosissima intersezione di massimalismo noise, approccio punk e ritmiche industriali.
"Arrived In Gold" del 2004 fu una svolta piuttosto radicale nel loro sound: strutture ritmiche più complesse, cacofonia più o meno svanita, una maggior cura nelle registrazioni, qui e là addirittura qualche passaggio melodico. Sembrava una strada simile a quella che ha portato i Black Dice dall’hardcore degli esordi alle raffinatezze di "Beaches & Canyons".
Tuttavia, su quella strada che avrebbe potuto fare evolvere il gruppo verso altri e più confortevoli lidi, i tre in questione hanno deciso di passare sopra con un bulldozer. Con questo lavoro i Sightings ritornano alla ferocia dell’omonimo debutto, riprendendo quel sound claustrofobico e angosciante che li contraddistingueva, riportando il volume a picchi da denuncia. Sotto questo aspetto “The Brains You Were Born With” è il loro trionfo: amplificatori che collassano su se stessi, ritmica forsennata e una voce scartavetrata che urla distante nel tentativo di farsi udire.
Ma “End Times” non è solo un ritorno alle origini, i passi avanti fatti con “Arrived In Gold” non sono stati affatto dimenticati: capita così di intravedere i Dead C di “Tusk” nel lavoro percussivo della conclusiva “Slow Boat” o di rendersi conto di tenere il tempo con il piede durante “Only Below”, lasciandosi trasportare dal suo ipnotico crescendo. “Carry On” è una lamento di voce e feedback su una ritmica circolare, “All The Scams” dimostra che la lezione Harry Pussy è stata ben studiata e “My Due Potion” non si distanzia molto dal tribalismo di certe cose freak-folk.

In teoria si potrebbe parlare di album della maturità, anche se fa un po’ ridere accostare la parola maturità al frastuono qui presente, a prima vista gratuito, eccessivo, insulso. Tutto vero, quasi certamente dopo pochi secondi avrete voglia di chiudere tutto, ma se siete dotati di una sana dose di autolesionismo vorrete sentire come continua e così vi ritroverete a fine disco dopo quasi un’ora a domandarvi il perché avete resistito fino a quel momento. Risposta semplice: perché sì.

(11/10/2006)

  • Tracklist
  1. Cotton Sweaters
  2. Failure Of Words
  3. My Due Potion
  4. The Brains You Were Born With
  5. Carry On
  6. Bile Duct
  7. Only Below
  8. All The Scams
  9. Slow Boat
Sightings su OndaRock
Recensioni

SIGHTINGS

Amusers And Puzzlers

(2015 - Dais Records)
Esce postumo l'ultimo disco del trio newyorkese, all'insegna di un feroce noise-rock

SIGHTINGS

Terribly Well

(2013 - Dais Records)
Vinile in edizione limitata per il ritorno del trio newyorkese, sempre alle prese con il brivido del ..

SIGHTINGS

Future Accidents

(2011 - Our Mouth)
Ancora un lavoro poco convincente per il trio di Brooklyn

SIGHTINGS

City Of Straw

(2010 - Brah/ Jagjaguwar)
Ritorna il frastuono feroce e angosciante del trio industrial-noise newyorkese

SIGHTINGS

Through The Panama

(2007 - Load)
Un nuovo album che impone un netto cambio di rotta per il trio di Brooklyn

SIGHTINGS

Arrived In Gold

(2004 - Load Records)

Sightings on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.