Bruce Springsteen

We Shall Overcome The Seeger Sessions

2006 (Sony Bmg) | folk-rock

di Cristian Degano (31 maggio 2006)
"Questo approccio trasporta l’ascoltatore lungo tutto il tragitto, poiché si ascolta la musica non solo venire suonata, ma venire fatta". Parole programmatiche che il Boss scrive nella breve introduzione al suo nuovo album, una manciata di cover estratte dal repertorio del leggendario folksinger Pete Seeger (1919-). L’approccio a cui si fa riferimento è schiettamente live , diretto e immediato: tre giorni di sessioni, nessuna vera prova, un gruppo di musicisti con cui suona per la prima volta (fatte salve alcune eccezioni). L’atmosfera che pervade "The Seeger Sessions" è estremamente vitale ed emozionante, una lunga festa dove la spontaneità e la danza la fanno da padrone.

A un anno di distanza dal ritorno acustico di "Devils & Dust", Bruce Springsteen intraprende una nuova rilettura di quella folk-ballad tradition che scorre nelle viscere di un’America persa tra sogni imperialisti e oasi tecnocratiche. Un ritorno forte e stentoreo all’umanità vitale, semplice e spontanea, al tratteggio di stralci di vita tanto particolari quanto esemplari, dal sapore epico. Come l’ultimo Johnny Cash della serie "American Recordings", un altro gigante della musica americana si immerge nell’intima essenza della propria storia, raccogliendone il bagaglio emotivo e culturale. I brani contenuti nell’album sono quasi tutti traditional , alcuni risalenti addirittura al secolo scorso e oltre, che vengono fatti rivivere grazie alla sensibilità contemporanea dell’artista: la lontananza annullata, la realtà in fondo la stessa, il passato riportato all’atto del vivere presente.

L’operazione, in sé rischiosa perché facile alla sterilità, alla riproposizione senz’anima di melodie dalla presa facile, come il famoso nano che sulle spalle del gigante si erge maestoso senza merito proprio, risulta infine compiuta per diverse ragioni. Innanzitutto la sua estemporaneità: in un mondo dominato dalla velocità virtuale della rete e dall’artificiosità tecnologica così lontana dalla natura, si torna a viaggiare con i vestiti lisi e le scarpe consunte tra la polvere delle vecchie frontiere, con mezzi di fortuna e nessun centesimo in tasca; invece della patinata musica pop odierna, un pugno di strumenti unplugged suonati in una stanza come all’aria aperta, aspri e senza compromessi come il folk da sempre è. In secondo luogo, l’eccezionalità dell’evento e la compagine quasi casuale dei musicisti riuniti dal boss ne impreziosiscono il valore, accentuando la vitalità di una musica senza barriere, temporali e spaziali.
Infine, la ormai imponente personalità di Springsteen riemerge nella sua interezza, uno degli ultimi rocker rimasti a non accettare facili compromessi, in grado di perseguire una strada forse meno facile ma remunerativa, e certamente in linea con la propria carriera: la ricerca di un senso, una direzione nel caos.

Scorrendo queste travellin’ songs si toccano le lande sacre del gospel, le danze sfrenate del country, atmosfere jazzy d’inizio secolo, la virulenza fiera della protesta sociale, le sane scorribande del folk, il tutto accompagnato dalla voce biascicata, roca e profonda del leader. Irresistibile il girotondo saltellante di "O Mary Don’t You Weep", sospesa tra i campi di cotone dove lavoravano gli schiavi e lo sbarco di immigrati in America, tagliente l’inno sacro "Eyes On the Prize", malinconico incedere bluegrass in attesa della vera libertà (ultraterrena).
La denuncia antibellica e dolente della ballata irlandese "Mrs. McGrath" si immerge d’obbligo nelle brume celtiche segnate dalla povertà, la guerra come unico riscatto ma portatrice di solo dolore, mentre la guthriana "Jesse James" mitizza, trasportandola nella leggenda, la figura del bandito, novello Robin Hood che ruba ai ricchi per dare ai poveri, cavalcando una melodia godereccia e battagliera cantata mentre si fa bisboccia.

Un divertissement forse senza pretese, "The Seeger Sessions" testimonia comunque l’inesauribile vena creativa dell’artista di Freehold, e la sua capacità di ricrearsi, adattandosi all’incedere inesorabile del tempo senza chiudersi nella torre d’avorio di un passato lontano e irraggiungibile. L’unico difetto imputabile al disco è l’assenza di una reale carica anarchica e palingenetica nel fare cover, quella per intenderci che pervade "Cover Magazine" dei Giant Sand, in cui il filtro apposto dall’interprete nel riproporre l’originale come copia impone un tale marchio indistinguibile da rendere i pezzi dei nuovi brani; questa, comunque, è tutta un’altra storia, altre le canzoni scelte, altra l’anima del musicista, altre la radici trapiantate.
Non resta che assecondare il piacere che le orecchie e il cuore provano nell’ascoltare la vita che scorre in "We Shall Overcome", inarrestabile flusso fatto di gioie e dolori, un passato che riprende colore come se fosse magicamente innaffiato dall’Ubik dickiano .

(04/06/2006)

  • Tracklist
  1. Old Dan Tucker
  2. Jesse James
  3. Mrs. McGrath
  4. O Mary Don't You Weep
  5. John Henry
  6. Erie Canal
  7. Jacob's Ladder
  8. My Oklahoma Home
  9. Eyes On The Prize
  10. Shenandoah
  11. Pay Me My Money Down
  12. We Shall Overcome
  13. Froggie Went A-Courtin'
  14. Bonus track: Buffalo Gals How Can I Keep From Singing
Bruce Springsteen su OndaRock
Recensioni

BRUCE SPRINGSTEEN

The Ties That Bind: The River Collection 1980-2015

(2015 - Columbia)
In coincidenza col Natale, un gradito regalo da parte del Boss

BRUCE SPRINGSTEEN

High Hopes

(2014 - Columbia)
Springsteen si affida alla chitarra di Tom Morello per rivisitare un pugno di brani recuperati dagli ..

BRUCE SPRINGSTEEN

Wrecking Ball

(2012 - Columbia)
Il sogno americano al tempo della crisi, in un disco carico di rabbia e di speranza

BRUCE SPRINGSTEEN

The Promise

(2010 - Columbia)
Dagli archivi springsteeniani, il "disco perduto" delle session di "Darkness On The Edge ..

BRUCE SPRINGSTEEN

Working On A Dream

(2009 - Columbia)

Un juke-box di sogni in chiave pop per l’era Obama

BRUCE SPRINGSTEEN

Magic

(2007 - Sony Bmg)
L’annunciato ritorno del Boss con la consumata E-Street Band

BRUCE SPRINGSTEEN

Live In Dublin

(2007 - Columbia)
A metà tra marketing e live, un'altra uscita per Springsteen

BRUCE SPRINGSTEEN

Devils & Dust

(2005 - Columbia)

BRUCE SPRINGSTEEN

Nebraska

(1982 - Columbia)
Il disco che definisce la grandezza del Boss con un oscuro tour de force acustico

BRUCE SPRINGSTEEN

The River

(1980 - Columbia)
Un doppio album che suggella un periodo memorabile per il songwriter di Freehold, New Jersey

News
Live Report
Speciali

Bruce Springsteen on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.