Acid Mothers Temple & The M. P. UFO

Crystal Rainbow Pyramid Under The Stars

2007 (Important Records) | psichedelia

Chi conosce l’ensemble giapponese guidato da Makoto Kawabata sa già cosa troverà in questo “Crystal Rainbow Pyramid Under The Stars”, ennesimo, strerminato delirio psichedelico di una carriera ormai più che decennale. Novità importante (oltre alla new entry della vocalist Kitagawa Hao), la produzione, grazie alla quale - come precisa la stessa Important Records - il suono è finalmente “pulito”, cosa che ci permette di apprezzare al meglio le varie sorgenti sonore (la chitarra indemoniata del leader, l’elettronica di Hiroshi Higashi, il basso di Atsushi Tsuyama, la batteria di Koizumi Haijime) che danno vita al cerimoniale lisergico, introdotto al meglio dalla bolgia caleidoscopica di “Pussy Head Man From Outer Space” in un tripudio di wah-wah martoriati, feedback guizzanti e synth spiraliformi che ne dicono di tutti i colori. Insomma: non è un caso che, da molti, questi signori siano stati acclamati come il più grande gruppo psichedelico in circolazione. C’è tutto quello che serve per lo sballo: assoli interminabili, linee di basso mastodontiche, batteria pestona, digressioni erratiche. Magari, aggiungendo qualche additivo, le cose saranno ancora più eccitanti (a buon intenditore, poche parole…).

La title track (ventuno minuti e rotti) è il volo spaziale che ti aspetti in un disco come questo: la carovana è in fuga verso qualche galassia lontana, ma c’è un’ironia di fondo (la voce della Hao che imita un Paperino disperso nel cosmo…) che ci fa gustare il trip con la giusta dose di menefreghismo, con quell’espressione beota di chi ne ha sentite tante, ma proprio tante di jam così, eppure proprio non riesce a spegnere il cuore per azionare il cervello. Anche perché, diciamocela tutta, Kawabata & co. hanno classe da vendere, per cui, come dire?, si cammina sul filo dell’ovvio, senza mai cadere nel baratro della banalità.

Anzi, una volta terminata “Electric Psilocybin Flashback”, ti rendi conto che sei dinanzi a uno dei loro brani più grandi di sempre. Una suite bella e buona, senza soluzione di continuità. Ecco, quindi, una briosa danza (?) - tra intrugli elettro-cosmici assortiti e droni ribollenti -, una specie di jazz-noir interstellare (con sax di ordinanza), un folk intimista rilassato sui prati dell’eden, con la Hao nelle vesti di una Dea smarrita; e, poi, ancora, un fuori bordo a metà tra una "Dark Star" derelitta e un Hendrix prestato al free-jazz, prima della deriva Stars Of The Lid + profumi indianeggianti del finale.
Insomma: con questi quaranta minuti e rotti, le quotazioni del disco si alzano, facendone non più un affare per soli fan, ma un disco meritevole di attenzione, nonostante una prima parte, lo ripetiamo, un po' troppo legata a certi clichès del genere.

(23/06/2007)

  • Tracklist
1. Pussy Head Man From Outer Space
2. Crystal Rainbow Pyramid
3. Electric Psilocybin Flashback
Acid Mothers Temple & the M. P. U.F.O. su OndaRock
Recensioni

ACID MOTHERS TEMPLE & THE M. P. U.F.O.

Son Of A Bitches Brew

(2012 - Important Records)
Il collettivo giapponese omaggia uno dei dischi più importanti di Miles Davis in un'opera appassionata ..

ACID MOTHERS TEMPLE & THE M. P. U.F.O.

In 0 to ∞

(2010 - Important)
Proseguono imperterriti i deliri psichedelici di Makoto Kawabata e dei suoi fidi compari

Acid Mothers Temple & The M. P. UFO on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.