Aidan Baker

Green & Cold

2007 (Gears of Sand Recordings) | psichedelia, ambient-drone

Difficile stare dietro alle numerose uscite di Aidan Baker, artista prolifico come pochi. L’anno scorso ci aveva profondamente colpito con il validissimo “Dog Fox Gone To Ground”, disco di rara intensità, in cui il canadese faceva bella mostra di tutto il suo talento. Oggi, invece, “Green & Cold” testimonia il suo stato di grazia con un’opera ancora una volta fortemente evocativa, anche se leggermente incompiuta.

Conteso tra My Bloody Valentine, Pink Floyd e Spacemen 3, “Green & Cold” mostra un’austerità narcolettica, soprattutto quando la musica si confonde con quel suo cantilenare distratto e distante. Un “dream-pop decostruzionista”, come lo definisce lo stesso Aidan. Di certo, la matrice pop è alquanto sommersa, direi quasi invisibile ad occhio (pardon, orecchio…) nudo. Evidente, invece, l’impeto "aereo" e sospeso, la volontà di spingere il suono verso alture più psicologiche che fisiche. Così, il lungo preludio ascensionale di “Untitled” coagula intorno alla melodia soffocata e trasognata di “Chainsaw”, il cui baricentro è continuamente depotenziato da numerosi punti di fuga.

E’ un suono offuscato da nebbie mentali, proiettato verso l’alto ma a forza di sussulti anemici, ancora più rassegnato ed esangue quando restano solo corde pizzicate distrattamente e voce sussurrata (“Merge” e la title track, momenti a dire il vero un tantino fuori contesto). Può darsi, però, che quest’ultime due siano da intendere come pause di riflessione, attimi in cui si ridestano le forze per affrontare momenti più avventurosi, come lo shoegaze “mentale” di “Beautiful Beast”, capace di trascolorare in vacillante incanto ambientale e di ergersi, titanico, tra droni e saette astrali; o come i Galaxie 500 strafatti di tranquillanti che suonano uno slow-core trascendentale, Popol Vuh-iano (“Machina”), la cui ombra si allunga, dissolvendosi lentamente (molto lentamente!) negli ultimi due “Untitled”: estasi sconfinata, percorsa da impercettibili brividi liturgici, la prima; dissolvenza carica di echi, la seconda.

Consigliato soprattutto a chi non ha ancora assaggiato la musica di questo canadese smaliziato e talentuoso.

(06/04/2007)

  • Tracklist
1.     Untitled
2.     Chainsaw
3.     Merge
4.     Beautiful Beast
5.     Green & Cold
6.     Machina
7.     Untitled
8.     Untitled
Aidan Baker su OndaRock
Recensioni

AIDAN BAKER

The Sea Swells A Bit (ristampa)

(2015 - Ici d'Ailleurs / Mind Travels)
Ristampa per uno dei momenti più alti della carriera di Baker

AIDAN BAKER

Aneira

(2013 - Glacial Movements)
Il chitarrista e sperimentatore contamina la sua ambient con rimostranze industriali

AIDAN BAKER

Already Drowning

(2013 - Gizeh)
Otto muse prestano le proprie voci per il nuovo concept dell'infaticabile artista canadese

AIDAN BAKER

Liminoid / Lifeforms

(2010 - Alien8)
Il lato più sinfonico e “corale” del musicista canadese

AIDAN BAKER

Dog Fox Gone To Ground

(2006 - Afe Records)

Un'ambient-drone pacificata e ricca di sfumature infinitesimali

Aidan Baker on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.